Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Martedi' 30 Ottobre si decide per la vendita dei 5 mux di Persidera. societa' con TIM e GEDI ..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•15/12 - Musica e parole, vedrai che ci salveranno: incontriamo Gioacchino Cottone dei Jack & The Starlighters ..
•10/12 - Anema, il cuore mediterraneo del Rock Progressivo.
•03/12 - Opera Oscura: romanticismo (metal) progressivo.
(altre »)
 
 Recensioni
•15/12 - Gianni Maroccolo - Alone vol.1 (Contempo records) la ricerca di nuovi linguaggi musicali
•14/12 - Isabella Benaglia - Thegiornalisti – Roma, Riccione, Pamplona e altri lidi (Arcana)
•14/12 - DOS Duo Onirico Sonoro – Jouer Et Danser (Filabusta)
(altre »)
 
 Comunicati
•15/12 - Io vado a Genova, artisti uniti per la città di Genova
•15/12 - Martina Attili, pronto l'EP di debutto della rivelazione di X Factor 2018
•14/12 - Afragola, con i Goblin, Il Balletto di Bronzo e Vincezo Zitello si concludera' Afraka' Rock Festival
(altre »)
 
 Rumours
•15/12 - Stella Giorgi è Sopra una nuvola
•15/12 - BowLand, ecco l'EP di debutta dei finalisti di X Factor 2018
•14/12 - Gabriele Ciampi il 20 dicembre ospite di Radio Rai
(altre »)
Comunicati
Pubblicato il 07/03/2018 alle 18:13:48
St. Patrick’s Day, il 17 marzo festa in musica a Orvieto al Pozzo omonimo
di Manuela Ippolito Giardi
Sabato 17 marzo a Orvieto, in onore del famoso monumento, una giornata interamente dedicata a San Patrizio, il St. Patrick’s Day internazionale, e al Pozzo omonimo. Ospite Vincenzo Zitello.

Sabato 17 marzo a Orvieto, in onore del famoso monumento, una giornata interamente dedicata a San Patrizio, il St. Patrick’s Day internazionale, e al Pozzo omonimo. Ospite Vincenzo Zitello (nella foto).

Incontri di studio, concerti, spettacolo di danze celtiche e degustazioni enogastronomiche: iniziative organizzate dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Orvieto con la collaborazione di enti e associazioni della città.

Si parte al mattino a Palazzo Soliano / Museo Emilio Greco con l’incontro di studio “San Patrizio e il Pozzo di Orvieto” e la presentazione del volume "Il Purgatorio di San Patrizio", documenti letterari e testimonianze, a cura di Giovanni Paolo Maggioni, Paolo Taviani e Roberto Tinti, con interventi di grandi studiosi come Agostino Paravicini Bagliani e Franco Cardini.

Alle 18.00 Concerto d’Arpa Celtica “Metamorphose” di Vincenzo Zitello, all’interno del Pozzo di S. Patrizio. In occasione del Global Greening, dopo il concerto il Pozzo resterà aperto gratuitamente fino alle 23.00. Al Teatro Mancinelli alle 21.00, spettacolo di Danze Irlandesi e Celtiche con l’Accademia GENS D’IS. Special guest: Umberto Zitello con arpa celtica. Alle ore 20.00: in attesa dello spettacolo, nel foyer del teatro, degustazione “Il pasto del posto” a cura dei produttori di “Terre d’Orvieto”.

“Al tempo in cui san Patrizio [vissuto nel V secolo] evangelizzava senza grande successo i recalcitranti irlandesi, cercando di convertirli con la paura dell’Inferno e la seduzione del Paradiso, Gesù gli mostrò in un luogo deserto una cavità rotonda e oscura, e gli disse che se qualcuno animato da un vero spirito di penitenza e di fede vi avesse trascorso una notte e un giorno sarebbe stato purgato di tutti i suoi peccati e avrebbe potuto vedere le torture dei cattivi e le gioie dei buoni. San Patrizio si affrettò a costruire una chiesa a fianco della cavità… a far circondare la fossa con un muro e a chiuderlo con una porta… Il luogo fu chiamato purgatorio”.

Questa vicenda, così sintetizzata da Jacques Le Goff, storico tra i più grandi nello studio della società occidentale del Medioevo, ha avuto un ruolo essenziale nella storia di quella che egli delineò come La nascita del Purgatorio (suo libro affascinante del 1981): il “terzo luogo”, come poi lo chiamò Lutero, che non compare nelle Scritture, si affaccia nella storia della cristianità nella seconda metà del XII secolo, nel momento della fioritura pre-umanistica dell’Occidente medievale, per diffondersi poi rapidamente nel secolo successivo con una tradizione che giunge fino all’epoca moderna. Come si lega il pozzo di Orvieto, originariamente chiamato “pozzo della Rocca”, a questa tradizione? Quando e perché la sua storia si intreccia a quella del santo irlandese e di una delle grandi “invenzioni” del Medioevo?

Sono domande opportune e naturali per chi si reca a Orvieto per visitare il Pozzo di San Patrizio, pendant turistico del Duomo e meraviglia tra le meraviglie della città.

Ma anche per chi è cittadino di Orvieto e, inconfessabilmente, vive con questa curiosità non del tutto soddisfatta.

È a tutti loro, quindi a tutti noi, non solo agli specialisti o agli “addetti ai lavori”, che è rivolto e dedicato l’incontro di studio che si terrà sabato 17 marzo prossimo -festa di San Patrizio- a Palazzo Soliano presso la bellissima sala del museo Museo Emilio Greco nel MODO.

