Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Secondo la banca svizzera UBS, due italiani su tre pensano di vivere sino a 100 anni
 

www.fanzine.net
 Interviste
•17/05 - Gloria Trapani: la musica come mezzo per raccontare e condividere una storia
•10/05 - Quattro domande agli Street Clerks, in uscita con il nuovo disco ..
•04/05 - Ognuno di noi ha un suono: l'intervista inattesa a Davide Peron per l'uscita del suo nuovo disco...
(altre »)
 
 Recensioni
•20/05 - Paola Rossato - Facile (Autoprodotto)
•17/05 - AA.VV. - Viva! Le canzoni di Dido (Soundido Production)
•17/05 - Ellen River – Last souls (New Model Label NML 155) rock dedicato a chi si sente piccolo in un mondo immenso
(altre »)
 
 Comunicati
•18/05 - 2 minuti di calma, il primo singolo da cantautore di Edwyn Roberts
•18/05 - Gli Ex-Otago tornano con Tutto Bene
•18/05 - Giovanni Caccamo e Tony Maiello il 19 maggio a Gulp Music (Rai Gulp)
(altre »)
 
 Rumours
•20/05 - Edoardo De Angelis presenta nuoveCanzoni all'Auditorium di Roma
•18/05 - Diodato torna con il nuovo singolo Essere Semplice
•18/05 - Elodie torna con Nero Bali
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 05/02/2018 alle 14:03:52
Macs Cabi: Giorni di periferia
di Paolo Polidoro
Si intitola “Giorni di periferia” questo bellissimo Ep di Macs Cabi che vede la direzione artistica negli arrangiamenti di Marco Lamagna, bassista di Eugenio Finardi

Si intitola “Giorni di periferia” questo bellissimo Ep di Macs Cabi che vede la direzione artistica negli arrangiamenti di Marco Lamagna, bassista di Eugenio Finardi.

Il contesto è appunto la periferia, quella torinese, quella di oggi, quella di palazzi grigi, quella del mondo da guardare oltre la finestra o delle domande esistenziali sbirciando l’orizzonte oltre i limiti del proprio quartiere.

La canzone d’autore di Cabi è fresca, pulita, scivola con gusto in un messaggio poetico dal design attualissimo con questa timbrica, colpevole il suo modo di scrivere, di ricordarci un po’ troppo Niccolò Fabi, ma etichette a parte, nel suo fare le canzoni c’è l’elettronica di oggi a prendere distanze da certi cliché.

La title track del disco mi rimanda a “Streets of Philadelphia” e forse non a caso giocano a dar forza a questa impressione sia il tema che la scelta di un certo video clip che troviamo in rete, bellissima e sospesa “Come in cielo così per terra”, forse l’apice di questa prova d’autore che in tutto e per tutto scaccia via lo spettro italiano e mi restituisce un immaginario assolutamente americano, e a proposito di Finardi e di Zibba il sint che vive sotto “Sacchi di immondizia” mi ricorda un po’ il brano “Asti Est”, ma sono sensazioni.

Peccato che duri così poco questo disco, una bella voce, tanto da dire nei testi che per fortuna prendono le distanze dai professori di vita vissuta e finalmente restituiscono alle canzoni la voglia di essere innamorate della vita, la stessa vita che osservano, che cullano, che sfidano, che cantano, un bellissimo ascolto.






 Articolo letto 890 volte


Pagina stampabile