Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
5 G: l'asta in corso a favore della telefonia, lontane le tv ...
 

www.fanzine.net
 Interviste
•24/09 - Taberah, anche ai canguri piace il Metallo Pesante…
•21/09 - Hóros, poetica di un attraversamento verticale nella musica di Paolo Cavallone
•03/09 - Firenze sogna del buon rock e noi ne parliamo con Elisa Giobbi e Sauro Chellini, quelli di FirenzeSuona.
(altre »)
 
 Recensioni
•24/09 - Savana Funk - Bring in the new (Brutture Moderne/Audioglobe); come suonare un genere e renderlo vivo
•23/09 - Rock Prog Italiano 1980-2013 (Arcana, 414 pg, 25 €) di Massimo Salari - Raccontare il prog di ieri ed oggi
•21/09 - Catanzaro, Loredana Berte' esalta e diverte al Festival d'Autunno
(altre »)
 
 Comunicati
•25/09 - Al Mei di Faenza un evetno per i 10 anni dell'etichetta Vrec
•24/09 - Le Vibrazioni tornano con Pensami così
•22/09 - Milano Music Week, dal 19 al 25 novembre
(altre »)
 
 Rumours
•25/09 - Piji Electroswing Project alla Sala Umberto di Roma in Non si uccidono cosi' anche i cavalli?
•24/09 - Gianni Morandi, in 12 mila per lui sul lungomare di Carloforte
•22/09 - Ghali e Noizy insieme in Parku i Lojrave
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 06/10/2017 alle 14:28:42
Luca Bash: Oltre le quinte
di Paolo Polidoro
Un nuovo disco dal titolo “Oltre le quinte” per il cantautore Luca Bash che si presenta oggi con un’opera doppia, in italiano e la sua diretta tradizione in inglese che intitola “Keys of Mine”

Un nuovo disco dal titolo “Oltre le quinte” per il cantautore Luca Bash che si presenta oggi con un’opera doppia, in italiano e la sua diretta tradizione in inglese che intitola “Keys of Mine”.

Non è affatto un ascolto semplice questo che si dipana su 15 inediti di pop & soul leggero italiano, un disco istintivo come si percepisce forse anche perché aiutati dalla genesi che ci racconta la sua press kit, l’incontro con i musicisti e i grandi amici di anni di carriera consumata assieme, ed ad ognuno la libertà e il tempo di disegnare il suo brano, il suo arrangiamento, il suo suono, a Bash solo, si fa per dire, il compito di mettere ogni tassello accanto all’altro e quel che ne vien fuori è quel che oggi ascoltiamo.

“Oltre le quinte” non è un semplice disco di pop italiano, non è l’amore per una donna, non è la pelle che si consuma dietro il romanticismo da copertina, “Oltre le quinte” è un disco che parla di tutti noi in un certo sento ed è bellissimo questo disegno mutevole che da un soul di grande scuola si contamina di semplicità pop per restituire solo e soltanto il suono di Luca Bash e dei suoi collaboratori.

Sarei curioso di sentire il disco in inglese e capirne le differenze di suono e di intenzione.






 Articolo letto 1254 volte


Pagina stampabile