Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Forse i vinili costeranno di meno ed avranno maggiore resa sonora
 

www.fanzine.net
 Interviste
•12/07 - Quincy Jones, il jazz è libertà
•30/06 - In-Side: dentro la musica, fuori le emozioni!! Rock AOR & prog ..
•21/06 - Jouer et Danser con il Dos Duo Onirico Sonoro: la nostra intervista ..
(altre »)
 
 Recensioni
•20/07 - Leonardo non era vegetariano (Maschietto Editore) un libro sul genio di Vinci.. pittore, inventore, cantante e che suonava (ed insegnava) la lira ..
•14/07 - Capitano Merletti - Shortwaver from the u.f.o. channel (Cd Baby/Physical), il folk che viene da lontano
•13/07 - Fabio Curto: Rive, Volume 1 (Fonoprint)
(altre »)
 
 Comunicati
•21/07 - Mezzosangue: concerto a Pistoia il 24 luglio.
•19/07 - Sabato 21 Luglio in diretta da Ippodromo Capannelle a Roma il concerto di Sfera Ebbasta
•17/07 - Aprite i porti con Dobet Gnahore' e Sanba Parade a Villa Ada il 18 luglio
(altre »)
 
 Rumours
•21/07 - Il concerto a Taormina del 28 Luglio de Il Volo a favore del Comitato Sicilia di AIRC Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro
•21/07 - Caetano Veloso chiude a Roma il tour Ofertorio con i figli Moreno, Tom e Zeca
•20/07 - I Racconti delle Nebbie: Benvegnu' e Ciuferri a Largo Venue e Radio Citta' Aperta
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 27/12/2017 alle 14:20:27
Davide Buzzi: Non ascoltare in caso d’incendio
di Paolo Polidoro
Il nuovo disco di Davide Buzzi dal titolo “Non ascoltare in caso d’incendio”, è una strana prova anni ’70 di rock antico, è uno strano mix privo di basse frequenze

Il nuovo disco di Davide Buzzi dal titolo “Non ascoltare in caso d’incendio”, è una strana prova anni ’70 di rock antico, è uno strano mix privo di basse frequenze, e poi è anche una straordinaria prova di vitalità con un video che sulle prime non sembrerebbe avere tanto successo ma che ha concimato ben oltre le 500 mila visualizzazioni.

Una prova rock anni ’70 come dicevo, all’italiana maniera che tanto mi piace come nella splendida apertura del singolo “Te ne vai” o “Romaneschi” in cui i riferimenti ad un certo modus operandi sono assai sfacciati, come sono sfacciate quelle linee guida di una canzone d’autore propriamente detta come in “Alice le ali” ma su tutto vince quello scenario da main stage che domina come un supervisore su tutto, con i suoni con le melodie e con quel piglio da rockstar, si veda per esempio la gol rock chiusa in “Canzone d’Addio”, e non lasciamoci sorprendere quando Buzzi rallenta i toni e ci regala le sfumature popolari quasi medievali di “In Dra Vida Dun Omm”, spero di aver scritto bene il titolo che ovviamente lascia presagire una bellissima poesia in dialetto.

C’è tanto in questo disco di Buzzi che forse avrebbe dovuto migliorare il piglio vocale e quel certo modo di fare rock con le liriche, un bel disco rock insomma, che dagli Stadio a Bob Dylan direi che le ha pescate tutte per incidere su disco la sua personalità non troppo facile da chiudere dentro banalissime etichette.






 Articolo letto 1388 volte


Pagina stampabile