Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Il crollo di Twitter e Facebook: speculazione commerciale o ritorno ai rapporti umani reali?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•16/08 - Grazy ci racconta il tormentone dell'estate Kinder Pinguì
•15/08 - I Secondamarea presentano Slow in Agritour 2018
•09/08 - Santino il Precario sta proprio messo male, ma il videoclip del suo brano Vieni nella Daunia invece e' messo bene ...
(altre »)
 
 Recensioni
•02/08 - Matteo Perifano - Uomo Europeo l'omaggio a Battiato, Branduardi e alla musica da camera
•02/08 - “Misantropi felici” è il nuovo video dei Pennelli di Vermeer
•31/07 - Zizzania - Eclissi (Vrec, 2018) Rock classico che diventa moderno
(altre »)
 
 Comunicati
•15/08 - Ariano Folkfestival dal 15 al 19 agosto con Bandabardo' e Calypso Rose
•10/08 - Kaiju: Smile Upon The Sea è il primo video estratto dall'omonimo album della band.
•08/08 - Radio Lausberg con Erriquez nel singolo Paraculo Caterì
(altre »)
 
 Rumours
•16/08 - Madonna Day su TimMusic con 60 brani per i 60 anni della star
•10/08 - Edoardo Bennato in concerto a Vulci, unica data nel Lazio
•08/08 - La giuria del Concorso Nazionale di Composizione Francesco Agnello presieduta anche quest'anno da Ennio Morricone
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 12/02/2018 alle 18:00:43
Mesico - Pure and shining (Interbang)
di Silvio Mancinelli
Una cosa che mi soddisfa della fine del 2017 e l'inizio del 2018 è l'ascolto di alcuni dischi in uscita. È il caso di Mèsico e il suo “Pure and shining”.

Una cosa che mi soddisfa della fine del 2017 e l'inizio del 2018 è l'ascolto di alcuni dischi in uscita. È il caso di Mèsico e il suo “Pure and shining”.

L'aver la possibilità di scrivere di dischi del genere mi fa piacere, perchè c'è una generazione di artisti, che magari fanno altro nella vita, che esprimono in forme nuove una vitalità tutta italiana.
Ed infatti è il caso di Paolo Mazzacani che è il titolare del progetto.

È un disco elettronico, molto vicino alle sonorità europee. Dodici canzoni che parlano dell'autore, utilizzando ballate acustiche, brani strumentali e tappeti elettronici. È un disco che già alla quinta traccia (“The devotees”) emoziona e se una canzone emoziona ha già svolto il suo compito.

Il piano “triste” che incide sull'album è forse il succo dell'anima di Mazzacani con quell'istinto da neoclassico che ogni tanto esce fuori. Più che scrivere di questo disco, va ascoltato, perchè non è un disco per le platee, ma un album con il quale consolarsi nelle sere buie e tempestose.

La tracklist

1. Abdicate to love
2. Long way back
3. A beatiful bride
4. Harlem
5. The Devotees
6. Oh, storm!
7. Good luck
8. A story for lovers
9. Your chruch
10. Bolthorn
11. The Albatross (in memory of a friend)
12. Don't ask me why





 Articolo letto 869 volte


Pagina stampabile