Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Forse i vinili costeranno di meno ed avranno maggiore resa sonora
 

www.fanzine.net
 Interviste
•12/07 - Quincy Jones, il jazz è libertà
•30/06 - In-Side: dentro la musica, fuori le emozioni!! Rock AOR & prog ..
•21/06 - Jouer et Danser con il Dos Duo Onirico Sonoro: la nostra intervista ..
(altre »)
 
 Recensioni
•20/07 - Leonardo non era vegetariano (Maschietto Editore) un libro sul genio di Vinci.. pittore, inventore, cantante e che suonava (ed insegnava) la lira ..
•14/07 - Capitano Merletti - Shortwaver from the u.f.o. channel (Cd Baby/Physical), il folk che viene da lontano
•13/07 - Fabio Curto: Rive, Volume 1 (Fonoprint)
(altre »)
 
 Comunicati
•21/07 - Mezzosangue: concerto a Pistoia il 24 luglio.
•19/07 - Sabato 21 Luglio in diretta da Ippodromo Capannelle a Roma il concerto di Sfera Ebbasta
•17/07 - Aprite i porti con Dobet Gnahore' e Sanba Parade a Villa Ada il 18 luglio
(altre »)
 
 Rumours
•21/07 - Il concerto a Taormina del 28 Luglio de Il Volo a favore del Comitato Sicilia di AIRC Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro
•21/07 - Caetano Veloso chiude a Roma il tour Ofertorio con i figli Moreno, Tom e Zeca
•20/07 - I Racconti delle Nebbie: Benvegnu' e Ciuferri a Largo Venue e Radio Citta' Aperta
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 23/12/2017 alle 14:50:37
Verganti: Atlas
di Paolo Polidoro
Si intitola “Atlas” questo disco dei Verganti che sinceramente prende bene, anzi benissimo, prende la voglia di studiare e arricchirsi di letture apocrife, di scenari apocalittici ma soprattutto di antiche leggende come quella di Atlantide a cui i no

Si intitola “Atlas” questo disco dei Verganti che sinceramente prende bene, anzi benissimo, prende la voglia di studiare e arricchirsi di letture apocrife, di scenari apocalittici ma soprattutto di antiche leggende come quella di Atlantide a cui i nostri attingono a piene mani.

Come rubano anche alla letterature di Mauro Biglino che studia da anni e traduce le sacre scritture per arrivare a dirci che “La Bibbia non parla di Dio”, e poi il suono, qui si fa del prog classico di quelli che gli ’60 e ’70 trovavi anche al supermercato, e non a caso i Verganti sono veterani della scena e provenienti in carne ed ossa proprio da quelle epoche. “Atlas” contiene 10 piccole suite, brani raramente più corti dei 6 minuti, in cui non si fanno sconti e chi non ha tenacia e fame di ascoltare musica allora è meglio che ripieghi su uno dei tanti buratti della plastica commerciale da sottofondo.

“Atlas” unisce al progressivo incedere dei suoni e dei cliché di genere un retrogusto pop con melodie vocali assai poco trasgressiva, molto molto poco per chi ama il genere, cercando di accontentare un po’ l’uno e un po’ l’altro, una prova interessante che vuole in qualche modo portare agli uni le bellezze degli altri.

“Atlas” è un disco spirituale, non a caso la loro scelta di apparire in abiti talari, è un disco che punta dritto ai concetti di mente e corpo, di suono come elevazione dello spirito., forse è un concept sulla creazione dell’uomo, per comprendere al meglio ogni cosa c’è bisogno di fermarsi, sedersi ed ascoltare per davvero, come si faceva un tempo con i fantastici vinili.

Se non avete voglia di fare tutto questo e se non avete la mente aperta per rincorre le scelte barocche con cui i nostri hanno disegnato le melodie, allora rinunciateci subito, altrimenti buon ascolto.






 Articolo letto 1156 volte


Pagina stampabile