Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Dateci ancora dello swing! Dallo show con Renzo Arbore al festival fiorentino …con il coraggio di Don Abbondio!
 

www.fanzine.net
 Interviste
•19/11 - Quel contrabbasso umano di Max Pezzali, tra la seconda generazione punk rock inglese e le nuove canzoni alla radio
•02/11 - Un maestro mai Fermo: Sergio Ciccoli.
•31/10 - Monkey Tempura, jazz contemporaneo e moderno: ne parliamo con Francesco De Palma ..
(altre »)
 
 Recensioni
•14/12 - Unoauno - Cronache Carsiche (Ribéss Records / Audioglobe)
•14/12 - Paul Pedana, un emergente 'alieno' nell'italo-pop
•12/12 - Silenzio Profondo – Silenzio Profondo (Andromeda Relix/GT Music, 2017)
(altre »)
 
 Comunicati
•15/12 - I Ciuffi Rossi sabato 16 dicembre a Gulp Music (Rai Gulp)
•14/12 - Audio 2, nuovo singolo con Libero come un aliante
•14/12 - Classifiche dei dischi, FIMI annuncia novità da gennaio
(altre »)
 
 Rumours
•15/12 - Adotta un canto all'Auditorium di Roma il 15 e 16 dicembre, da Alan Lomax a De Martino e Carpitella
•14/12 - Traindeville, esce il secondo disco Caffe' Fortuna con ospiti Amy Denio, Edoardo Inglese e Stefano Saletti
•12/12 - Jovanotti, Oh, Vita! è primo in classifica
(altre »)
Rumours
Pubblicato il 07/12/2017 alle 11:34:34
Secondo Casadei, un doppio CD celebra il papà di Romagna Mia
di Manuela Ippolito
Venerdì 8 dicembre esce "Mi chiamo Secondo" (Universal) un viaggio nei classici della prima world music italiana con le registrazioni originali rimasterizzate dai nastri analogici per celebrare la musica senza tempo di Secondo Casadei.

Venerdì 8 dicembre esce "Mi chiamo Secondo" (Universal) un viaggio nei classici della prima world music italiana con le registrazioni originali rimasterizzate dai nastri analogici per celebrare la musica senza tempo di Secondo Casadei.

A partire dal classico senza tempo “Romagna Mia”, le canzoni di Secondo Casadei hanno segnato le trasformazioni sociali dell’Italia accompagnando la transizione dalla cultura contadina all’urbanizzazione, mantenendo sempre quel sentire poetico che ha fatto delle musiche romagnole un riferimento per la musica popolare.

Una lunga storia ricca di successi che adesso, per la prima volta, viene finalmente raccontata in maniera esaustiva dalla raccolta “Mi chiamo Secondo”.

La quasi totalità dei brani inclusi in questa antologia viene pubblicata per la prima volta in CD e in digitale grazie a lungo lavoro di rimasterizzazione effettuato partendo direttamente dai nastri analogici originali che ne ha rispettato profondamente lo spirito, per un’emozionante esperienza di ascolto.

Grazie al lavoro di ricerca negli archivi musicali di Universal Music in collaborazione con Riccarda Casadei, figlia di Secondo, sono state rese finalmente disponibili ballate che hanno fatto sognare, divertire e innamorare più di una generazione, con il primo esempio di via italiana alla world music. Il liscio di Secondo, infatti, è il frutto di una miscela che sulla tradizione romagnola innesta la cultura sonora mitteleuropea della polka e del valzer: il risultato è un suono unico, mai ascoltato sino a quel momento, capace di dare una veste internazionale a una realtà fortemente locale dai decisi tratti identitari, come quella della campagna romagnola.

Questa raccolta arriva in un momento di forte ritorno di interesse per il liscio, non solo per i musicisti virtuosi che raccoglie, ma anche per le partiture, che intrecciano ricerca e gusto popolare.

“Mi chiamo Secondo nasce - dice Giuliano Paco Ciabatta, direttore creativo di Casadei Sonora - dal recupero delle incisioni originali di Secondo Casadei su nastro analogico. Attraverso la digitalizzazione e il restauro audio, abbiamo lavorato con l’obiettivo di restituire fedelmente il suono ottenuto dalla formazione musicale che a metà degli anni ’50 Secondo Casadei aveva scelto per dare vita alle sue composizioni e per portare la sua musica nelle feste di paese e nelle balere di allora… Alla fine del primo CD abbiamo incluso una traccia con una raccolta di brevi frammenti audio durante le prove in sala di incisione”.

“Il suo amore per la musica, per il popolo e per la sua terra ha lasciato un segno indelebile, dopo tanti anni la gente continua ad amarlo, e quando si balla è come se lui fosse lì presente, perché nella sua musica c’è la sua anima, il suo entusiasmo e la sua allegria” Riccarda Casadei




 Articolo letto 139 volte


Pagina stampabile