Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
5 G: l'asta in corso a favore della telefonia, lontane le tv ...
 

www.fanzine.net
 Interviste
•03/09 - Firenze sogna del buon rock e noi ne parliamo con Elisa Giobbi e Sauro Chellini, quelli di FirenzeSuona.
•23/08 - Lorella Moretti e Luca Bechelli, quelli di Pippolatico Music, talent scout del Chianti fiorentino..
•18/08 - Dai Queen a Raffaella Carra’, partendo da Colle Val D’Elsa: il duo Daniela Lotti ed Ilaria Di Pasquale, assieme a Flavio Insinna ad Amatrice ..
(altre »)
 
 Recensioni
•17/09 - Elisa Sandrini - Come un tic tac - la magia acustica che rispetta i grandi autori italiani
•07/09 - Imagine Dragons, unica data in Italia, tra pioggia ed una bandiera Rainbow ..
•31/08 - Catanzaro, al Festival d'Autunno con EfeitoBrasil Trio tra la contagiosa allegria e la saudade brasiliana
(altre »)
 
 Comunicati
•18/09 - Una striscia di terra feconda dal 18 al 22 settembre a Roma con Musica Nuda, Danilo Rea e Stefano Benni
•18/09 - Teatro Palladium di Roma, presentata la nuova stagione
•18/09 - Il nostro caro Lucio, a Roma il 20 novembre viene presentato il libro di Donato Zoppo
(altre »)
 
 Rumours
•18/09 - Addio a Goran Kuzminac, autore di Ehi ci stai
•18/09 - Cypress Hill, tornano i pionieri dell'hip-hop con Crazy
•15/09 - Un omaggio al cinema muto, arte che tanto ama: Adel Tirant ed il singolo September, con un bel videoclip ..
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 18/12/2017 alle 14:06:39
Yato: Post Shock
di Paolo Polidoro
Quello che gira da giorni nel mio lettore cd è il nuovo album di Yato, "Post Shock", che sembra dividersi tra Berlino e un Nirvana che non ha continente e politica

Quello che gira da giorni nel mio lettore cd è il nuovo album di Yato, "Post Shock", che sembra dividersi tra Berlino e un Nirvana che non ha continente e politica.

Con il singolo “Elettro Hardore” ci aveva abituati in un qualche modo a conciliare il santo pop alle trame un poco rock e un poco digital urban, dalla voce alle melodie passando per quel certo gusto di mix che non ha troppa distanza da certe soluzioni dei Modà.

Ovviamente sto estremizzando ma direi che dalle trasgressioni di Battiato fino al pop rock italiano con un retrogusto alla Mango, ci troviamo tanta sana elettronica d’autore che fanno di questo disco una prova di gusto di cantautorato.

Bellissima l’esperienza visionaria dubstep che troviamo nell’urbanizzazione spietata di “Dub-Bi Song”, che dire di “Le Teorie Possibili” o del nuovo singolo e video “Consciock” dove ritroviamo un Ottodix nuova maniera, qualche sentore di scura teatralità che si intravede nel pop fintamente colto dei Baustelle e poi ritroviamo l’avanguardia di suoni semplici e arrangiamenti forse fin troppo didattici.

Se c’è qualcosa che arriverei a sottolineare è proprio che da tanto spingere sul pedale della fantasia avrei preferito che ci fossero stati più segnali d’avanguardia e di ribellione contro strutture e cliché delle normali forme canzoni, vorrei chiudere lanciando un occhio al secondo strumentale “Intro Me”, bellissime sensazioni di aria digitale, di domenica metropolitane del nuovo futuro in cui il piede distratto e furtivo poggia sempre ad un passato analogico di chitarre e batterie, un ricorso incedere alla Enaudi traduce questo brano in una rocckeggiante atmosfera new age.






 Articolo letto 1362 volte


Pagina stampabile