Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La rivoluzione tecnica del digitale terrestre: manca poco, ma ... siamo pronti?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•17/02 - Fleshgore…dalla ex cortina di ferro con furore…
•12/02 - Angelus Rock infreddolito: Roberto Cacciapaglia inizia il tour russo e poi il 5 Marzo parte quello italiano da Firenze ..
•06/01 - Marco Papadia: tradizione e avanguardia nel jazz
(altre »)
 
 Recensioni
•20/02 - Straight Hate Every Scum is a Straight Arrow (Deformeathing Production) – Polonia violenta
•19/02 - The Bankrobber – Missing (VRec) .. post punk vellutato, l'incontro con il pop e la new wave ..
•18/02 - Sage Live @ Tvornica (video) – Croatian Metal Assault
(altre »)
 
 Comunicati
•21/02 - Open Day a Milano il 25 febbraio per scoprire tutti i segreti di Romeo e Giulietta - Ama e cambia il mondo
•21/02 - Porgy and Bess al teatro Testaccio con la World Spirit Orchestra
•21/02 - Cesare Cremonini, sold out a Bologna e nuovo singolo
(altre »)
 
 Rumours
•21/02 - Gli Attrition al Traffic di Roma il 23 febbraio con Russian Rose e Lykoi
•21/02 - Zucchero, dal 26 febbraio nuovi concerti in Italia con Wanted Italian Tour 2018
•20/02 - Enzo Avitabile presenta il best of Pelle Differente instore
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 10/09/2017 alle 10:30:33
Nuevo Mundo - Saber Système (Ass.Cult. Gai saber)
di Silvio Mancinelli
“Il Nuevo Mundo” dei Saber Système è un mondo che guarda alla tradizione per un futuro diverso. In pratica il gruppo è formato da sette ragazzi dai 18 ai 20 anni che suonano gli strumenti della tradizione musicale occitana.

Il “Nuevo Mundo” dei Saber Systèm è un mondo che guarda alla tradizione per un futuro diverso. In pratica il gruppo è formato da sette ragazzi dai 18 ai 20 anni che suonano gli strumenti della tradizione musicale occitana. Un genere che affonda le sue radici nel Medioevo, legato soprattutto ai momenti di festa, e che si è espresso in particolare nelle danze: giga, currenta, contradança, borrea sono alcuni dei balli più antichi, a cui si sono aggiunti in epoca moderna polche, mazurche e scottish.

La vitalità della musica occitana si manifesta nella sua capacità di rinnovarsi e di attualizzarsi. Nelle valli occitane è attiva una ricca comunità di gruppi musicali e musicisti (che spesso collaborano tra di loro con scambi fecondi): il gruppo più noto è Lou Dalfin, fondato nel 1982 da Sergio Berardo, con la sua efficace contaminazione di tradizione, rock, jazz e raggae.

E da lì che poi si è partiti per cercare di mescolare la tradizione con i mezzi musicali attuali. E non potevano non vedere un accostamento con il dancefloor e la musica elettronica dato che l'elemento della danza è importante in questo genere. Non so cosa ne potranno pensare questi ragazzi, ma qui siamo sulla via di “Despacito” ma al posto dei ritmi sudamericani (che pur si sentono in alcuni tratti) c'è l'uso dei mezzi tradizionali occitani.

Infatti, fatto uscire prima, probabilmente almeno un singolo poteva essere inserito nelle varie playlist dei dj da mare ed essere una vera e propria hit. Quindi si può trattare di una operazione intelligente: usare la musica “commerciale” per far conoscere un qualcosa di nicchia. La cosa interessante di questo mondo è che c'è la collaborazione tra le varie formazioni: questo disco cantato in francese, spagnolo, occitano, italiano e dioulà infatti è stato prodotto da Alex Rapa dei Gai Saber.

La tracklist


1. Mary
2. Ikayè
3. Nuevo mundo
4. Il canto dei venti
5. Saber decalè
6. La libertat
7. L'amitiè
8. Vira la roa
9. Sans peur
10. Parla pas
11. La Revanche










 Articolo letto 795 volte


Pagina stampabile