Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Forse i vinili costeranno di meno ed avranno maggiore resa sonora
 

www.fanzine.net
 Interviste
•12/07 - Quincy Jones, il jazz è libertà
•30/06 - In-Side: dentro la musica, fuori le emozioni!! Rock AOR & prog ..
•21/06 - Jouer et Danser con il Dos Duo Onirico Sonoro: la nostra intervista ..
(altre »)
 
 Recensioni
•20/07 - Leonardo non era vegetariano (Maschietto Editore) un libro sul genio di Vinci.. pittore, inventore, cantante e che suonava (ed insegnava) la lira ..
•14/07 - Capitano Merletti - Shortwaver from the u.f.o. channel (Cd Baby/Physical), il folk che viene da lontano
•13/07 - Fabio Curto: Rive, Volume 1 (Fonoprint)
(altre »)
 
 Comunicati
•19/07 - Sabato 21 Luglio in diretta da Ippodromo Capannelle a Roma il concerto di Sfera Ebbasta
•17/07 - Aprite i porti con Dobet Gnahore' e Sanba Parade a Villa Ada il 18 luglio
•14/07 - Claudia Gerini canta Califano con il Solis String Quartet alla Casa del Jazz
(altre »)
 
 Rumours
•20/07 - I Racconti delle Nebbie: Benvegnu' e Ciuferri a Largo Venue e Radio Citta' Aperta
•20/07 - Anche lo storico bassista Stanley Clarke tra i protagonisti del Valdarno Jazz Summer Festival
•17/07 - David Byrne torna in Italia con American Utopia World Tour
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 22/09/2017 alle 09:21:22
PopForZombie – PopForZombie (VRec./Audioglobe, 2017)
di Gianni Della Cioppa
Il nome del gruppo è tutto un programma, una provocazione a tutto ciò che oggi è musica mainstream. Ma la band di Torino usa gli stessi ingredienti del pop, ma con modalità diverse. Il risultato? Un pop non per zombie.

Il nome del gruppo è tutto un programma, una provocazione a tutto ciò che oggi è musica mainstream. Ma la band di Torino usa gli stessi ingredienti del pop, ma con modalità diverse. Il risultato? Un pop non per zombie.

È un passato solido quello su cui si edificano i PopForZombie, infatti i cinque musicisti provengono da realtà conosciuto nell’underground come SUBà e Moivo, per un totale di ben cinque album pubblicati.


La mescolanza ha generato questo nuovo progetto che debutta con un album lineare che sin dal primo ascolto svela un volto gradevole, con canzoni costruite con gusto, tra chitarre liquide e ritornelli che si ricordano. E cito Max GAzzè e Baustelle, per darvi un’immagine ampia della proposta dei PopForZombie.

Dieci canzoni, con almeno tre gettoni d’oro da giocarsi: “Radio” (“Siamo contenti di quello che possiamo ascoltare alla radio. Non lamentiamoci che il palinsesto è perfetto”), “Bianco” e “É così che va”, per un lavoro con qualche intoppo, ma che merita l’attenzione di chi ancora crede ad un via alternativa al pop italiano fasullo dei talent show.

Bello il libretto, che ricorda un vecchio quotidiano sportivo degli anni ’50.







 Articolo letto 1294 volte


Pagina stampabile