Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
DVB-T2, il digitale terrestre di seconda generazione ed il rilascio della banda 700 entro il 2022
 

www.fanzine.net
 Interviste
•18/10 - Improvvisa scomparsa del bassista Angelo Nacca: ne parliamo con Stefano Ferro ..
•15/10 - Pierluigi De Luca, 30 anni di musica sulla strada dove camminare
•13/10 - Foscor, ombre catalane .. tra dark rock e metal ..
(altre »)
 
 Recensioni
•19/10 - Giuni Russo – Armstrong (GiuniRussoArte/Pirames, 2017)
•16/10 - Davide Viviani - L'Oreficeria
•15/10 - Procol Harum- Roma (Auditorium Parco della Musica) 9/10/2017
(altre »)
 
 Comunicati
•19/10 - Negramaro, nuovo tour negli Stadi nel 2018
•18/10 - Serino, Pincini e Vignali aprono la stagione di concerti a Tor Vergata con Bach e Vivaldi
•17/10 - Inaugura la stagione serale della IUC con Le Nozze di Stravinsky in garganico
(altre »)
 
 Rumours
•19/10 - Cristina D'Avena, ecco i big che duettano in Tutti cantano Cristina
•18/10 - Solitude 2.0 nuovo video e singolo per i Mantram
•18/10 - Marco Martinelli, il nuovo singolo è Condizionale Presente
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 10/10/2017 alle 14:39:10
Massimo Priviero: All'Italia (Moletto Records) ... immigrazione italiana di puro romanticismo rock
di Paolo Polidoro
Un nuovo disco per il cantautore di adozione milanese: disco di romanticismo rock, di quella furia energetica che incontra la riflessione e diventa canzone acustica a tratti, bella e soffice, ricca di finiture artigianali e maturita' ..

Un nuovo disco per il cantautore di adozione milanese: disco di romanticismo rock, di quella furia energetica che incontra la riflessione e diventa canzone acustica a tratti, bella e soffice, ricca di finiture artigianali e maturita' ..

Canzoni acustiche a tratti, belle e soffici, ricche di finiture artigianali di spessore e maturità.

All’Italia è un lavoro che piace per la sua pazienza, per il suo respiro, per il suo bisogno di dire a qualcuno più che di suonare qualcosa, da Priviero dovremmo aspettarci il grande rock made in America ma già da Folkrockci aveva fatto assaporare le sue grandi capacità di star comodo anche in un mood più on the road e istintivo.

Con questo lavoro prende ogni sua radice e la teletrasporta in uno scenario intimo e personale. Parla all’immigrazione italiana, quelle dei vecchi di ieri e quella dei giovani di oggi, parla del Bataclan e del terremoto del Friuli, parla di una Italia che si trasforma e che quasi quasi si dimentica che prima di accogliere qualcuno oggi, ieri è stata lei a chiedere asilo ad altri.

Un bellissimo disco che in rete si pregia del singolo London, dove compare suo figlio, e che manifesta forse l’unico momento del disco a sfornare un sound presuntuoso e di distorsioni grintose, sempre con molta parsimonia però.






 Articolo letto 415 volte


Pagina stampabile