Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Martedi' 30 Ottobre si decide per la vendita dei 5 mux di Persidera. societa' con TIM e GEDI ..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•10/12 - Anema, il cuore mediterraneo del Rock Progressivo.
•03/12 - Opera Oscura: romanticismo (metal) progressivo.
•01/12 - Con gli Ancestral andiamo alla ricerca del Maestro del Fato…
(altre »)
 
 Recensioni
•11/12 - Bucalone: Bucalone (Autoprodotto)
•10/12 - Johnny Casini: Port Luis
•09/12 - Grandi insegne il grande allibratore - Ad oggi mancano, parlare del persona in maniera originale
(altre »)
 
 Comunicati
•11/12 - Lillo & Greg al Teatro Olimpico di Roma con Gagmen
•11/12 - Sono i Thirty Seconds To Mars i primi big al Pistoia Blues 2019
•11/12 - A Pistoia la prima Blues City Club nelle vie del centro storico
(altre »)
 
 Rumours
•11/12 - Albertino nuovo direttore artistico di m2o
•10/12 - Siae sulla tragedia di Ancona: per noi la sicurezza delle persone è al primo posto ma non rientra nei nostri compiti
•09/12 - Tragedia di Ancona, appello di Assomusica
(altre »)
Comunicati
Pubblicato il 23/02/2018 alle 11:34:18
Slow Music progetta un nuovo mondo sonoro
di Luca Varani
Presentata ieri alla stampa e alla città di Milano la nuova 'creatura' di Claudio Trotta.

In un’affollatissima Sala De Donato, l’aula piu' grande del Politecnico di Milano, e' stato presentato Slow Music, progetto di movimento culturale che propone la filosofia del giusto e dell’etico, attraverso programmi di educazione e formazione legati alla musica, al fare musica, all’ascoltarla in profondità, alla gestione di progetti ed eventi del mondo musicale che condividano un giusto rapporto con i fruitori.

Claudio Trotta, ideatore e presidente dell’Associazione, ha concluso il suo appassionato intervento dicendo: "Slow Music siete voi. Fatene buon uso".


Alla base di questo progetto c’e' infatti la volontà di rimettere al centro dell’attenzione il pubblico e le sue esigenze, spesso calpestate da uno showbiz preoccupato soltanto ai grandi numeri e non alle eccellenze, che pure esistono e nonostante tutto continuano a caratterizzare il mondo della musica. Sostiene Trotta: "È fondamentale recuperare i valori dell’etica, del rispetto, della formazione partendo dai più giovani e del lavoro, che contrastano con la velocità assoluta del sold out ottenuto in pochi minuti".


Davvero coinvolgente l’intervento di Carlo Petrini, fondatore e presidente di Slow Food (ai cui valori fondanti si ispira dichiaratamente Slow Music) e membro del comitato etico di Slow Music. "Carlin" ha dato alcuni preziosi suggerimenti pratici, raccontando la sua personale esperienza ed invitando l’Associazione appena nata ad essere "inclusiva, una connessione tra passato e modernità" e a considerare "la comunità come futuro, perché fondata sulla sicurezza affettiva e non sull’intelligenza razionale", prospettando per Slow Music, di cui ha rimarcato la necessità, un futuro come quello della sua prima creatura.

Franco Mussida, anima del CPM, musicista di caratura internazionale, da anni intensamente impegnato nel sociale, ha sottolineato l’importanza per Slow Music, di operare con la formazione e la divulgazione di nuovi approcci della comunicazione musicale, capaci di motivare eticamente il mondo dei musicisti e degli ascoltatori, per rendere sempre più efficace e chiaro il ruolo valoriale della musica nel nostro contesto sociale. Così com’è importante “usare” la musica per lenire il disagio sociale. Il suo pensiero è perfettamente riassunto nello slogan "Musica come mezzo di servizio e di comunicazione degli affetti".

