Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La rivoluzione tecnica del digitale terrestre: manca poco, ma ... siamo pronti?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•17/02 - Fleshgore…dalla ex cortina di ferro con furore…
•12/02 - Angelus Rock infreddolito: Roberto Cacciapaglia inizia il tour russo e poi il 5 Marzo parte quello italiano da Firenze ..
•06/01 - Marco Papadia: tradizione e avanguardia nel jazz
(altre »)
 
 Recensioni
•22/02 - Shahyid Legacy Gateways (autoproduzione) – Anche le Maldive suonano Heavy Metal!
•20/02 - Straight Hate Every Scum is a Straight Arrow (Deformeathing Production) – Polonia violenta
•19/02 - The Bankrobber – Missing (VRec) .. post punk vellutato, l'incontro con il pop e la new wave ..
(altre »)
 
 Comunicati
•23/02 - Slow Music progetta un nuovo mondo sonoro
•23/02 - Annalisa sabato 24 febbraio a Gulp Music (Rai Gulp)
•22/02 - I Caracas di Stefano Saletti e Valerio Corzani il 23 febbraio al Ketumbar di Roma
(altre »)
 
 Rumours
•23/02 - Leftlovers, nuovo singolo Ilaria Graziano & Francesco Forni
•22/02 - Ossigeno con Manuel Agnelli su Rai 3 dal 22 febbraio
•22/02 - Matthew Lee e Patrizia Cirulli il 28 febbraio a Rock File Live!
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 08/10/2017 alle 14:48:06
Mauro Pina: L’ho scritto io
di Paolo Polidoro
Si intitola “L’ho scritto io” il nuovo disco di Mauro Pina che ha tutti i tratti di qualche bellissima canzone d’autore latina anche se di quando in quando si profuma con vigore di pop italiano

Si intitola “L’ho scritto io” il nuovo disco di Mauro Pina che ha tutti i tratti di qualche bellissima canzone d’autore latina anche se di quando in quando si profuma con vigore di pop italiano, un po’ come ci si aspetterebbe da un “Mannarino” o un “Capossela” dove la forma canzone prende vie assai personali nei suoni ma mai nella forma.

Mauro Pina resta sempre fedele alla linea però sotto i baffi se la ride e per gli intenditori mette su quella soluzione acustica che sinceramente trasporta in un attimo tutto l’ascolto in un altrove pieno di sole e grandi oceani, la featuring di Rosalinda Celentano sembra più un segno di pregio che un momento di bellezza con questo coro inglese che sinceramente facciamo difficoltà a comprendere.

Di certo questo è un punto di approdo assai importante per un artista come Pina che ha fatto ruotare la sua carriera attorno a pochi pilastri ma buoni e decisamente immortali come Adriano Celentano.

Ci accodiamo al resto della critica quando di lui si dice che l’apice del tutto viene raggiunto quando, a fine scaletta, troviamo un paio di ballad americane cantante in inglese, ecco forse il vero habitat di Mauro Pina, ecco il vero sapore di questo disco.






 Articolo letto 611 volte


Pagina stampabile