Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Il crollo di Twitter e Facebook: speculazione commerciale o ritorno ai rapporti umani reali?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•16/08 - Grazy ci racconta il tormentone dell'estate Kinder Pinguì
•15/08 - I Secondamarea presentano Slow in Agritour 2018
•09/08 - Santino il Precario sta proprio messo male, ma il videoclip del suo brano Vieni nella Daunia invece e' messo bene ...
(altre »)
 
 Recensioni
•02/08 - Matteo Perifano - Uomo Europeo l'omaggio a Battiato, Branduardi e alla musica da camera
•02/08 - “Misantropi felici” è il nuovo video dei Pennelli di Vermeer
•31/07 - Zizzania - Eclissi (Vrec, 2018) Rock classico che diventa moderno
(altre »)
 
 Comunicati
•15/08 - Ariano Folkfestival dal 15 al 19 agosto con Bandabardo' e Calypso Rose
•10/08 - Kaiju: Smile Upon The Sea è il primo video estratto dall'omonimo album della band.
•08/08 - Radio Lausberg con Erriquez nel singolo Paraculo Caterì
(altre »)
 
 Rumours
•16/08 - Madonna Day su TimMusic con 60 brani per i 60 anni della star
•10/08 - Edoardo Bennato in concerto a Vulci, unica data nel Lazio
•08/08 - La giuria del Concorso Nazionale di Composizione Francesco Agnello presieduta anche quest'anno da Ennio Morricone
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 09/02/2018 alle 19:36:21
Antarte - Isole (Megaphone)
di Silvio Mancinelli
L'isola che cosa è? C'era quel famoso film con Hugh Grant ( ma non era solo un film) che parlava della condizione umana come una isola. E probabilmente gli Antarte hanno pensato questo del loro album “Isole”.

L'isola che cosa è? C'era quel famoso film con Hugh Grant ( ma non era solo un film) che parlava della condizione umana come una isola.
E probabilmente gli Antarte hanno pensato questo del loro album “Isole”, cioè come condizione esistenziale, barriera fisica e ideale che pervade l’immaginario sensoriale degli otto brani contenuti nell'album.
Potrebbero sembrare poche otto canzoni, ma in realtà il disco dura ben 43 minuti e questo si spiega essenzialmente grazie all'approccio della band all'album.

Pensiamo alla psichedelia britannica anni 60 legata al post rock dei Mogway. Bastano “Oasi” e “Senza luna” a far capire come è fatto questo album.

Per chi non ama il genere, il disco potrebbe sembrare abbastanza palloso, ma in realtà è un lavoro, fatto di buone armonie, suoni azzeccati e atmosfere di qualità. È il loro secondo album ma auguro loro una grande carriera, per la loro diversità nella mondo musicale italiano.

Si definiscono indie, ma in realtà, e non parlo di bravura o successo, ma solo di approccio, c'è una differenza siderale tra loro e gente come Calcutta o Galeffi, anche a livello di contenuto. Se i secondi si rivolgono a un pubblico fatto di giovani ascoltatrici, che vedono del bello anche nei nerd, i primi sono destinati ad un pubblico più adulto, che ha ascoltato chilate di musica. Bravi.

La tracklist

1. Oasi
2. I tuoi giorni
3. Senza luna
4. Nessuno
5. Scirocco
6. Bolina
7. Castelli di sabbia
8. Buona fortuna






 Articolo letto 819 volte


Pagina stampabile