Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La rivoluzione tecnica del digitale terrestre: manca poco, ma ... siamo pronti?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•24/02 - Feronia: il prog metal per l'era del cambiamento!!
•17/02 - Fleshgore…dalla ex cortina di ferro con furore…
•12/02 - Angelus Rock infreddolito: Roberto Cacciapaglia inizia il tour russo e poi il 5 Marzo parte quello italiano da Firenze ..
(altre »)
 
 Recensioni
•24/02 - Black Hole – Evil In The Dark (Andromeda Relix, 2017) Musica aliena per menti distorte.
•24/02 - Buckshot Facelift Ulcer Island (Paragon Records) – Coraggio fatti uccidere
•23/02 - James and the Butcher - Plastic Fantastic (RNC music)
(altre »)
 
 Comunicati
•24/02 - Non inizia bene neanche questo weekend, il nuovo singolo di Claudia Cantisani
•23/02 - George Harrison, festa di compleanno il 24 e 25 febbraio su VH1
•23/02 - Esce Acoustic Tarab Alchemy, disco d'esordio di A.T.A. tra jazz e canti sufi
(altre »)
 
 Rumours
•24/02 - (Alberto) Bianco presenta il nuovo disco Qu4ttro in tour
•23/02 - Leftlovers, nuovo singolo Ilaria Graziano & Francesco Forni
•22/02 - Ossigeno con Manuel Agnelli su Rai 3 dal 22 febbraio
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 13/02/2018 alle 23:29:29
Qaanaaq Escape from the Black Iced Forest (Another Side Records/Metal Scrap Records) – Work in Progress
di Emanuele Gentile
Debutto assoluto per i bergamaschi Qaanaaq per conto della label ucraina Metal Scrap Records.

Debutto assoluto per i bergamaschi Qaanaaq per conto della label ucraina Metal Scrap Records.

Fra le migliaia di gruppi che ho recensito e intervistato dal lontano 1983 è il monicker più originale in cui mi sono imbattuto. Qaanaaq! Leggendo la biografia della band mi accorgo che il monicker deriva da uno sperduto villaggio della Groelandia. Una scelta davvero originale. Lo ripeto. A riprova di un gruppo che fa della particolarità un proprio tratto distintivo.

Poi, c’è un altro dato. Possibile che in Italia non siano etichette interessate a produrre album di gruppi italiani? Anche qui assistiamo alla classica e triste “fuga di cervelli – e strumenti – all’estero”?

Il gruppo nasce nel 2011 per assestarsi l’anno dopo. La line-up che ha inciso l’album di esordio “Escape from the Black Iced Forest” è la seguente:

Mattia Togni (basso);
Nicola Togni (batteria);
Dario Leidi (chitarra);
Luca Togni (tastiere);
Enrico Perico (canto).

Un album che ha necessitato ben 2 anni di intenso lavoro da parte della band.

Certo il titolo fa pensare a un album di Black Metal, ma non è così. I Qaanaaq fanno grande Progressive Metal. Il loro sound spiazza perché non si accontentano di comporre il solito trito e ritrito repertorio. Ascoltateli. Partono in quarta con le chitarre lanciate al galoppo macinando riffs su riffs. Poi all’improvviso entrano in campo le tastiere e si va in brodo di giuggiole nel senso che il loro è un sound in perenne movimento. Cambia forma, umore, stile e struttura. Questi devono aver ben studiato il Jazz Rock e il Rock Progressivo degli anni settanta. Non può essere altrimenti. Un gruppo forse ancora un pò grezzo, ma capace di notevolissimi progressi perché ha delle idee niente male.

Bravi Qaanaaq... Continuate su questa strada perché ci sarà da divertirsi!

Track-list:

"Body Walks"
"Eskimo's Wine Is a Dish Best Served Frozen"
"Untimely at Funerals"
"High Hopes" (cover dei Pink Floyd)
"Red Said It Was Green"






 Articolo letto 405 volte


Pagina stampabile