Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
5 G: l'asta in corso a favore della telefonia, lontane le tv ...
 

www.fanzine.net
 Interviste
•24/09 - Taberah, anche ai canguri piace il Metallo Pesante…
•21/09 - Hóros, poetica di un attraversamento verticale nella musica di Paolo Cavallone
•03/09 - Firenze sogna del buon rock e noi ne parliamo con Elisa Giobbi e Sauro Chellini, quelli di FirenzeSuona.
(altre »)
 
 Recensioni
•24/09 - Savana Funk - Bring in the new (Brutture Moderne/Audioglobe); come suonare un genere e renderlo vivo
•23/09 - Rock Prog Italiano 1980-2013 (Arcana, 414 pg, 25 €) di Massimo Salari - Raccontare il prog di ieri ed oggi
•21/09 - Catanzaro, Loredana Berte' esalta e diverte al Festival d'Autunno
(altre »)
 
 Comunicati
•24/09 - Le Vibrazioni tornano con Pensami così
•22/09 - Milano Music Week, dal 19 al 25 novembre
•21/09 - Tornano i Take That, un'antologia e due concerti in Italia
(altre »)
 
 Rumours
•24/09 - Gianni Morandi, in 12 mila per lui sul lungomare di Carloforte
•22/09 - Ghali e Noizy insieme in Parku i Lojrave
•22/09 - Mumford & Sons, il nuovo singolo è Guiding Light
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 08/12/2017 alle 11:46:01
Folk Stone - Ossdiana (Universal)
di Silvio Mancinelli
La band bergamasca Folk Stone torna dopo tre anni con “Ossidiana”, un album completamente diverso dal resto della loro discografia.

La band bergamasca Folk Stone torna dopo tre anni con “Ossidiana”, un album completamente diverso dal resto della loro discografia, infatti sin dal primo brano, "Pelle Nera e Rum", si percepisce una nuova vena creativa più folk che metal, forse più coerente con il nome.

Ma è solo una impressione, perchè più si avanti con il disco e più ci se rende conto che “Ossidiana” è un disco completamente metal. Un metal alla Iron Maiden, con una impostazione vocale alla Guccini e sottofondi celtici.

E tutto questo con mia profonda delusione, perchè l'arrangiamento del brano di apertura mi faceva ben sperare. Non impressiona neanche il crossover che combina il metal con i suoni celtici, un po' il loro marchio di fabbrica. Perchè non è originale, lo fecero già i Rota Temporis in maniera più convincente in tempi non sospetti e di esempi migliori di crossover ne abbiamo, tipo le cornamusa degli ACDC o con i Korn.


I tredici pezzi vanno avanti senza uno stimolo particolare da parte mia, diversamente da quando ascoltavo il loro esordio nel 2008. “Ossidiana” rappresenta una occasione sprecata dalla band per fare qualcosa di veramente celtico e ispirato alle terre del Nord

La tracklist

1. Pelle nera e rum
2. Scintilla
3. Anna
4. Psicopatia
5. Asia
6. Scacco al re
7. Mare dentro
8. E vado via
9. Istantanea
10. Supernova
11. Dritto al petto
12. Sabbia nera
13. Ossidiana






 Articolo letto 1436 volte


Pagina stampabile