Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La rivoluzione tecnica del digitale terrestre: manca poco, ma ... siamo pronti?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•24/02 - Feronia: il prog metal per l'era del cambiamento!!
•17/02 - Fleshgore…dalla ex cortina di ferro con furore…
•12/02 - Angelus Rock infreddolito: Roberto Cacciapaglia inizia il tour russo e poi il 5 Marzo parte quello italiano da Firenze ..
(altre »)
 
 Recensioni
•24/02 - Black Hole – Evil In The Dark (Andromeda Relix, 2017) Musica aliena per menti distorte.
•24/02 - Buckshot Facelift Ulcer Island (Paragon Records) – Coraggio fatti uccidere
•23/02 - James and the Butcher - Plastic Fantastic (RNC music)
(altre »)
 
 Comunicati
•24/02 - Non inizia bene neanche questo weekend, il nuovo singolo di Claudia Cantisani
•23/02 - George Harrison, festa di compleanno il 24 e 25 febbraio su VH1
•23/02 - Esce Acoustic Tarab Alchemy, disco d'esordio di A.T.A. tra jazz e canti sufi
(altre »)
 
 Rumours
•24/02 - (Alberto) Bianco presenta il nuovo disco Qu4ttro in tour
•23/02 - Leftlovers, nuovo singolo Ilaria Graziano & Francesco Forni
•22/02 - Ossigeno con Manuel Agnelli su Rai 3 dal 22 febbraio
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 11/02/2018 alle 11:06:27
Kerouac - Ortiche (Granita Records)
di Silvio Mancinelli
Ho una teoria: la teoria è che, almeno una volta nella vita, avendo a disposizione degli strumenti espressivi, chiunque possa esprimere idee e racconti di tipo alto e artistico.

Ho una teoria: la teoria è che, almeno una volta nella vita, avendo a disposizione degli strumenti espressivi, chiunque possa esprimere idee e racconti di tipo alto e artistico.

Non so cosa farà nel futuro Giovanni Zampieri, in arte Kerouac, ma con il suo primo album, “Ortiche” ha prodotto un bel disco. Giovanni è un ventunenne studente di sociologia che raduna qui nove brani scritti lungo un periodo di quattro anni, nati da una chitarra acustica, e che hanno poi incontrato la produzione di Andrea Gallo (bassista dei Four Green Bottles), anch'egli per la prima volta in veste di produttore.

È un disco elettronico ma comunque potente, basta ascoltare l'impressionante “Angie” per rendersene conto. Non siamo qui a parlare del solito cantante indie che parla di amori sfigati, ma forse grazie alla sua attività da sociologo, i temi sono importanti: da atroci delitti agli emarginati. Non è drum and bass alla James Blake, ma in certi casi Kerouac mi fa pensare alle esperienze musicali del produttore brittanico e alle esperienze soliste di Thom Yorke con “The eraser”. “Ortiche” non dura molto, ma mischia all'interno delle strutture musicali, tutto concentrato, cantautorato, hip pop, beat bassi e ritornelli evocativi nserendo in “Rifugio” il suono delle monete di “Money” dei Pink Floyd e in “Divise” un campionamento tratto da un’intervista di Massimo Bitonci, ex sindaco di Padova (Lega Nord), in cui afferma che “i parchi servono per i bambini, non servono per i clandestini”. Speriamo che Kerouac smonti la mia teoria perchè di artisti pensanti l'Italia ne ha bisogno.

La tracklist

1. Rifugio
2. Divise
3. Graffiti
4. Angie
5. Antartide
6. Alberi
7. Maredentro
8. Metropoli
9. Capolinea






 Articolo letto 167 volte


Pagina stampabile