Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Dateci ancora dello swing! Dallo show con Renzo Arbore al festival fiorentino …con il coraggio di Don Abbondio!
 

www.fanzine.net
 Interviste
•19/11 - Quel contrabbasso umano di Max Pezzali, tra la seconda generazione punk rock inglese e le nuove canzoni alla radio
•02/11 - Un maestro mai Fermo: Sergio Ciccoli.
•31/10 - Monkey Tempura, jazz contemporaneo e moderno: ne parliamo con Francesco De Palma ..
(altre »)
 
 Recensioni
•12/12 - Silenzio Profondo – Silenzio Profondo (Andromeda Relix/GT Music, 2017)
•10/12 - Luca Bretta - L'1%
•09/12 - Firenze Suona Downtown al Caffe' Letterario Le Murate: un castello incantato con King of The Opera e Verdiana Raw ..
(altre »)
 
 Comunicati
•13/12 - Musica Live: I Giovani X I Giovani, al via a Roma la rassegna con i conservatori italiani
•12/12 - Benji & Fede tornano con Buona fortuna
•11/12 - L'arte viva di Julian Schnabel al cinema il 12 e 13 dicembre con Laurie Anderson e Bono Vox
(altre »)
 
 Rumours
•12/12 - Jovanotti, Oh, Vita! è primo in classifica
•12/12 - Stabili le condizioni di Chris Rea dopo un collasso sul palco
•12/12 - 'E Guarattelle, l'album d'esordio dei partenopei Lab081
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 23/09/2017 alle 11:39:11
Thunder Godzilla – Thunder Godzilla (Andromeda Relix/GT Music, 2017)
di Beatrice Bonato
Dopo averli intervistati, ci è sembrato giusto raccontarvi del loro esordio discografico.
I padovani Thunder Godzilla hanno facce truci, suonano sporco, ma sono bravi ragazzi. Ci credete?

I padovani Thunder Godzilla hanno facce truci, suonano sporco, ma sono bravi ragazzi. Ci credete?

Quando si formano nel 2014 i Thunder Godzilla hanno già una storia, sotto altre sembianze, alle spalle. Il nome nuovo porta in dote una formazione asciutta a tre e il desiderio di fare le cose per bene. Si autoproducono un demo in poche copie che finisce nella mani dell’Andromeda relix, che subito lo trasforma in un album, con un’aggiunta: una cover grassa e potente di “Day tripper” dei Beatles.

Si chiude così questo esordio, che si apre con un trittico mastodontico come “Tokyo Avenger”, “Liet To Me” e “Goliath”, come se i Kyuss fossero tornati tra noi, mentre “Mammoth King” e “Psycho” hanno diramazioni lisergiche, senza mai perdere in impatto e forza.

Riff dalla grana grossa di Espo, una ritmica killer che percuote senza pietà batteria (Jonny) e basso (Marco), con la voce di quest’ultimo che troneggia sicura, sgomitando senza timore tra le colate di energia di “Fears” e “Black Hammer”.

Qualcuno ha detto che suonare stoner metal è semplice, servono solo muscoli e cattiveria.
Sbagliato, serve scrivere anche canzoni e la giusta attitudine. Quella che i Thunder Godzilla esibiscono in ogni singola nota e che in concerto si amplifica all’ennesima potenza.

Facce truci, amplificatori esplosi e canzoni che coinvolgono, questo sono i Thunder Godzilla.









 Articolo letto 570 volte


Pagina stampabile