Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La rivoluzione tecnica del digitale terrestre: manca poco, ma ... siamo pronti?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•24/02 - Feronia: il prog metal per l'era del cambiamento!!
•17/02 - Fleshgore…dalla ex cortina di ferro con furore…
•12/02 - Angelus Rock infreddolito: Roberto Cacciapaglia inizia il tour russo e poi il 5 Marzo parte quello italiano da Firenze ..
(altre »)
 
 Recensioni
•24/02 - Black Hole – Evil In The Dark (Andromeda Relix, 2017) Musica aliena per menti distorte.
•24/02 - Buckshot Facelift Ulcer Island (Paragon Records) – Coraggio fatti uccidere
•23/02 - James and the Butcher - Plastic Fantastic (RNC music)
(altre »)
 
 Comunicati
•24/02 - Non inizia bene neanche questo weekend, il nuovo singolo di Claudia Cantisani
•23/02 - George Harrison, festa di compleanno il 24 e 25 febbraio su VH1
•23/02 - Esce Acoustic Tarab Alchemy, disco d'esordio di A.T.A. tra jazz e canti sufi
(altre »)
 
 Rumours
•24/02 - (Alberto) Bianco presenta il nuovo disco Qu4ttro in tour
•23/02 - Leftlovers, nuovo singolo Ilaria Graziano & Francesco Forni
•22/02 - Ossigeno con Manuel Agnelli su Rai 3 dal 22 febbraio
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 04/02/2018 alle 00:01:36
Musicphobia Reset 1/3 (Crotalo Edizioni Musicali/Masterpiece) – Bisogna aver paura della musica?
di Emanuele Gentile
Buon esempio di Rock/Hard Rock modernista da parte di una band che sembra denotare un’idea poco rassicurarente della musica.

Buon esempio di Rock/Hard Rock modernista da parte di una band che sembra denotare un’idea poco rassicurarente della musica.

Può una band chiamarsi Musicphobia? Cioé paura della musica? Converrete che si tratta di una bella provocazione. Forse con la scelta di tale monicker la band capitolina esorcizza la paura di non poter o non sapere creare musica valida? Ragionamento / riflessione per lo meno originale e personalissimo.

Certo che le considerazioni che portano un gruppo a scegliere un dato monicker sono imperscrutabili e poco comprensibili. La musica è bella proprio per questo. Nulla è dovuto a una pianificazione, ma tutto ha una sua logica.

La band nasce nel 2005 su un’idea di Michelangelo Lubrano (canto) e Giuseppe Silvestri (chitarra). Dopo un pò di tempo si aggregano il bassista Fabio Mociatti e il batterista Marco Sebastianelli. Sono elementi che hanno un loro curriculum di spessore e provengono da diverse esperienze nel campo musicale. Pertanto, ciò contribuisce a determinare quell’elemento di “melting pot” caratteristico dei Musicphobia. Il batterista cambia e arriva Alessandro Carotti. Con questa line-up indicono l’album “Reset 1/3” edito dalla leggendaria label Crotalo Edizioni Musicali e distribuito dalla Masterpiece di Genova.

Il sound della band è modernista poiché cerca di inserirsi in quel settore che derivando una certa impostazione dal Post-Grunge intende trovare elementi di simbiosi con altri stilemi quali l’Hard Rock, certo Post-Punk e delle essenze Jazz. Naturalmente per compiere tale operazione è necessario avere dei musicsti molto preparati sotto ogni punto di vista. Tecnica. Improvvisazione. Capacità compositiva. Carisma. E credo che questi Musicphobia abbiano tali caratteristiche poiucé hanno l’abiulità di trasformare strutture complesse in un sound godibile a tutti. Il che credetemi non è poco. In sintesi “Reset 1/3” è un album valido e che necessiterebbe di quel “quid” rappresentato dalla fortuna per lanciare il gruppo in ambienti musicali più competitivi e internazionali.

Track-list:

“Life”
“The Prayer”
“I Feel no better”
“Wasted Time”
“MMXII”
“Fake”
“Come to Me”
“Déjà-vu”
“Waiting for Tomorrow”





 Articolo letto 357 volte


Pagina stampabile