Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La rivoluzione tecnica del digitale terrestre: manca poco, ma ... siamo pronti?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•17/02 - Fleshgore…dalla ex cortina di ferro con furore…
•12/02 - Angelus Rock infreddolito: Roberto Cacciapaglia inizia il tour russo e poi il 5 Marzo parte quello italiano da Firenze ..
•06/01 - Marco Papadia: tradizione e avanguardia nel jazz
(altre »)
 
 Recensioni
•22/02 - Shahyid Legacy Gateways (autoproduzione) – Anche le Maldive suonano Heavy Metal!
•20/02 - Straight Hate Every Scum is a Straight Arrow (Deformeathing Production) – Polonia violenta
•19/02 - The Bankrobber – Missing (VRec) .. post punk vellutato, l'incontro con il pop e la new wave ..
(altre »)
 
 Comunicati
•23/02 - Slow Music progetta un nuovo mondo sonoro
•23/02 - Annalisa sabato 24 febbraio a Gulp Music (Rai Gulp)
•22/02 - I Caracas di Stefano Saletti e Valerio Corzani il 23 febbraio al Ketumbar di Roma
(altre »)
 
 Rumours
•23/02 - Leftlovers, nuovo singolo Ilaria Graziano & Francesco Forni
•22/02 - Ossigeno con Manuel Agnelli su Rai 3 dal 22 febbraio
•22/02 - Matthew Lee e Patrizia Cirulli il 28 febbraio a Rock File Live!
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 06/10/2017 alle 14:28:42
Luca Bash: Oltre le quinte
di Paolo Polidoro
Un nuovo disco dal titolo “Oltre le quinte” per il cantautore Luca Bash che si presenta oggi con un’opera doppia, in italiano e la sua diretta tradizione in inglese che intitola “Keys of Mine”

Un nuovo disco dal titolo “Oltre le quinte” per il cantautore Luca Bash che si presenta oggi con un’opera doppia, in italiano e la sua diretta tradizione in inglese che intitola “Keys of Mine”.

Non è affatto un ascolto semplice questo che si dipana su 15 inediti di pop & soul leggero italiano, un disco istintivo come si percepisce forse anche perché aiutati dalla genesi che ci racconta la sua press kit, l’incontro con i musicisti e i grandi amici di anni di carriera consumata assieme, ed ad ognuno la libertà e il tempo di disegnare il suo brano, il suo arrangiamento, il suo suono, a Bash solo, si fa per dire, il compito di mettere ogni tassello accanto all’altro e quel che ne vien fuori è quel che oggi ascoltiamo.

“Oltre le quinte” non è un semplice disco di pop italiano, non è l’amore per una donna, non è la pelle che si consuma dietro il romanticismo da copertina, “Oltre le quinte” è un disco che parla di tutti noi in un certo sento ed è bellissimo questo disegno mutevole che da un soul di grande scuola si contamina di semplicità pop per restituire solo e soltanto il suono di Luca Bash e dei suoi collaboratori.

Sarei curioso di sentire il disco in inglese e capirne le differenze di suono e di intenzione.






 Articolo letto 616 volte


Pagina stampabile