Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Forse i vinili costeranno di meno ed avranno maggiore resa sonora
 

www.fanzine.net
 Interviste
•18/06 - BlindCat: heavy rock ed orgoglio sudista!!
•14/06 - The future is unwritten: intervista a Michele Anelli per il suo nuovo disco Divertente Importante ..
•29/05 - Le vibrazioni del legno sul palco ed i fiori con il codice a barre: l'intervista a Paola Rossato ...
(altre »)
 
 Recensioni
•19/06 - LeVacanze, "high" elettro pop per il duo beneventano Fuccio-Preziosa
•17/06 - Alberto Bettin & Gli Implacabili – L’impossibile l’imprevedibile (Guttember Music / Caligola Records) garbato pop jazz cantautorale per sbirciare sotto le pezze e … vedere il sedere!
•16/06 - Artura - Drone (New Model Label / Matteite) l'elettronica italiana che avanza
(altre »)
 
 Comunicati
•19/06 - Elena Ledda vince il Premio nazionale Città di Loano
•19/06 - Ilaria Cretaro, il nuovo singolo è Vertigine
•19/06 - Noyz Narcos si aggiunge al cast di Rock In Roma
(altre »)
 
 Rumours
•19/06 - A Flavio Giurato il Premio Giorgio Lo Cascio 2018
•19/06 - Roma Incontra il Mondo, sospesi alcuni concerti a Villa Ada
•18/06 - La Premiata Forneria Marconi pronta per il tour estivo 2018
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 22/10/2017 alle 12:58:21
Volwo - Dieci viaggi veloci (Viceversa records)
di Silvio Mancinelli
Piacerebbe sicuramente ai miei amici sulmonesi che in questi anni si stanno occupando di profughi e immigrazione questo nuovo lavoro di Pasquale De Fina, intitolato “Dieci viaggi veloci”, pubblicato sotto il nome di Volwo

Piacerebbe sicuramente ai miei amici sulmonesi che in questi anni si stanno occupando di profughi e immigrazione questo nuovo lavoro di Pasquale De Fina, intitolato “Dieci viaggi veloci”, pubblicato sotto il nome di Volwo.

Volwo non è altro che il vecchio progetto di De Fina con cui aveva esordito nel 2002 con "Viva Vittoria", prima quindi di pubblicare tre dischi con il progetto Altleticodefina.
È un disco per la maggior parte acustico fatto di rock blues con punte di elettronica (“la didone abbandonata”).


Ascoltando già le prime tre canzoni ne viene fuori un gran disco, nel quale, alla chitarra acustica e batterie soffuse, si aggiungono piano e fiati di sottofondo (“Tutto l'oro”). È un album pubblicato insieme a tanti amici: da Paolo Benvegnù, a Alex Marchesi, da Luca Gemma a Ylenia Lucisano fino a Rachele Bastreghi. In alcuni casi sembra ascoltare un qualcosa di Nick Cave e Lou Reed. E soprattutto con questo ultimo il legame sono i temi. Il tema che lo lega a Lou è soprattutto l'emarginazione, perchè in Italia gli emigrati sono emarginati.

È una condizione simile alle situazioni raccontante dall'ex Velvet. Come non pensare però anche a De Andrè quando si ascolta “Canto dell'emigrante 1903”, con una base elettronica e un sax di ambientazione.

Le dieci canzoni trattano di emigrazione, viaggi, del lavoro e della passione ed in alcuni casi vi è una contrapposizione tra il suono morbido e il tema pesante. Temi quindi già utizzati dai citati autori ma rivisitati in maniera intelligente da De Fina. Ottimo disco.

La tracklist

1. M'arricordu e non mi scordu
2. Milano immaginazione
3. Tutto l'oro
4. A debita distanza
5. Canto dell'emigrante 1903
6. La didone abbandonata
7. Sotto le tre nuvole
8. Cusago
9. Se ti sabir
10. La cuccagna





 Articolo letto 1201 volte


Pagina stampabile