Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Mediaset pronta a portare sul canale 66 del digitale terrestre una sua radio
 

www.fanzine.net
 Interviste
•20/01 - Mario Iob: cantare e scrivere la salvezza e il dolore
•12/01 - Isabella Benaglia ci racconta i Thegiornalisti
•24/12 - Akroterion, ai confini delle tenebre.. partendo dallo storico black metal scandinavo
(altre »)
 
 Recensioni
•19/01 - Ananda Mida - Cathodnatius - il progressive che guarda al passato
•19/01 - Jack Maniak Code 403 (Jst Records) – Tastiere grondanti di note a cascata…
•16/01 - Chaostar The Undivided Light (Season of Mist) – Caos fra le stelle
(altre »)
 
 Comunicati
•19/01 - Il 24 Gennaio la pianista Cettina Donato in concerto all'Alexander Platz Jazz Club di Roma
•18/01 - Ora o mai più, torna su Rai 1 la gara tra vecchie glorie della canzone
•18/01 - Flashdance il Musical, dal 5 al 10 febbraio a Roma
(altre »)
 
 Rumours
•19/01 - Pubblicato il primo singolo di Roberto Zampaglione dal titolo Che Mi Separa da Te feat Lastanzadigreta.
•18/01 - I Negrita in uscita con la raccolta I Ragazzi Stanno Bene
•18/01 - 44 Gatti, esce la colonna sonora della serie animata
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 11/08/2017 alle 11:44:38
Gunash - Great expectations (Go down records)
di Silvio Mancinelli
“Great expectations” è il terzo album dei Gunash, band piemontese formatasi nel lontano 2003. Non è difficile scovare le influenze del gruppo:
la band, nei suoi primi passi era una cover band dei gruppi grunge anni 90.

“Great expectations” è il terzo album dei Gunash, band piemontese formatasi nel lontano 2003. Non è difficile scovare le influenze del gruppo: a parte che la voce di Ivano Zorgniotti è simile a quella di Layne Stanley, la band, nei suoi primi passi, era una cover band dei più famosi gruppi anni 90, dai Nirvana ai Soundgarden.
Questo lo si evince sia da come suona “Great expectations” sia appunto dalla voce del frontman.

Non c'è tanto heavy metal, ma più sonorità alla Alice in Chains e alla Stone Temple Pilots. Possiamo dire il disco è concept album: tutto l'album, usando storie particolari, vuole lanciare un messaggio di speranza.

L'aver speranza prima di tutto verso noi stessi e nelle nostre capacità. L'album è nato durante il tour americano del 2015 dove la band registra ben 3 singoli. Il resto è stato fatto l'anno dopo negli studi della Go Down. “Great expectations” è un buon disco che sicuramente sarà apprezzato da chi ha vissuto l'era “grunge”.

I Gunash rappresentano ormai una razza in via di estinzione, considerando che ormai i chitarristi sono sempre meno, e proprio il genere classico rock si sta avviando ad essere in minoranza a favore di altri.

La tracklist

1. Need to bleed
2. Sicktown
3. Mirror
4. Great expectations
5. Stone garden
6. Mean
7. Gunash blues
8. Death comes
9. Stray dog
10. The killing silence






 Articolo letto 1304 volte


Pagina stampabile