Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La rivoluzione tecnica del digitale terrestre: manca poco, ma ... siamo pronti?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•17/02 - Fleshgore…dalla ex cortina di ferro con furore…
•12/02 - Angelus Rock infreddolito: Roberto Cacciapaglia inizia il tour russo e poi il 5 Marzo parte quello italiano da Firenze ..
•06/01 - Marco Papadia: tradizione e avanguardia nel jazz
(altre »)
 
 Recensioni
•20/02 - Straight Hate Every Scum is a Straight Arrow (Deformeathing Production) – Polonia violenta
•19/02 - The Bankrobber – Missing (VRec) .. post punk vellutato, l'incontro con il pop e la new wave ..
•18/02 - Sage Live @ Tvornica (video) – Croatian Metal Assault
(altre »)
 
 Comunicati
•21/02 - Open Day a Milano il 25 febbraio per scoprire tutti i segreti di Romeo e Giulietta - Ama e cambia il mondo
•21/02 - Porgy and Bess al teatro Testaccio con la World Spirit Orchestra
•21/02 - Cesare Cremonini, sold out a Bologna e nuovo singolo
(altre »)
 
 Rumours
•21/02 - Gli Attrition al Traffic di Roma il 23 febbraio con Russian Rose e Lykoi
•21/02 - Zucchero, dal 26 febbraio nuovi concerti in Italia con Wanted Italian Tour 2018
•20/02 - Enzo Avitabile presenta il best of Pelle Differente instore
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 28/06/2017 alle 08:39:01
Denial – Different Ways (VRec./Audioglobe, 2017)
di Gianni Della Cioppa
Si sono cementati per un lungo periodo come tributo agli Oasis, per poi dedicarsi a scrivere materiale proprio. In questo modo i Denial si sono presentati all’appuntamento dell’esordio discografico, con una maturità che non tutti possono esibire

Si sono cementati per un lungo periodo come band tributo agli Oasis, per poi dedicarsi a scrivere materiale proprio. In questo modo i Denial si sono presentati all’appuntamento dell’esordio discografico, con una maturità che non tutti possono esibire.

Naturalmente l’ascoltatore sarà curioso di scoprire dove i Denial pagano dazio ai loro idoli. Ma nelle nove canzoni di “Different Ways”, pur non mancando sfumature che ricordano il gruppo inglese dei fratelli Gallagher, solo raramente troviamo plagi. Citiamo “Lost Dreamer” e qualche passaggio di “No More Lost”, nel secondo caso, subito allontanato da un finale con un anomalo sax in crescendo.

La scrittura dei Denial (Paolo Giunta, Massimo Marraccini e Sandro Sanchini), è lucida ed offre sempre soluzioni intelligenti, anche quando si muove leggiadra con il rock acustico di “Undestand My Maybe” e il pop raffinato di “Ghost Of Mine”. Il brit pop di riferimento viene accantonato per un attimo, quando nella suggestiva “The Way We Hide”, spuntano vapori anni ’90, legati agli Smashing Pumpkins più intimi e nella conclusiva “Sinking Proud”, quasi un mantra pop psichedelico che ricorda i Ride.

L’album è stato registrato ed autoprodotto con mezzi semplici, ma grande abilità, ed il risultato è di spessore. A testimonianza che se ci sono le idee, non sono necessari investimenti faraonici.

Al termine delle registrazioni, il trio si è allargato a quintetto, per i concerti, offrendo soluzioni sonore consone ai contenuti del disco.
“Different Ways” è un lavoro bello e completo, ricco di belle canzoni.

Vi sorprenderà.

Condividi su Facebook







 Articolo letto 769 volte


Pagina stampabile