Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
DVB-T2, il digitale terrestre di seconda generazione ed il rilascio della banda 700 entro il 2022
 

www.fanzine.net
 Interviste
•18/10 - Improvvisa scomparsa del bassista Angelo Nacca: ne parliamo con Stefano Ferro ..
•15/10 - Pierluigi De Luca, 30 anni di musica sulla strada dove camminare
•13/10 - Foscor, ombre catalane .. tra dark rock e metal ..
(altre »)
 
 Recensioni
•22/10 - Volwo - Dieci viaggi veloci (Viceversa records)
•22/10 - Interessante dibattito apre Hangar Calling, kermesse alle Leopoldine a Firenze
•21/10 - Piccola Orchestra Karascio'- Qualcosa mi sfugge (Radiocoop)
(altre »)
 
 Comunicati
•22/10 - Alda Merini il Concerto al Teatro Sistina di Roma con Nuti, Guerritore e Cristicchi
•21/10 - Festival Popolare Italiano al Teatro Villa Pamphilj di Roma fino al 19 novembre
•21/10 - Una serata con le musiche di Morricone alla Sapienza con Canino e Ballista
(altre »)
 
 Rumours
•22/10 - Bassa Fedelta' Fest al Monk con Giulia Anania, The Shalalalas e Le Cardamomo'
•21/10 - Mika, il nuovo singolo è It’s My House
•20/10 - Andrea Ramolo a Le Mura di Roma, ultima data del suo Nuda Italian Tour
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 22/09/2017 alle 09:21:22
PopForZombie – PopForZombie (VRec./Audioglobe, 2017)
di Gianni Della Cioppa
Il nome del gruppo è tutto un programma, una provocazione a tutto ciò che oggi è musica mainstream. Ma la band di Torino usa gli stessi ingredienti del pop, ma con modalità diverse. Il risultato? Un pop non per zombie.

Il nome del gruppo è tutto un programma, una provocazione a tutto ciò che oggi è musica mainstream. Ma la band di Torino usa gli stessi ingredienti del pop, ma con modalità diverse. Il risultato? Un pop non per zombie.

È un passato solido quello su cui si edificano i PopForZombie, infatti i cinque musicisti provengono da realtà conosciuto nell’underground come SUBà e Moivo, per un totale di ben cinque album pubblicati.


La mescolanza ha generato questo nuovo progetto che debutta con un album lineare che sin dal primo ascolto svela un volto gradevole, con canzoni costruite con gusto, tra chitarre liquide e ritornelli che si ricordano. E cito Max GAzzè e Baustelle, per darvi un’immagine ampia della proposta dei PopForZombie.

Dieci canzoni, con almeno tre gettoni d’oro da giocarsi: “Radio” (“Siamo contenti di quello che possiamo ascoltare alla radio. Non lamentiamoci che il palinsesto è perfetto”), “Bianco” e “É così che va”, per un lavoro con qualche intoppo, ma che merita l’attenzione di chi ancora crede ad un via alternativa al pop italiano fasullo dei talent show.

Bello il libretto, che ricorda un vecchio quotidiano sportivo degli anni ’50.







 Articolo letto 380 volte


Pagina stampabile