Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
5 G: l'asta in corso a favore della telefonia, lontane le tv ...
 

www.fanzine.net
 Interviste
•24/09 - Taberah, anche ai canguri piace il Metallo Pesante…
•21/09 - Hóros, poetica di un attraversamento verticale nella musica di Paolo Cavallone
•03/09 - Firenze sogna del buon rock e noi ne parliamo con Elisa Giobbi e Sauro Chellini, quelli di FirenzeSuona.
(altre »)
 
 Recensioni
•24/09 - Savana Funk - Bring in the new (Brutture Moderne/Audioglobe); come suonare un genere e renderlo vivo
•23/09 - Rock Prog Italiano 1980-2013 (Arcana, 414 pg, 25 €) di Massimo Salari - Raccontare il prog di ieri ed oggi
•21/09 - Catanzaro, Loredana Berte' esalta e diverte al Festival d'Autunno
(altre »)
 
 Comunicati
•25/09 - Al Mei di Faenza un evetno per i 10 anni dell'etichetta Vrec
•24/09 - Le Vibrazioni tornano con Pensami così
•22/09 - Milano Music Week, dal 19 al 25 novembre
(altre »)
 
 Rumours
•24/09 - Gianni Morandi, in 12 mila per lui sul lungomare di Carloforte
•22/09 - Ghali e Noizy insieme in Parku i Lojrave
•22/09 - Mumford & Sons, il nuovo singolo è Guiding Light
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 16/10/2017 alle 18:33:04
Davide Viviani - L'Oreficeria
di Silvio Mancinelli
Ascoltare il nuovo album di Davide Viviani, “L'oreficeria”, significa ascoltare un po' i padri del cantautorato italiano. De Andrè e De Gregori si sentono molto in questo nuovo lavoro, che viene definito folk, ma in realtà c'è anche dell'altro.

Ascoltare il nuovo album di Davide Viviani, “L'oreficeria”, significa ascoltare un po' i padri del cantautorato italiano. De Andrè e De Gregori si sentono molto in questo nuovo lavoro, che viene definito folk, ma in realtà c'è anche dell'altro.

Perchè se “Agua” fa pensare un po' anche all'Uomo in nero, “Salomon David”, in dialetto bresciano, contiene lo stesso concetto musicale e progettuale di “Creuza de ma” con un ritmo che piacerebbe molto a Tarantino.


Un disco abbastanza corto, circa trenta minuti, ma di certo la qualità non fa rima con quantità. Ad aiutarlo nella produzione di questo lavoro c'è Alessandro “Asso” Stefana (PJ Harvey, Vinicio Capossela) e c'è da registrare anche la partecipazione di Marco Parente.


Un album languido, ma di qualità, che può distinguersi in questo marasma di cantautori italiani; Viviani porta avanti la tradizione, senza rivisitazioni ma con semplicità e naturalità perchè gli italiani, questo modo di fare musica, lo hanno nei propri geni, altro che rock and roll! Convince meno quando inserisce un testo in inglese (“Leashed”).

La tracklist

1. E a tutto quel mondo lì
2. Agua
3. La creatura banale
4. Salomon David
5. Litania della città alta
6. Nella colza
7. Lu porcu meu
8. Leashed





 Articolo letto 691 volte


Pagina stampabile