Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La rivoluzione tecnica del digitale terrestre: manca poco, ma ... siamo pronti?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•25/02 - I Bee Gees raccontati da Roberta Maiorano
•24/02 - Feronia: il prog metal per l'era del cambiamento!!
•17/02 - Fleshgore…dalla ex cortina di ferro con furore…
(altre »)
 
 Recensioni
•26/02 - Root Madness of the Graves (Paragon Records) – Capolavoro ritrovato
•25/02 - ‘Bagnoli Babylon' è il nuovo graffiante album di Pierpaolo Iermano
•24/02 - Black Hole – Evil In The Dark (Andromeda Relix, 2017) Musica aliena per menti distorte.
(altre »)
 
 Comunicati
•24/02 - Non inizia bene neanche questo weekend, il nuovo singolo di Claudia Cantisani
•23/02 - George Harrison, festa di compleanno il 24 e 25 febbraio su VH1
•23/02 - Esce Acoustic Tarab Alchemy, disco d'esordio di A.T.A. tra jazz e canti sufi
(altre »)
 
 Rumours
•24/02 - (Alberto) Bianco presenta il nuovo disco Qu4ttro in tour
•23/02 - Leftlovers, nuovo singolo Ilaria Graziano & Francesco Forni
•22/02 - Ossigeno con Manuel Agnelli su Rai 3 dal 22 febbraio
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 16/10/2017 alle 18:33:04
Davide Viviani - L'Oreficeria
di Silvio Mancinelli
Ascoltare il nuovo album di Davide Viviani, “L'oreficeria”, significa ascoltare un po' i padri del cantautorato italiano. De Andrè e De Gregori si sentono molto in questo nuovo lavoro, che viene definito folk, ma in realtà c'è anche dell'altro.

Ascoltare il nuovo album di Davide Viviani, “L'oreficeria”, significa ascoltare un po' i padri del cantautorato italiano. De Andrè e De Gregori si sentono molto in questo nuovo lavoro, che viene definito folk, ma in realtà c'è anche dell'altro.

Perchè se “Agua” fa pensare un po' anche all'Uomo in nero, “Salomon David”, in dialetto bresciano, contiene lo stesso concetto musicale e progettuale di “Creuza de ma” con un ritmo che piacerebbe molto a Tarantino.


Un disco abbastanza corto, circa trenta minuti, ma di certo la qualità non fa rima con quantità. Ad aiutarlo nella produzione di questo lavoro c'è Alessandro “Asso” Stefana (PJ Harvey, Vinicio Capossela) e c'è da registrare anche la partecipazione di Marco Parente.


Un album languido, ma di qualità, che può distinguersi in questo marasma di cantautori italiani; Viviani porta avanti la tradizione, senza rivisitazioni ma con semplicità e naturalità perchè gli italiani, questo modo di fare musica, lo hanno nei propri geni, altro che rock and roll! Convince meno quando inserisce un testo in inglese (“Leashed”).

La tracklist

1. E a tutto quel mondo lì
2. Agua
3. La creatura banale
4. Salomon David
5. Litania della città alta
6. Nella colza
7. Lu porcu meu
8. Leashed





 Articolo letto 497 volte


Pagina stampabile