Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Forse i vinili costeranno di meno ed avranno maggiore resa sonora
 

www.fanzine.net
 Interviste
•12/07 - Quincy Jones, il jazz è libertà
•30/06 - In-Side: dentro la musica, fuori le emozioni!! Rock AOR & prog ..
•21/06 - Jouer et Danser con il Dos Duo Onirico Sonoro: la nostra intervista ..
(altre »)
 
 Recensioni
•14/07 - Capitano Merletti - Shortwaver from the u.f.o. channel (Cd Baby/Physical), il folk che viene da lontano
•13/07 - Fabio Curto: Rive, Volume 1 (Fonoprint)
•13/07 - Ringo Starr & His All Starr Band – Roma (Auditorium Parco della Musica) 11/07/2018
(altre »)
 
 Comunicati
•14/07 - Claudia Gerini canta Califano con il Solis String Quartet alla Casa del Jazz
•13/07 - Villa Ada - Roma incontra il mondo, è la settimana di Little Steven
•13/07 - Thomas ed Emma Muscat il 14 luglio a Gulp Music (Rai Gulp)
(altre »)
 
 Rumours
•15/07 - I Calibro 35 in concerto a Villa Ada con il loro nuovo disco Decade
•13/07 - Come nasce una canzone? Ce lo dice Marta Cagnola su Radio 24
•13/07 - Liam Gallagher, posticipate le date italiane di novembre
(altre »)
Interviste
Pubblicato il 17/02/2018 alle 10:28:04
Fleshgore…dalla ex cortina di ferro con furore…
di Emanuele Gentile
I Fleshgore sono senza dubbio la più rappresentativa band estrema. E vogliono esserlo per ancora molti anni…

I Fleshgore sono senza dubbio la più rappresentativa band estrema. E vogliono esserlo per ancora molti anni…

Qualche mese fa avevamo recensito “Denial of the Scriptures” pubblicato dall’indie spagnola Xtreem Music di proprietà di David degli Avulsed (storica band di Death Metal iberica – nda).

Un album molto maturo che conferma quanto di buono la band ucraina capitanata da Igor Lystopad è riuscita a realizzare in tutti questi anni. Pertanto, l’occasione era più che appropriata per farsi un viaggetto nella culla della civiltà russa per presentarvi una band di notevole spessore nel panorama Death/Thrash mondiale.

Il vostro ultimo album data 2016… Cosa mi sapete dire al riguardo?
“Si…il nostro ultimo album data 2016 ed è stato il nostro album migliore. Abbiamo firmato un contratto con la Xtreeem Music ew le vendita stanno andando molto bene. Le recensioni sono state molte e positive in tutto il mondo. Sono molto soddisfatto.”

“Denial of the Scriptures” è un titolo forte…
“Sono totalmente d’accordo con te. Abbiamo speso molto tempo e alla fin fine è venuto su questo bel titolo…”

C’è un concept dietro i testi?
“Il concetto è molto semplice. Le religioni sono la più pericolosa delle ideologie. Il male in assoluto. Ai giorni d’oggi meglio capire questo. E’ uno strumento per utilizzare le persone come schiavi. Ogni religione utilizza la paura per comandare I popoli.”

Quando avete iniziato a comporre i brani di “Denial of the Scruptures” ?
“Verso l’autunno di tre anni fa. I brani sono stati registrati in due recording sessions. E’ stata una scelta occulata e ci ha aiutato a concentrarci sui brani molto meglio. Abbiamo composto i primi 4 brani a febbraio e il resto del materiale nell’autunno dello stesso anno. E’ una ottima strategia e penso che l’utilizzeremo nell’avvenire.”

Quando avete ascoltato il master finale quail sono stati le vostre reazioni?
“Ho registrato e masterizzato tutte le registrazioni nel mio studio personale cosicché i miei sentimenti sono piuttosto vari. Ma con il senno di poi penso che sia buono e ha ricevuto parole di elogio da mezzo mondo. Persino alcuni gruppi hanno chiesto il mio aiuto nella produzione dei loro album. E’ una cosa davvero importante.”

“Denial of the Scriptures” è un album molto maturo e complesso…
“Credo di si… Penso che le idee e tutta la musica siano molto similari e complementari al concept dell’album.”

Quali i brani che rappresentano al meglio l’album?
“Penso che i brani più significativi siano la stessa title-track, “Talk to Me about God” e “New Ordeal come into the World”…”

Come al solito pompate di brutto quando vi esibite…
“Ad esempio io cerco sempre di usare il mio equipaggiamento. Ora utilizzo un Diezel wh4amp”… Qualche volta un Peavey 605+. Non utilizzo – tengo a rimarcarlo – nessun pedale addizionale. Solo una buona chitarra Esp con Emp pickup. E’ già abbastanza e sufficiente per il mio sound.”

Prima suonavate Death Metal…ora tendete al Thrash…siete d’accordo?
“Forse perché utilizziamo degli amplificatori Marshall in studio. E ciò ha reso il nostro sound ancora più brutale.”

Come è cambiato il vostro sound in tutti questi anni?
“Ho utilizzato differenti equipaggiamenti nel corso degli anni. Ho usato amplificatori Marshall, Krank, Mesa Boogie…ma ora ho trovato la quadra perfetta. Ecco perché Diezel mi rende molto felice!”

Quale il ruolo di ogni strumento nell’economia generale del vostro sound?
“Ogni punto della catena è molto molto importante! Ma per giungere a un tale risultato abbiamo testato centinaia di combinazioni. Non lavoriamo certo in economia, anzi!”

Quando avete deciso di essere musicisti professionisti?
“La musica non è il mio lavoro. Ho sì un lavoro in tale ambito, ma… Non è possibi8le essere un musicista professionista qui in Ucraina se suoni Death Metal. Non è abbastanza per avere una vita normale.”

E’ facile essere musicista Heavy Metal nel vostro paese?
“No…è molto difficile… Molto più difficile rispetto a Germania e Usa. Prima di tutto devi trovare del tempo libero per farlo. Poi, hai bisogno di molti soldi in quanto l’acquisto di tutta la strumentazione richiede uno sforzo economico non indifferente. Quindi, è molto difficile, credimi, e nessuno ci crede a parte quelli che vi abitano…”

Qualche parolina sulla vostra scena?
“La scena è piuttosto interessante. Abbiamo una ventina circa di band che possono vivere della loro musica e hanno un sound similare a quello delle bands di Death Metal americane!”

In Ucraina l’Heavy Metal è molto popolare?
“Non molto a dirti la verità. Abbiamo solo 5 buone Heavy Metal bands qui… Per certi versi il Death Metal è più popolare rispetto al normale Heavy Metal in riferimento ai musicisti. Anche se a livello globale è l’Heavy Metal tradizionale ad avere una maggiore rilevanza. Qui ci sono molti fans di Ac/Dc, Doro, Accept…”

I nomi di alcune bands che stanno venendo su bene?
“Hmmmm… Sermon of Mockery…Serpenternity…”

Il futuro per voi?
“Stiamo lavorando, ovvio, al nuovo album. Speriamo di essere pronti per lo studio da qui a qualche mese. Stiamo organizzando, fra l’latro, un tour europeo e statunitense. Come vedi stiamo preparando un avvenire carico di impegni…ora vediamo cosa sarà realmente possibile.”

E l’Italia?
“Spero vivamente di ritornare a suonare in Italia! Ci abbiamo suonato più di 10 anni fa ed è venuto il momento di diffondere nuovamente la nostra musica giù da voi!”





 Articolo letto 1642 volte


Pagina stampabile