Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Filatelia e musica rock, francobolli e collezionismo discografico: le mille osmosi …
 

www.fanzine.net
 Interviste
•06/01 - Marco Papadia: tradizione e avanguardia nel jazz
•17/12 - Bobby Posner tra nostalgia, rimpianti e progetti futuri
•19/11 - Quel contrabbasso umano di Max Pezzali, tra la seconda generazione punk rock inglese e le nuove canzoni alla radio
(altre »)
 
 Recensioni
•18/01 - Metral Promo (autoproduzione) – Heavy Metal e basta
•17/01 - Cara Calma - Sulle punte per sembrare grandi (Cloudhead Records e Phonarchia Dischi)
•17/01 - Roberto Cacciapaglia alla fiorentina Feltrinelli: un cacciatore di perle sincroniche in un oceano di emozioni palpitanti…
(altre »)
 
 Comunicati
•17/01 - Al via la seconda stagione di Variazioni su Tema su Rai5 con Gege' Telesforo
•17/01 - Il Professor Vecchioni e la sua ossessione per il tempo
•16/01 - I Nomadi in concerto sabato 27 gennaio a Roma
(altre »)
 
 Rumours
•17/01 - Ghali il 19 gennaio a Radio 2 Live
•17/01 - Non e' mica da questi particolari che si giudica un cantautore, il 18 gennaio con Pino Marino
•16/01 - Alex Zuccaro premiato a Lecce: valente musicista, arrangiatore e collaboratore di Franco Migliacci, oltre che nell'opera rock sinfonica Stabat Mater ...
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 21/10/2017 alle 17:59:20
Piccola Orchestra Karascio'- Qualcosa mi sfugge (Radiocoop)
di Silvio Mancinelli
Un album che musicalmente potrebbe essere di transizione “Qualcosa mi sfugge”, il nuovo disco della Piccola Orchestra Karasciò.

Un album che musicalmente potrebbe essere di transizione “Qualcosa mi sfugge”, il nuovo disco della Piccola Orchestra Karasciò.


E' il terzo della serie, ma nonostante il tempo passato, la band bergamasca si conferma un'ottima formazione. Perchè si parla qui di transizione? Perchè se già il nostro Direttore Passarella nel 2011 parlava di una band che “si muove in quell'ormai terreno fertile che (ben arato dai vari Pierangelo Bertoli, Fabrizio De Andre', Modena City Ramblers) e' il folk autorale e cantautorale”, in alcuni casi, in questo nuovo lavoro, con canzoni come “Telecommando” o “Il nodo”, si ascolta qualcosa di nuovo.


C'è un pop più moderno, un po' alla Pertubazione, se proprio vogliamo prendere in considerazione una band attuale. Ed è questo l'aspetto sonoro che trovo più interessante in quanto il nostro folk, alcune volte pop-folk o combat-folk, non l'ho mai sopportato-supportato più di tanto. Se vogliamo, anche nei testi si respira aria di transizione. C'è chi racconta la fine dei vent'anni e chi ha già superato la soglia dei trenta e prova a descrivere che cosa c'è oltre il giro di boa. Anche in questo senso c'è una trasformazione dal mondo adolescenziale e quello strettamente adulto. Probabilmente il cambio di di età pone delle domande, umane. E tutto questo si riflette nel disco.

La tracklist

1. A canzoni non si fan rivoluzioni
2. Luna
3. Telecommando
4. Il nodo
5. Respira
6. Resisto
7. Qualcosa mi sfugge
8. Come mamma mi ha fatto
9. Tabula rasa
10. Passa il treno
11. Briciole






 Articolo letto 322 volte


Pagina stampabile