È un’occasione particolare nella quale è stato chiesto a grandi studiosi, ma anche grandi divulgatori, come Agostino Paravicini Bagliani e Franco Cardini di aiutarci ad entrare nella “grande storia”. Così come a Giovanni Paolo Maggioni, Paolo Taviani e Roberto Tinti autori del libro Il Purgatorio di san Patrizio -in uscita provvidenzialmente proprio per la festa del santo- edito da SISMEL, di guidarci come moderni pellegrini, dalle oscure profondità del Medioevo alla consapevolezza dell’identità più attuale”.

Il programma della giornata prevede dopo l’incontro tre diversi momenti di spettacolo originali e suggestivi. Alle 18.00, il Concerto d’Arpa Celtica e Arpa Bardica “Metamorphose” di Vincenzo Zitello all’interno del Pozzo di S. Patrizio.

Vincenzo Zitello compositore, polistrumentista, concertista tra i più importanti arpisti al mondo, pioniere dell’Arpa Celtica in Italia, inizia i suoi studi musicali come violinista, violista e flautista in giovanissima età. La sua formazione è stata di tipo classico, che ha progressivamente ampliato attraverso un articolato percorso artistico che lo ha portato ad approfondire diversi linguaggi e stili musicali, per poi ottenerne un risultato espressivo e personale che afferma una nuova, inconfondibile e originale identità musicale.

La musica di Vincenzo Zitello segue un preciso orientamento di ricerca che mira ad esaltare le insospettabili potenzialità che dimorano tra le corde delle sue arpe. In concerto ne utilizza due che vengono suonate in alternanza, l’arpa Celtica e l’arpa Clarsach, due strumenti della tradizione Gaelica con caratteristiche sonore ed espressive differenti. Il concerto dal titolo “Metamorphose”, si svolge attraverso un percorso dotato di poetica autonomia e di matura sintesi espressiva e si svolge coinvolgente, in un crescendo fatto di lirismi, evocazioni, allusioni, ritmi, variazioni e virtuosismi che invariabilmente rapiscono e incantano ogni ascoltatore. Per motivi di sicurezza l’accesso sarà consentito soltanto ai primi 100 appassionati che acquisteranno il biglietto. Per tutti gli altri, il concerto sarà godibile in streaming sul sito del Comune. A seguire, lo spettacolo del Global Greening che accenderà di verde il pozzo orvietano in onore del santo patrono d’Irlanda e in collegamento con centinaia di città in tutto il mondo.

Alle 21.00, per la prima volta a Orvieto nel Teatro Mancinelli, la sorpresa di una “Notte irlandese” con Gens d’Ys di Umberto Crespi e la speciale partecipazione dell’arpa di Vincenzo Zitello. Uno spettacolo magico di danza e musica alla scoperta dell'Isola di Smeraldo. “An Irish night” è brioso, colorato, in un continuo alternarsi e intersecarsi di danza, canto, concerto dal vivo, uno spettacolo che rappresenta a 360° la cultura irlandese e che condurrà lo spettatore nel cuore dell’Irlanda raccontandone la storia e le sue origini. I diversi i momenti dello show, scanditi dal cambio frequente dei costumi, alterneranno danze tradizionali a sorprendenti rivisitazioni originali e personali, mettendo in risalto una perfetta esecuzione coreografica e l’abilità del corpo di ballo in grado di unire a passi leggeri, melodie più sostenute arrivando a ritmi incalzanti, accompagnati da tutta della potenza delle “Heavy Shoes”.
Ad alternare le coreografie danzanti, la musica di Vincenzo Zitello il grande arpista “celtico” italiano in una particolare versione acustica per trasferire tutto il fascino dell’antico strumento irlandese. Un crescendo di velocità esecutiva e ritmo, arricchito da scenografie e proiezioni suggestive che coinvolgeranno il pubblico in una dimensione di vera festa irlandese per tutta la famiglia.
Prima dello spettacolo, nel foyer del teatro il brindisi festoso e le eccellenze dei produttori di “Terre d’Orvieto” saranno offerte - a chilometro e a costo zero! - al pubblico di questo evento davvero unico.

Una nuova occasione per scegliere Orvieto.

Informazioni: tel. 0763.340493 - biglietteria@teatromancinelli.it

Tickets formula 1) e formula 2)
1) Pozzo di San Patrizio Concerto Arpa Celtica + Spettacolo AN IRISH NIGHT - L’Irlanda a Teatro
Intero euro 20 + euro 2 (diritti di prevendita)

Il biglietto comprende:
Ore 18 Pozzo di San Patrizio Concerto d’Arpa Celtica “Metamorphose”

Ore 20 Foyer del Teatro degustazione di eccellenze agroalimentari Il Pasto del Posto a cura di “Terre d’Orvieto”

Ore 21 Teatro Concerto Arpa Celtica e Bardica “Metamorphose” e spettacolo di danze irlandesi e celtiche “An Irish Night - l’Irlanda a Teatro”

2) Spettacolo AN IRISH NIGHT - L’Irlanda a Teatro: Intero euro 15 + euro 2 (diritti di prevendita)
Il biglietto comprende:
Ore 20 Foyer del Teatro degustazione di eccellenze agroalimentari Il Pasto del Posto a cura di “Terre d’Orvieto”
Ore 21 Teatro Concerto Arpa Celtica e Bardica “Metamorphose” e spettacolo di danze irlandesi e celtiche “An Irish Night - l’Irlanda a Teatro”




 Articolo letto 1441 volte


Pagina stampabile