Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Dateci ancora dello swing! Dallo show con Renzo Arbore al festival fiorentino …con il coraggio di Don Abbondio!
 

www.fanzine.net
 Interviste
•19/11 - Quel contrabbasso umano di Max Pezzali, tra la seconda generazione punk rock inglese e le nuove canzoni alla radio
•02/11 - Un maestro mai Fermo: Sergio Ciccoli.
•31/10 - Monkey Tempura, jazz contemporaneo e moderno: ne parliamo con Francesco De Palma ..
(altre »)
 
 Recensioni
•23/11 - Beppe Chierici – Nuovo Cantacronache 3 (Il Cenacolo di Ares IRM 1561) vivere fuori dal branco, frequentando il bassofondo ..
•11/11 - Radio Vudu’ - Zagor, Charlotte e Altre Avventure (Killer Dogz Music Factory KDMK007) punk rock milanese, scarno, storico ...tra i grandi laghi, il grande spirito con la scure …
•09/11 - Ivana Cecoli - Io non so se tu lo sai (San Luca Sound)
(altre »)
 
 Comunicati
•22/11 - Nicola Dragotto e Luciano Labrano inaugurano la nuova stagione Be Quiet al Bellini di Napoli
•21/11 - Paìno e Proietti er Cravattaro, opera romanesca di Maurizio Fortini, debutta al Teatro Greco di Roma
•20/11 - Milano Musik Week, iniziata la kermesse con musica e artisti
(altre »)
 
 Rumours
•22/11 - Diponibile il video di Come è profondo il mare di Lucio Dalla con Luca Carboni
•22/11 - Gianni De Berardinis presenta Priceless (il suo cd come cantautore..!) Martedi' 5 Dicembre a Milano
•21/11 - Mercoledi' 22 Novembre su Real Time (canale 31 del digitale terrestre free e in contemporanea su Radio Italia) il live di Francesco Gabbani
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 02/11/2017 alle 17:20:53
Second Opinion, la raffinata lezione di Peter Erskine and The Dr. Um Band
di Giuseppe Panella
Guardare al futuro ripartendo dal passato è da sempre l’obiettivo di Peter Erskine che a distanza di tredici mesi dà alla luce il seguito del suo folgorante Dr.Um

PETER ERSKINE AND THE DR.UM BAND
“Second Opinion”
(Fuzzy Music)


Guardare al futuro ripartendo dal passato è da sempre l’obiettivo di Peter Erskine che a distanza di tredici mesi dà alla luce il seguito del suo folgorante Dr.Um, con cui ha ricevuto una nomination ai Grammy Award nella categoria Best Jazz Instrumental Album. Una tappa importante e non un punto di arrivo per un musicista da sempre all’avanguardia come dimostrato negli anni in cui ha collaborato con i Weather Report e, successivamente, con gli Steps Ahead. Second opinion sembra restituire Erskine ad una nuova giovinezza grazie anche al supporto di John Beasley, alle tastiere, Bob Sheppard, ai sassofoni e al flauto, e Benjamin Shepherd, al basso. Quest’ultimo sostituto di Janek Gwizdala, presente nel disco precedente.

La qualità tecnica e compositiva dei musicisti esalta il quartetto il cui suono corposo ed elegante si esprime con gli interventi misurati, che rendono suggestivo un album che è la perfetta sintesi di ciò che oggi in America viene definito come contemporary jazz. Proprio l’esemplare fusione di jazz e funk e gli accenni di soul la fanno da padrone in ognuno dei nove brani in cui il quartetto sente la necessità di trasmettere suggestioni profonde. Sono proprio i tratti jazz-funk dell’iniziale Hypnotherapy che riconducono ai Weather Report. Esemplare la performance al pianoforte di Beasley e di Sheppard, al sax, che dialogano sostenuti dalla imponente sezione ritmica. Un inizio accattivante in cui il suono di Erskine e della sua band non indulge mai troppo con sé stesso. In Eleven eleven l’intro e l’assolo funk del basso di Shepherd, in aggiunta alle tastiere di Beasley riconducono alle sonorità care a Joe Zawinul. Altrettanto si può dire di Lida Rose con un intro di basso che porta alla mente Jaco Pastorius.

Ma sarebbe un errore pensare a Second opinion come ad un album che “omaggia” i Weather Report. Sicuramente quei suoni sono nel DNA di Erskine ed è inevitabile che ogni sua idea riparta da essi sviluppandoli e rendendoli attuali. Peter Erskine and The Dr.Um Band fanno tesoro dei dettami della band di Joe Zawinul e Wayne Shorter, così come quelli di Don Grolnick degli Steps Ahead senza restarne “imprigionati”. Li esaltano e li arricchiscono con grande sapienza, lasciando libera la loro fantasia come nelle delicate Street of dreams, di Victor Young, e Dreamsville, di Henry Mancini, i due momenti più raffinati dell’intero album. Second opinion è un album eccellente, una lezione di classe che dovrebbe essere presa come esempio da tutti i musicisti che si avvicinano al jazz, ma anche a quelli che hanno bisogna di trovare nuove idee.







 Articolo letto 310 volte


Pagina stampabile