Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Mediaset pronta a portare sul canale 66 del digitale terrestre una sua radio
 

www.fanzine.net
 Interviste
•20/01 - Mario Iob: cantare e scrivere la salvezza e il dolore
•12/01 - Isabella Benaglia ci racconta i Thegiornalisti
•24/12 - Akroterion, ai confini delle tenebre.. partendo dallo storico black metal scandinavo
(altre »)
 
 Recensioni
•19/01 - Ananda Mida - Cathodnatius - il progressive che guarda al passato
•19/01 - Jack Maniak Code 403 (Jst Records) – Tastiere grondanti di note a cascata…
•16/01 - Chaostar The Undivided Light (Season of Mist) – Caos fra le stelle
(altre »)
 
 Comunicati
•19/01 - Il 24 Gennaio la pianista Cettina Donato in concerto all'Alexander Platz Jazz Club di Roma
•18/01 - Ora o mai più, torna su Rai 1 la gara tra vecchie glorie della canzone
•18/01 - Flashdance il Musical, dal 5 al 10 febbraio a Roma
(altre »)
 
 Rumours
•19/01 - Pubblicato il primo singolo di Roberto Zampaglione dal titolo Che Mi Separa da Te feat Lastanzadigreta.
•18/01 - I Negrita in uscita con la raccolta I Ragazzi Stanno Bene
•18/01 - 44 Gatti, esce la colonna sonora della serie animata
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 11/02/2018 alle 11:06:27
Kerouac - Ortiche (Granita Records) con la produzione di Andrea Gallo (bassista dei Four Green Bottles) .
di Silvio Mancinelli
Ho una teoria: almeno una volta nella vita, avendo a disposizione degli strumenti espressivi, chiunque possa esprimere idee e racconti di tipo alto e artistico. Consigliato a chi ha amato Thom Yorke con The Eraser, cd senza i Radiohead.

Ho una teoria: almeno una volta nella vita, avendo a disposizione degli strumenti espressivi, chiunque possa esprimere idee e racconti di tipo alto e artistico. Consigliato a chi ha amato Thom Yorke con The Eraser, cd senza i Radiohead.

Non so cosa farà nel futuro Giovanni Zampieri in arte Kerouac, ma con il suo primo album, “Ortiche” ha prodotto un bel disco.

Giovanni è un ventunenne studente di sociologia che raduna qui nove brani scritti lungo un periodo di quattro anni, nati da una chitarra acustica, e che hanno poi incontrato la produzione di Andrea Gallo (bassista dei Four Green Bottles), anch'egli per la prima volta in veste di produttore.

È un disco elettronico ma comunque potente, basta ascoltare l'impressionante “Angie” per rendersene conto. Non siamo qui a parlare del solito cantante indie che parla di amori sfigati, ma forse grazie alla sua attività da sociologo, i temi sono importanti: da atroci delitti agli emarginati. Non è drum and bass alla James Blake, ma in certi casi Kerouac mi fa pensare alle esperienze musicali del produttore brittanico e alle esperienze soliste di Thom Yorke con “The Eraser”. “Ortiche” non dura molto, ma mischia all'interno delle strutture musicali, tutto concentrato, cantautorato, hip pop, beat bassi e ritornelli evocativi nserendo in “Rifugio” il suono delle monete di “Money” dei Pink Floyd e in “Divise” un campionamento tratto da un’intervista di Massimo Bitonci, ex sindaco di Padova (Lega Nord), in cui afferma che “i parchi servono per i bambini, non servono per i clandestini”. Speriamo che Kerouac smonti la mia teoria perchè di artisti pensanti l'Italia ne ha bisogno.

La tracklist

1. Rifugio
2. Divise
3. Graffiti
4. Angie
5. Antartide
6. Alberi
7. Maredentro
8. Metropoli
9. Capolinea






 Articolo letto 1622 volte


Pagina stampabile