Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La rivoluzione tecnica del digitale terrestre: manca poco, ma ... siamo pronti?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•24/02 - Feronia: il prog metal per l'era del cambiamento!!
•17/02 - Fleshgore…dalla ex cortina di ferro con furore…
•12/02 - Angelus Rock infreddolito: Roberto Cacciapaglia inizia il tour russo e poi il 5 Marzo parte quello italiano da Firenze ..
(altre »)
 
 Recensioni
•24/02 - Black Hole – Evil In The Dark (Andromeda Relix, 2017) Musica aliena per menti distorte.
•24/02 - Buckshot Facelift Ulcer Island (Paragon Records) – Coraggio fatti uccidere
•23/02 - James and the Butcher - Plastic Fantastic (RNC music)
(altre »)
 
 Comunicati
•24/02 - Non inizia bene neanche questo weekend, il nuovo singolo di Claudia Cantisani
•23/02 - George Harrison, festa di compleanno il 24 e 25 febbraio su VH1
•23/02 - Esce Acoustic Tarab Alchemy, disco d'esordio di A.T.A. tra jazz e canti sufi
(altre »)
 
 Rumours
•24/02 - (Alberto) Bianco presenta il nuovo disco Qu4ttro in tour
•23/02 - Leftlovers, nuovo singolo Ilaria Graziano & Francesco Forni
•22/02 - Ossigeno con Manuel Agnelli su Rai 3 dal 22 febbraio
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 12/02/2018 alle 18:00:43
Mesico - Pure and shining (Interbang)
di Silvio Mancinelli
Una cosa che mi soddisfa della fine del 2017 e l'inizio del 2018 è l'ascolto di alcuni dischi in uscita. È il caso di Mèsico e il suo “Pure and shining”.

Una cosa che mi soddisfa della fine del 2017 e l'inizio del 2018 è l'ascolto di alcuni dischi in uscita. È il caso di Mèsico e il suo “Pure and shining”.

L'aver la possibilità di scrivere di dischi del genere mi fa piacere, perchè c'è una generazione di artisti, che magari fanno altro nella vita, che esprimono in forme nuove una vitalità tutta italiana.
Ed infatti è il caso di Paolo Mazzacani che è il titolare del progetto.

È un disco elettronico, molto vicino alle sonorità europee. Dodici canzoni che parlano dell'autore, utilizzando ballate acustiche, brani strumentali e tappeti elettronici. È un disco che già alla quinta traccia (“The devotees”) emoziona e se una canzone emoziona ha già svolto il suo compito.

Il piano “triste” che incide sull'album è forse il succo dell'anima di Mazzacani con quell'istinto da neoclassico che ogni tanto esce fuori. Più che scrivere di questo disco, va ascoltato, perchè non è un disco per le platee, ma un album con il quale consolarsi nelle sere buie e tempestose.

La tracklist

1. Abdicate to love
2. Long way back
3. A beatiful bride
4. Harlem
5. The Devotees
6. Oh, storm!
7. Good luck
8. A story for lovers
9. Your chruch
10. Bolthorn
11. The Albatross (in memory of a friend)
12. Don't ask me why





 Articolo letto 136 volte


Pagina stampabile