Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La rivoluzione tecnica del digitale terrestre: manca poco, ma ... siamo pronti?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•24/02 - Feronia: il prog metal per l'era del cambiamento!!
•17/02 - Fleshgore…dalla ex cortina di ferro con furore…
•12/02 - Angelus Rock infreddolito: Roberto Cacciapaglia inizia il tour russo e poi il 5 Marzo parte quello italiano da Firenze ..
(altre »)
 
 Recensioni
•24/02 - Black Hole – Evil In The Dark (Andromeda Relix, 2017) Musica aliena per menti distorte.
•24/02 - Buckshot Facelift Ulcer Island (Paragon Records) – Coraggio fatti uccidere
•23/02 - James and the Butcher - Plastic Fantastic (RNC music)
(altre »)
 
 Comunicati
•24/02 - Non inizia bene neanche questo weekend, il nuovo singolo di Claudia Cantisani
•23/02 - George Harrison, festa di compleanno il 24 e 25 febbraio su VH1
•23/02 - Esce Acoustic Tarab Alchemy, disco d'esordio di A.T.A. tra jazz e canti sufi
(altre »)
 
 Rumours
•24/02 - (Alberto) Bianco presenta il nuovo disco Qu4ttro in tour
•23/02 - Leftlovers, nuovo singolo Ilaria Graziano & Francesco Forni
•22/02 - Ossigeno con Manuel Agnelli su Rai 3 dal 22 febbraio
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 05/02/2018 alle 14:03:52
Macs Cabi: Giorni di periferia
di Paolo Polidoro
Si intitola “Giorni di periferia” questo bellissimo Ep di Macs Cabi che vede la direzione artistica negli arrangiamenti di Marco Lamagna, bassista di Eugenio Finardi

Si intitola “Giorni di periferia” questo bellissimo Ep di Macs Cabi che vede la direzione artistica negli arrangiamenti di Marco Lamagna, bassista di Eugenio Finardi.

Il contesto è appunto la periferia, quella torinese, quella di oggi, quella di palazzi grigi, quella del mondo da guardare oltre la finestra o delle domande esistenziali sbirciando l’orizzonte oltre i limiti del proprio quartiere.

La canzone d’autore di Cabi è fresca, pulita, scivola con gusto in un messaggio poetico dal design attualissimo con questa timbrica, colpevole il suo modo di scrivere, di ricordarci un po’ troppo Niccolò Fabi, ma etichette a parte, nel suo fare le canzoni c’è l’elettronica di oggi a prendere distanze da certi cliché.

La title track del disco mi rimanda a “Streets of Philadelphia” e forse non a caso giocano a dar forza a questa impressione sia il tema che la scelta di un certo video clip che troviamo in rete, bellissima e sospesa “Come in cielo così per terra”, forse l’apice di questa prova d’autore che in tutto e per tutto scaccia via lo spettro italiano e mi restituisce un immaginario assolutamente americano, e a proposito di Finardi e di Zibba il sint che vive sotto “Sacchi di immondizia” mi ricorda un po’ il brano “Asti Est”, ma sono sensazioni.

Peccato che duri così poco questo disco, una bella voce, tanto da dire nei testi che per fortuna prendono le distanze dai professori di vita vissuta e finalmente restituiscono alle canzoni la voglia di essere innamorate della vita, la stessa vita che osservano, che cullano, che sfidano, che cantano, un bellissimo ascolto.






 Articolo letto 483 volte


Pagina stampabile