Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La rivoluzione tecnica del digitale terrestre: manca poco, ma ... siamo pronti?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•17/02 - Fleshgore…dalla ex cortina di ferro con furore…
•12/02 - Angelus Rock infreddolito: Roberto Cacciapaglia inizia il tour russo e poi il 5 Marzo parte quello italiano da Firenze ..
•06/01 - Marco Papadia: tradizione e avanguardia nel jazz
(altre »)
 
 Recensioni
•17/02 - Enzo Beccia - Per chi viaggia leggero
•16/02 - Tu lo conosci Coez? Chiedi a Mattia Marzi!
•16/02 - Thrash Bombz Master of the Dead (Iron Shield Records) – Una bomba
(altre »)
 
 Comunicati
•16/02 - Il suono delle immagini al Teatro Arciliuto con Massimo Alviti e Alessandro Papotto
•16/02 - Ultimo ospite sabato 17 febbraio di Gulp Music (Rai Gulp)
•15/02 - Leonard Bernstein at 100, doppio appuntamento a Santa Cecilia per ricordare il compositore americano
(altre »)
 
 Rumours
•16/02 - Ed Sheeran, sabato 17 febbraio VH1 festeggia il suo 27° compleanno
•16/02 - Patty Pravo in...La cambio io la vita che tour 2018 con la Gaga Symphony Orchestra
•15/02 - Carmen Consoli & Friends, festa di musica il 1 giugno a Villa Bellini (Catania)
(altre »)
Comunicati
Pubblicato il 01/11/2017 alle 19:14:29
Federica Morrone vince il Premio Bianca d'Aponte 2017
di Martina Neri
A Federica Morrone il premio assoluto, al duo Fede ‘n Marlen il premio della critica Fausto Mesolella - Foto di Camilla Cauti

A Federica Morrone il premio assoluto, al duo Fede ‘n Marlen il premio della critica Fausto Mesolella. - Foto di Camilla Cauti

E’ la Campania quest'anno il regno della canzone d'autore al femminile. A stabilirlo le giurie della tredicesima edizione del Premio Bianca d'Aponte – Citta’ di Aversa (l'unico in Italia riservato alle cantautrici), che hanno decretato la vittoria della salernitana Federica Morrone ed hanno attribuito al duo partenopeo Fede ‘N’ Marlen il premio della critica. Quest'ultimo riconoscimento da quest'anno ha preso il nome di Premio Fausto Mesolella, dallo storico direttore artistico della manifestazione, scomparso improvvisamente a marzo.
La manifestazione, svoltasi il 27 e 28 ottobre, è stata fitta di omaggi a Mesolella, a cominciare da quello del suo gruppo storico, gli Avion Travel, nella serata di venerdì, quando anche Fausta Vetere e Corrado Sfogli della Nuova Compagnia di Canto Popolare hanno ricordato con due brani il grande musicista casertano. Sabato 28 invece, Kaballa’ ha interpretato una propria canzone in siciliano scritta appositamente per lui ed Alessio Bonomo ha offerto un duetto virtuale con Mesolella.

Nella prima serata sono saliti sul palco anche Giuseppe Anastasi, Alessio Arena, Katres e la vincitrice della scorsa edizione, Sighanda, in scena pure il giorno dopo. Anche sabato 28 sono stati molti gli ospiti di rilievo, a partire da Rachele Bastreghi dei Baustelle, che è stata la madrina del concorso interpretando ‘Non ci credevo più’, un brano di Bianca d'Aponte, la cantautrice a cui il festival è dedicato. Con lei si sono esibiti Mauro Ermanno Giovanardi, Bruno Marro, Musica Nuda (Magoni e Spinetti), Mariella Nava e la giovanissima Frida Bollani Magoni, di soli tredici anni, la grande rivelazione del d'Aponte 2018. Figlia di Stefano Bollani e Petra Magoni, ha incantato il pubblico accompagnandosi al pianoforte in una suggestiva interpretazione di ‘Stay’ di Rihanna.

La vincitrice Federica Morrone e’ di Castel San Giorgio (SA). All’eta’ di cinque anni ha partecipato allo Zecchino d’oro e a otto ha iniziato lo studio del pianoforte. In qualità di pianista dal 2009 ha ottenuto risultati lusinghieri in vari concorsi. Nel 2013 ha iniziato a scrivere canzoni. Come vincitrice del premio assoluto potra’ esibirsi in un tour di otto concerti in luoghi prestigiosi reso possibile grazie a NuovoImaie (progetto realizzato con i fondi dell’art.7 L. 93/92). Avrà a disposizione inoltre una borsa di studio di 1000 euro, anche quest'anno attribuita dalla Federazione degli autori, rappresentata ad Aversa da Mario Lavezzi.

Fede 'n' Marlen sono un duo nato nel 2013 e formato da Federica Ottombrino e Marilena Vitale. Lo scorso anno è uscito il loro primo album, ‘Mandorle’, che le due hanno presentato in un lungo tour in tutta Italia. Musicalmente in loro convivono la canzone d’autore italiana e sudamericana, la canzone napoletana, l’amore per gli strumenti acustici e tradizionali e altro ancora. In qualità di vincitrici del ‘Premio Fausto Mesolella’ hanno diritto a una borsa di studio di 800 euro e alla partecipazione al Premio Lunezia 2018.

Federica Morrone si è aggiudicata anche la menzione per la miglior musica, mentre a Nòe da Menfi (AG) è andata quella per l'interpretazione e a Marta De Lluvia da Recanati (MC) quella per il testo.

Diversi sono stati i riconoscimenti esterni del contest: quello dell’etichetta Suoni dall’Italia di Mariella Nava, con la proposta di un contratto discografico, se l'è aggiudicato Ima di Torino; quello di Soundinside Basement Records, con la realizzazione di un video live in studio, Nòe; quello del Virus Studio, chiamato Premio ‘'Na stella’ (titolo di una canzone di Mesolella), è andato invece a Patrizia Capizzi di Caltanissetta, che avrà a disposizione due giorni in sala d'incisione per realizzare un brano con la produzione artistica di Ferruccio Spinetti.

Il concorso vedeva in gara anche: Marialuisa De Prisco da Gesualdo (AV), Francesca Marì da Taranto, Frida Neri da Fano (PU) e Francesca Romana Perrotta da Lecce.

A presentare le serate di Aversa è stata Chiara Morucci (vincitrice della seconda edizione del Premio), affiancata il venerdì da Maria Cristina Zoppa ed il sabato da Roberta Balzotti.

Il Premio Bianca d'Aponte è organizzato dall’Associazione Bianca d’Aponte con il patrocinio della Regione Campania e del Comune di Aversa. Partner sono Emergency, Mau, Suoni dall’Italia, Nuovo Imaie, Premio Andrea Parodi, Soundinside, Virus studio, Blogfoolk, L’isola che non c’era. Media partner è Rai Radio live, che trasmetterà in differita ampi stralci delle due serate.









 Articolo letto 408 volte


Pagina stampabile