Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
5 G: l'asta in corso a favore della telefonia, lontane le tv ...
 

www.fanzine.net
 Interviste
•18/10 - Toquinho: L'Italia è la mia seconda patria
•08/10 - L'incontro con il folk singer Luigi Grechi, tra Ferlinghetti e la fake news su Joan Baez ..
•04/10 - Il tempo giusto di Simona
(altre »)
 
 Recensioni
•21/10 - Walter De Stradis - Nella testa di Antonio Infantino (Villani Editore) un bel libro sul migliore pittore, architetto, cantante, poeta, visionario, filosofo lucano...
•17/10 - Valente - Il blu di ieri - la new wave alla massima potenza
•17/10 - Claudio Baglioni – Firenze 16 Ottobre 2018, primo concerto del tour di Al Centro, un mercatino democratico di sogni e di canzoni
(altre »)
 
 Comunicati
•22/10 - John Mayall, nuovo album e concerto il 29 marzo a Parma
•22/10 - Gazzelle, il nuovo album si intitola Punk
•21/10 - Come Una Danza: Raf ed Umberto Tozzi discograficamente di nuovo insieme e con tour in arrivo ...
(altre »)
 
 Rumours
•22/10 - Michele Bravi presenta il libro Nella vita degli altri
•22/10 - Ernia, al via il 68 Tour
•21/10 - Paolo Conticini e Gianmarco Tognazzi ospiti dell'Accademia di Arte e Spettacolo Le Muse di Gianna Martorella
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 23/12/2017 alle 14:50:37
Verganti: Atlas
di Paolo Polidoro
Si intitola “Atlas” questo disco dei Verganti che sinceramente prende bene, anzi benissimo, prende la voglia di studiare e arricchirsi di letture apocrife, di scenari apocalittici ma soprattutto di antiche leggende come quella di Atlantide a cui i no

Si intitola “Atlas” questo disco dei Verganti che sinceramente prende bene, anzi benissimo, prende la voglia di studiare e arricchirsi di letture apocrife, di scenari apocalittici ma soprattutto di antiche leggende come quella di Atlantide a cui i nostri attingono a piene mani.

Come rubano anche alla letterature di Mauro Biglino che studia da anni e traduce le sacre scritture per arrivare a dirci che “La Bibbia non parla di Dio”, e poi il suono, qui si fa del prog classico di quelli che gli ’60 e ’70 trovavi anche al supermercato, e non a caso i Verganti sono veterani della scena e provenienti in carne ed ossa proprio da quelle epoche. “Atlas” contiene 10 piccole suite, brani raramente più corti dei 6 minuti, in cui non si fanno sconti e chi non ha tenacia e fame di ascoltare musica allora è meglio che ripieghi su uno dei tanti buratti della plastica commerciale da sottofondo.

“Atlas” unisce al progressivo incedere dei suoni e dei cliché di genere un retrogusto pop con melodie vocali assai poco trasgressiva, molto molto poco per chi ama il genere, cercando di accontentare un po’ l’uno e un po’ l’altro, una prova interessante che vuole in qualche modo portare agli uni le bellezze degli altri.

“Atlas” è un disco spirituale, non a caso la loro scelta di apparire in abiti talari, è un disco che punta dritto ai concetti di mente e corpo, di suono come elevazione dello spirito., forse è un concept sulla creazione dell’uomo, per comprendere al meglio ogni cosa c’è bisogno di fermarsi, sedersi ed ascoltare per davvero, come si faceva un tempo con i fantastici vinili.

Se non avete voglia di fare tutto questo e se non avete la mente aperta per rincorre le scelte barocche con cui i nostri hanno disegnato le melodie, allora rinunciateci subito, altrimenti buon ascolto.






 Articolo letto 1493 volte


Pagina stampabile