Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
5 G: l'asta in corso a favore della telefonia, lontane le tv ...
 

www.fanzine.net
 Interviste
•18/10 - Toquinho: L'Italia è la mia seconda patria
•08/10 - L'incontro con il folk singer Luigi Grechi, tra Ferlinghetti e la fake news su Joan Baez ..
•04/10 - Il tempo giusto di Simona
(altre »)
 
 Recensioni
•21/10 - Walter De Stradis - Nella testa di Antonio Infantino (Villani Editore) un bel libro sul migliore pittore, architetto, cantante, poeta, visionario, filosofo lucano...
•17/10 - Valente - Il blu di ieri - la new wave alla massima potenza
•17/10 - Claudio Baglioni – Firenze 16 Ottobre 2018, primo concerto del tour di Al Centro, un mercatino democratico di sogni e di canzoni
(altre »)
 
 Comunicati
•21/10 - Come Una Danza: Raf ed Umberto Tozzi discograficamente di nuovo insieme e con tour in arrivo ...
•20/10 - Il 26 Ottobre esce Patty Pravo Live con brani da due suoi recenti concerti al Teatro La Fenice di Venezia ed al Teatro Romano di Verona
•19/10 - Achille Lauro, Cosmo, Miss Keta, Nitro e Takagi & Ketra ospiti di Mara Maionchi su Billboard Italia / Sky Uno
(altre »)
 
 Rumours
•21/10 - Paolo Conticini e Gianmarco Tognazzi ospiti dell'Accademia di Arte e Spettacolo Le Muse di Gianna Martorella
•19/10 - Alessio Bernabei sabato 20 ottobre a Gulp Music (Rai Gulp)
•18/10 - Nasce MIA, il network concreto della Musica Indipendente per creare valore insieme
(altre »)
Comunicati
Pubblicato il 25/01/2018 alle 07:10:22
Sting e Shaggy insieme sul palco del Festival di Sanremo
di Manuela Ippolito Giardi
Sting e Shaggy sono i primi ospiti internazionali della 68° edizione del Festival della Canzone Italiana. Sting si prepara a tornare sul palco del Teatro Ariston di Sanremo con un omaggio all’Italia.

Sting e Shaggy sono i primi ospiti internazionali della 68° edizione del Festival della Canzone Italiana. Sting si prepara a tornare sul palco del Teatro Ariston di Sanremo con un omaggio all’Italia.

I due artisti sbarcheranno a Sanremo per presentare la loro inedita collaborazione in “Don't Make Me Wait”, il brano dal sapore caraibico disponibile da domani su tutte le piattaforme digitali e da oggi per la programmazione radiofonica.

“Don't Make Me Wait” anticipa l’uscita fissata per il 20 aprile dell’album collaborativo di ispirazione giamaicana “44/876”, un disco che rispecchia appieno l’amore dei due artisti per la Jamaica, la sua musica, lo spirito dei suoi abitanti e la vitalità della cultura dell’isola nel mar dei Caraibi.

Sting e Shaggy sono entrati in contatto grazie a Martin Kierszenbaum, attuale manager di Sting e ex responsabile A&R di Shaggy. I due hanno deciso di entrare in studio insieme dopo aver ascoltato un nuovo brano su cui Shaggy stava lavorando. In un primo momento il featuring prevedeva soltanto la registrazione di “Don’t Make Me Wait” ma i ritmi, i testi e le melodie hanno iniziato a fluire rapidamente tra i due esperti musicisti e il risultato è stato l’emergere di ulteriori nuove canzoni.

In poche settimane Sting e Shaggy sono riusciti a dare forma ad un album che mescola perfettamente ritmi caraibici tradizionali e moderni con artigianato pop ed energia rock.

I due artisti hanno richiamato in studio musicisti e autori della Jamaica e di New York come Robbie Shakespeare, Dwayne “iLLwayno” Shippy, Shane Hoosong, Machine Gun Funk, Patexx, Tyrantula, oltre allo storico chitarrista di Sting Dominic Miller. Le sessioni di registrazione sono state prodotte da Sting International, già al lavoro con Shaggy per hit globali come “Boombastic” e “It Wasn’t Me”, mentre la produzione esecutiva del disco è affidata a Martin Kierszenbaum.

Sting e Shaggy hanno presentato per la prima volta live l’inedita “Don’t Make Me Wait” nel cuore della Jamaica davanti a 20 mila persone durante l’evento benefico “Shaggy & Friends” che raccoglie fondi per il Bustamante Hospital for Children di Kingston. La stessa città è al centro del video ufficiale di “Don’t Make Me Wait” diretto da Gil Green.




 Articolo letto 540 volte


Pagina stampabile