Avvincente pure l’intervento del giornalista Fabrizio Gatti, che si è riferito alla dissociazione dalla realtà quale elemento negativo derivante dalla velocità della comunicazione e della tecnologia: "Qualcuno sul treno deragliato a Pioltello alcuni giorni fa ha avuto due minuti e mezzo a disposizione prima che lo stesso andasse a schiantarsi. Ebbene, anziché usare quel tempo prezioso per tirare il freno a mano e fermare quella folle corsa, ha inviato sms per comunicare che stava vivendo una situazione di grande pericolo".

Sono intervenuti anche Filippo Del Corno, Assessore alla Cultura del Comune di Milano; il Prof. Augusto Sarti in rappresentanza del Politecnico di Milano; Stefano Rosa, avvocato esperto del settore, redattore degli atti costitutivi di Slow Music; Riccardo Carnovalini, camminatore, fotografo e scrittore; il Dott. Luigi Pagano, coordinatore del sistema carcerario lombardo; Furio Zucco, medico, esperto in organizzazione di servizi di emergenza/urgenza in occasione di maxi eventi. Il tutto coordinato dal giornalista Stefano Bonagura.

Aderiscono a Slow Music in qualità di Soci Fondatori:

ALBERTO PUGNETTI - Produttore Musicale - Fondatore di Radio Francigena

ANDREA MARCO RICCI - Presidente di Note Legali

CARLO FELTRINELLI - Presidente del Gruppo Feltrinelli

CLAUDIO TROTTA - Fondatore e Titolare di Barley Arts

CORRADO GAMBI - Regista, attore, Direttore artistico teatrale

FRANCO MUSSIDA - Musicista e Fondatore di CPM

FURIO ZUCCO - Medico, esperto in organizzazione di servizi di emergenza/urgenza in occasione di maxi eventi

GIACOMO COLETTI - Consulente Europrogettista

IVANO AMATI - Tour manager

LUCA VARANI - New Media Specialist, giornalista radio/tv

MASSIMO POGGINI - Giornalista e scrittore

PAOLO DAL BON - Presidente Fondazione Gaber

STEFANO BONAGURA - Giornalista, autore radio/tv, produttore esecutivo Musicultura

STEFANO ROSA – Avvocato esperto del settore, Redattore degli atti costitutivi di Slow Music, appassionato di musica

STEFANO SENARDI - Discografico e consulente musicale

Organo di grande rilievo di Slow Music e' il Comitato Etico, presieduto dal Dott. Luigi Pagano, una delle figure piu' carismatiche e stimate dell’Amministrazione Penitenziaria della Giustizia, attualmente coordinatore del sistema carcerario lombardo. Hanno aderito Carlo Petrini, Fondatore e Presidente di Slow Food, il prof. Stefano Mancuso, scienziato di prestigio mondiale attualmente Direttore del Laboratorio internazionale di neurobiologia vegetale (LINV), la dott.ssa Cristina Perilli, Psicoterapeuta Sistemica ed esperta di dipendenze, Philippe Daverio, critico d’arte e scrittore.

Slow Music, per sviluppare gli obiettivi che si è posta, oltre all’impegno anche finanziario dei suoi fondatori, ha necessità di coinvolgere un numero sempre maggiore di persone interessate e motivate. Per questo il movimento è aperto a:

Soci Sostenitori pubblici e privati;
Soci Ordinari con una quota di euro 20;
Soci Giovani fino ai 21 anni, con una quota di euro 10;
Soci Junior (under 13 anni), con una quota di euro 10.

Nei prossimi mesi saranno definite e comunicate le modalita' di partecipazione, i benefici e le convenzioni a favore delle diverse categorie di Soci, ivi compresa la definizione delle partnership per i soci sostenitori.

I documenti di Slow Music (Statuto, Manifesto e Codice Etico) sono consultabili in rete, sul sito dell’Associazione, www.slowmusic-net.eu






 Articolo letto 1467 volte


Pagina stampabile