Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La rivoluzione tecnica del digitale terrestre: manca poco, ma ... siamo pronti?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•17/02 - Fleshgore…dalla ex cortina di ferro con furore…
•12/02 - Angelus Rock infreddolito: Roberto Cacciapaglia inizia il tour russo e poi il 5 Marzo parte quello italiano da Firenze ..
•06/01 - Marco Papadia: tradizione e avanguardia nel jazz
(altre »)
 
 Recensioni
•22/02 - Shahyid Legacy Gateways (autoproduzione) – Anche le Maldive suonano Heavy Metal!
•20/02 - Straight Hate Every Scum is a Straight Arrow (Deformeathing Production) – Polonia violenta
•19/02 - The Bankrobber – Missing (VRec) .. post punk vellutato, l'incontro con il pop e la new wave ..
(altre »)
 
 Comunicati
•23/02 - Slow Music progetta un nuovo mondo sonoro
•23/02 - Annalisa sabato 24 febbraio a Gulp Music (Rai Gulp)
•22/02 - I Caracas di Stefano Saletti e Valerio Corzani il 23 febbraio al Ketumbar di Roma
(altre »)
 
 Rumours
•23/02 - Leftlovers, nuovo singolo Ilaria Graziano & Francesco Forni
•22/02 - Ossigeno con Manuel Agnelli su Rai 3 dal 22 febbraio
•22/02 - Matthew Lee e Patrizia Cirulli il 28 febbraio a Rock File Live!
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 11/08/2017 alle 11:44:38
Gunash - Great expectations (Go down records)
di Silvio Mancinelli
“Great expectations” è il terzo album dei Gunash, band piemontese formatasi nel lontano 2003. Non è difficile scovare le influenze del gruppo:
la band, nei suoi primi passi era una cover band dei gruppi grunge anni 90.

“Great expectations” è il terzo album dei Gunash, band piemontese formatasi nel lontano 2003. Non è difficile scovare le influenze del gruppo: a parte che la voce di Ivano Zorgniotti è simile a quella di Layne Stanley, la band, nei suoi primi passi, era una cover band dei più famosi gruppi anni 90, dai Nirvana ai Soundgarden.
Questo lo si evince sia da come suona “Great expectations” sia appunto dalla voce del frontman.

Non c'è tanto heavy metal, ma più sonorità alla Alice in Chains e alla Stone Temple Pilots. Possiamo dire il disco è concept album: tutto l'album, usando storie particolari, vuole lanciare un messaggio di speranza.

L'aver speranza prima di tutto verso noi stessi e nelle nostre capacità. L'album è nato durante il tour americano del 2015 dove la band registra ben 3 singoli. Il resto è stato fatto l'anno dopo negli studi della Go Down. “Great expectations” è un buon disco che sicuramente sarà apprezzato da chi ha vissuto l'era “grunge”.

I Gunash rappresentano ormai una razza in via di estinzione, considerando che ormai i chitarristi sono sempre meno, e proprio il genere classico rock si sta avviando ad essere in minoranza a favore di altri.

La tracklist

1. Need to bleed
2. Sicktown
3. Mirror
4. Great expectations
5. Stone garden
6. Mean
7. Gunash blues
8. Death comes
9. Stray dog
10. The killing silence






 Articolo letto 745 volte


Pagina stampabile