Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Dateci ancora dello swing! Dallo show con Renzo Arbore al festival fiorentino …con il coraggio di Don Abbondio!
 

www.fanzine.net
 Interviste
•19/11 - Quel contrabbasso umano di Max Pezzali, tra la seconda generazione punk rock inglese e le nuove canzoni alla radio
•02/11 - Un maestro mai Fermo: Sergio Ciccoli.
•31/10 - Monkey Tempura, jazz contemporaneo e moderno: ne parliamo con Francesco De Palma ..
(altre »)
 
 Recensioni
•12/12 - Silenzio Profondo – Silenzio Profondo (Andromeda Relix/GT Music, 2017)
•10/12 - Luca Bretta - L'1%
•09/12 - Firenze Suona Downtown al Caffe' Letterario Le Murate: un castello incantato con King of The Opera e Verdiana Raw ..
(altre »)
 
 Comunicati
•13/12 - Musica Live: I Giovani X I Giovani, al via a Roma la rassegna con i conservatori italiani
•12/12 - Benji & Fede tornano con Buona fortuna
•11/12 - L'arte viva di Julian Schnabel al cinema il 12 e 13 dicembre con Laurie Anderson e Bono Vox
(altre »)
 
 Rumours
•12/12 - Jovanotti, Oh, Vita! è primo in classifica
•12/12 - Stabili le condizioni di Chris Rea dopo un collasso sul palco
•12/12 - 'E Guarattelle, l'album d'esordio dei partenopei Lab081
(altre »)
Comunicati
Pubblicato il 09/08/2017 alle 11:50:31
Questa è la mia vita... e ve lo dimostro in musica: parola di Jane F.
di Luca Varani
Quando si dice 'bella e brava'... una descrizione che per la talentuosa cantautrice piemontese Jane F. calza davvero a pennello!

Dopo una lunga 'gavetta' live, trascorsa sui palchi di numerosi locali, Jane F. arriva al tanto sognato esordio discografico, grazie all'intuito di Mauro D'Angelo e della sua etichetta Atmosfera.
In attesa di poter ascoltare il suo primo album di prossima uscita, ci gustiamo il singolo (complice anche un videoclip contagioso) e conosciamola meglio attraverso questa chiacchierata.

D: Come nasce in te la passione per la musica?
Direi che è nata relativamente tardi... a 13 anni quando, guardando il festival di Sanremo in tv, mi innamorai letteralmente di Elisa, della sua musica e della sua voce, iniziando a cantare tutte le sue canzoni!

D: Qual è il tuo primo ricordo specifico legato alla musica?
Senza dubbio la prima lezione con l'insegnante Albert Hera! Andai nel suo studio pensando di essere la nuova 'Christina Aguilera'; cantavo tutti i giorni e ritenevo - peccando di presunzione - di essere molto brava; ero chiaramente agli inizi e ricevetti una bella lavata di capo che fortunatamente mi ridimensiono'! In quel preciso istante compresi che la mia sarebbe stata una strada lunga e difficile, che avrei dovuto studiare molto ma ce l'avrei fatta!

D. Che ruolo gioca la musica nella tua vita?
Un ruolo assolutamente fondamentale: potrebbe risultare scontato ma la musica è davvero uno dei miei punti fermi, un vero e proprio pilastro della mia esistenza. Sarà sempre al primo posto, davanti a tutto e tutti: le persone vanno e vengono ma lei c'è sempre stata e sempre ci sarà e mi sosterrà, ne sono assolutamente convinta.

D: Hai studiato musica o sei un'autodidatta?
Sì... ho iniziato studiando canto lirico e sono passata a canto moderno dopo 2 anni. Successivamente ho voluto entrare più a fondo nello studio e imparare realmente la musica, diplomandomi in solfeggio per cantanti al conservatorio di Cuneo.
Anche oggi dedico ogni giorno almeno 10 minuti ai vocalizzi: non finisco mai di imparare e scoprire nuove sfumature della mia voce!

D: Hai mai scritto qualche canzone?
Ho iniziato a scrivere a 15 anni in inglese ma ho poi smesso, distratta dalla scuola, dalle persone e dal lavoro. Ho però ripreso qualche mese fa, complice le numerose esperienze fatte in questi 14 anni.

D: La tua famiglia come considera questo amore incondizionato per le 7 note?
All'inizio pensavano fosse solo un hobby ma presto si sono resi conto che avrei fatto 'carte false' per trasformare la mia passione in un lavoro: a quel punto hanno iniziato a sostenermi senza riserve.

D: Come definiresti la tua voce?
Una voce soul con sfumature blues, calda e decisa quando serve, controllata e vibrante quando il pezzo richiede più morbidezza per trasmettere le emozioni che provo mentre canto.

D: Che genere di musica ascolti?
Come il fisico, anche la mente ha bisogno di nutrimento... quindi ascolto veramente di tutto: dall' r'n'b che è stata la colonna sonora della mia adolescenza, al soul , dal metal al rock, dal blues al jazz.

D: C'e' qualche artista in particolare per il quale faresti "pazzie"?
Beh, sono una fan degli Aerosmith e dei Pearl Jam da anni ormai, possiedo i loro vinili e cd... quindi incontrare Steven Tyler ed Eddie Vedder è sicuramente una di quelle cose da fare prima di morire! Speriamo di averne l'occasione...

D: Mi indicheresti 10 dischi che ti porteresti sulla famosa "’isola deserta" per farti compagnia?
Ah... sarebbe una dura scelta! Il primo che porterei e' certamente 'Then comes the sun' di Elisa, con la quale mi sono avvicinata alla musica. Poi 'Stripped' della Aguilera, a seguire 'Get a grip' degli Aerosmith, 'Sgt. Pepper' e 'Help' dei Beatles, 'Ten' dei Pearl Jam e un greatest hits di Johnny Cash, artista che adoro. Poi 'Saint Cecilia' dei Foo Fighters, 'The Wall' dei Pink Floyd e per finire un bel live di Jimi Hendrix da usare come sottofondo per gustarmi il tramonto sul mare!

D: Come ascolti la musica? Sulle piattaforme web o acquisti anche cd ‘fisici?
Principalmente in streaming ma ho una grande passione per i vinili: li cerco nei mercatini e nei negoziati dell'usato, adoro sentire il profumo vintage che evoca storie lontane ed affascinanti...

D: Il tuo sogno piu' grande in ambito professionale?
Poter vivere solo di musica e continuare a mettere su carta i miei pensieri ed emozioni, appassionare e coinvolgere le persone alla mia musica con la mia voce e con quello che ho da dire. Questo è quello che sogno da quando sono bambina... e' il mio sogno!

D: Qualche anticipazione sul tuo album di prossima uscita?
Si tratterà di un 'concept album': la stesura della musica nasce dalle rispettive influenze sonore mie e del mio produttore. Ho deciso di mettermi completamente a nudo, raccontando esperienze personali della mia infanzia e della mia vita privata. Si tratta di un viaggio attraverso l'insicurezza e l'inquietudine che sentivo da ragazza e gli errori che mi hanno fatto prendere coscienza di quanto in realtà sia forte e determinata.

D: Se la musica non rappresentasse il tuo mestiere... cosa ti piacerebbe fare nella vita?
Amando le lingue straniere e viaggiare, la professione di travel blogger potrebbe fare sicuramente al caso mio!





 Articolo letto 1249 volte


Pagina stampabile