Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La rivoluzione tecnica del digitale terrestre: manca poco, ma ... siamo pronti?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•17/02 - Fleshgore…dalla ex cortina di ferro con furore…
•12/02 - Angelus Rock infreddolito: Roberto Cacciapaglia inizia il tour russo e poi il 5 Marzo parte quello italiano da Firenze ..
•06/01 - Marco Papadia: tradizione e avanguardia nel jazz
(altre »)
 
 Recensioni
•20/02 - Straight Hate Every Scum is a Straight Arrow (Deformeathing Production) – Polonia violenta
•19/02 - The Bankrobber – Missing (VRec) .. post punk vellutato, l'incontro con il pop e la new wave ..
•18/02 - Sage Live @ Tvornica (video) – Croatian Metal Assault
(altre »)
 
 Comunicati
•21/02 - Open Day a Milano il 25 febbraio per scoprire tutti i segreti di Romeo e Giulietta - Ama e cambia il mondo
•21/02 - Porgy and Bess al teatro Testaccio con la World Spirit Orchestra
•21/02 - Cesare Cremonini, sold out a Bologna e nuovo singolo
(altre »)
 
 Rumours
•21/02 - Gli Attrition al Traffic di Roma il 23 febbraio con Russian Rose e Lykoi
•21/02 - Zucchero, dal 26 febbraio nuovi concerti in Italia con Wanted Italian Tour 2018
•20/02 - Enzo Avitabile presenta il best of Pelle Differente instore
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 09/02/2018 alle 19:36:21
Antarte - Isole (Megaphone)
di Silvio Mancinelli
L'isola che cosa è? C'era quel famoso film con Hugh Grant ( ma non era solo un film) che parlava della condizione umana come una isola. E probabilmente gli Antarte hanno pensato questo del loro album “Isole”.

L'isola che cosa è? C'era quel famoso film con Hugh Grant ( ma non era solo un film) che parlava della condizione umana come una isola.
E probabilmente gli Antarte hanno pensato questo del loro album “Isole”, cioè come condizione esistenziale, barriera fisica e ideale che pervade l’immaginario sensoriale degli otto brani contenuti nell'album.
Potrebbero sembrare poche otto canzoni, ma in realtà il disco dura ben 43 minuti e questo si spiega essenzialmente grazie all'approccio della band all'album.

Pensiamo alla psichedelia britannica anni 60 legata al post rock dei Mogway. Bastano “Oasi” e “Senza luna” a far capire come è fatto questo album.

Per chi non ama il genere, il disco potrebbe sembrare abbastanza palloso, ma in realtà è un lavoro, fatto di buone armonie, suoni azzeccati e atmosfere di qualità. È il loro secondo album ma auguro loro una grande carriera, per la loro diversità nella mondo musicale italiano.

Si definiscono indie, ma in realtà, e non parlo di bravura o successo, ma solo di approccio, c'è una differenza siderale tra loro e gente come Calcutta o Galeffi, anche a livello di contenuto. Se i secondi si rivolgono a un pubblico fatto di giovani ascoltatrici, che vedono del bello anche nei nerd, i primi sono destinati ad un pubblico più adulto, che ha ascoltato chilate di musica. Bravi.

La tracklist

1. Oasi
2. I tuoi giorni
3. Senza luna
4. Nessuno
5. Scirocco
6. Bolina
7. Castelli di sabbia
8. Buona fortuna






 Articolo letto 199 volte


Pagina stampabile