Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Dateci ancora dello swing! Dallo show con Renzo Arbore al festival fiorentino …con il coraggio di Don Abbondio!
 

www.fanzine.net
 Interviste
•19/11 - Quel contrabbasso umano di Max Pezzali, tra la seconda generazione punk rock inglese e le nuove canzoni alla radio
•02/11 - Un maestro mai Fermo: Sergio Ciccoli.
•31/10 - Monkey Tempura, jazz contemporaneo e moderno: ne parliamo con Francesco De Palma ..
(altre »)
 
 Recensioni
•12/12 - Silenzio Profondo – Silenzio Profondo (Andromeda Relix/GT Music, 2017)
•10/12 - Luca Bretta - L'1%
•09/12 - Firenze Suona Downtown al Caffe' Letterario Le Murate: un castello incantato con King of The Opera e Verdiana Raw ..
(altre »)
 
 Comunicati
•13/12 - Musica Live: I Giovani X I Giovani, al via a Roma la rassegna con i conservatori italiani
•12/12 - Benji & Fede tornano con Buona fortuna
•11/12 - L'arte viva di Julian Schnabel al cinema il 12 e 13 dicembre con Laurie Anderson e Bono Vox
(altre »)
 
 Rumours
•12/12 - Jovanotti, Oh, Vita! è primo in classifica
•12/12 - Stabili le condizioni di Chris Rea dopo un collasso sul palco
•12/12 - 'E Guarattelle, l'album d'esordio dei partenopei Lab081
(altre »)
Comunicati
Pubblicato il 05/10/2017 alle 10:21:56
Omaggio a Puccio Sboto il 6 ottobre alla Casa del Jazz di Roma
di Manuela Ippolito
Puccio Sboto è scomparso ai primi di agosto.La Casa del Jazz, venerdi 6 ottobre, intende rendere omaggio a questo misconosciuto musicista con una serata a lui dedicata insieme ad alcuni dei tanti musicisti con cui ha collaborato o ha influenzato.

Puccio Sboto è scomparso ai primi di agosto.La Casa del Jazz, venerdì 6 ottobre, intende rendere omaggio a questo misconosciuto musicista con una serata a lui dedicata insieme ad alcuni dei tanti musicisti con cui ha collaborato o ha influenzato.

Parteciperanno: Riccardo Biseo, Bruno Biriaco, Claudio Corvini, Giorgio Cùscito, Pasquale Innarella, Francesco Lo Cascio, Piero Montanari, Lino Patruno, Alfredo Romeo, Giorgio Rosciglione, Paolo Tombolesi, Giovanni Tommaso, Mauro Verrone e tanti altri amici e musicisti. Interverrà anche Renzo Arbore.

Il 24 novembre 1928 nasce a Roma il vibrafonista e pianista Giuseppe "Puccio" Sboto, una delle più singolari figure del jazz italiano, irregolare nell'impegno, ma fondamentale nella formazione di una lunga serie di giovani musicisti come, tra gli altri, Bruno Biriaco, Riccardo Del Fra, Nicola Stilo, Danilo Rea e Francesco Puglisi. Nel 1934, quando non ha ancora compiuto sei anni, inizia studiare pianoforte classico incoraggiato dai genitori. Che la carriera del concertista non faccia per lui appare evidente quando, a quattordici anni, dopo aver ascoltato Gorni Kramer decide di passare provvisoriamente a un'altra tastiera, quella della fisarmonica. Nell'immediato dopoguerra è uno dei protagonisti del grande fermento jazzistico della capitale. Memorabili restano le sue jam session con Carletto Loffredo, Enzo Grillini, Umberto Cesari, Franco Mingrino e i fratelli Letteri. Volubile e poco incline a lasciarsi coinvolgere da "impegni fissi" soltanto nel 1956 accetta di entrare in pianta stabile nella Roman New Orleans Jazz Band con la quale partecipa anche a due edizioni del Festival Mondiale della Gioventù (Mosca e Vienna). Dal 1960 al 1963 è uno dei componenti della Modern Jazz Gang. Successivamente il suo nome ricompare qua e là accanto a personaggi come Gato Barbieri, Don Byas e tanti altri, pur senza cercare riferimenti fissi. Per tutta la sua vita si comporta come un musicista innamorato più del jazz che della carriera. Le apparizioni discografiche, tutte di altissima qualità, sono discontinue e irregolari. Tracce del suo lavoro appaiono, oltre che nei dischi delle orchestre già citate, anche in varie incisioni del quartetto di Mario Cantini o di musicisti come Gianni Sanjust, Marcello Riccio, Carletto Loffredo, Mario Schiano e molti altri. In più sembra divertirsi a spaziare tra i generi, dal mainstream moderno all'hard bop, senza curarsi troppo di seguire un percorso logico. Negli anni Settanta, quando tutti lo danno per scomparso, riemerge improvvisamente a capo di varie formazioni di giovanissimi musicisti. Lo fa per scelta perché crede nelle possibilità di liberare il jazz italiano dalle ruggini del periodo semiclandestino degli anni del fascismo e da un dopoguerra un po' troppo condizionato dagli influssi d'oltreoceano. Esemplare in questo senso resta il suo apporto, non solo musicale, a un gruppo di svolta come quello formato da Mauro Zazzerini, Danilo Rea, Piero Cardarelli e Lucio Turco

Casa del Jazz: viale di Porta Ardeatina, 55
Info: 06/704731- info.cdj@palaexpo.it
Ingresso ibero fino a esaurimento posti




 Articolo letto 411 volte


Pagina stampabile