Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Martedi' 30 Ottobre si decide per la vendita dei 5 mux di Persidera. societa' con TIM e GEDI ..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•15/12 - Musica e parole, vedrai che ci salveranno: incontriamo Gioacchino Cottone dei Jack & The Starlighters ..
•10/12 - Anema, il cuore mediterraneo del Rock Progressivo.
•03/12 - Opera Oscura: romanticismo (metal) progressivo.
(altre »)
 
 Recensioni
•15/12 - Gianni Maroccolo - Alone vol.1 (Contempo records) la ricerca di nuovi linguaggi musicali
•14/12 - Isabella Benaglia - Thegiornalisti – Roma, Riccione, Pamplona e altri lidi (Arcana)
•14/12 - DOS Duo Onirico Sonoro – Jouer Et Danser (Filabusta)
(altre »)
 
 Comunicati
•15/12 - Io vado a Genova, artisti uniti per la città di Genova
•15/12 - Martina Attili, pronto l'EP di debutto della rivelazione di X Factor 2018
•14/12 - Afragola, con i Goblin, Il Balletto di Bronzo e Vincezo Zitello si concludera' Afraka' Rock Festival
(altre »)
 
 Rumours
•15/12 - Stella Giorgi è Sopra una nuvola
•15/12 - BowLand, ecco l'EP di debutta dei finalisti di X Factor 2018
•14/12 - Gabriele Ciampi il 20 dicembre ospite di Radio Rai
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 11/03/2018 alle 12:53:26
Devil Within - Not yet (autoprodotto)
di Silvio Mancinelli
È difficile parlare di un disco che affronta temi basandosi su un genere ormai in fase di estinzione. Sto parlando dei Devil Within e del loro “Not yet”.

È difficile parlare di un disco che affronta temi basandosi su un genere ormai in fase di estinzione.

Sto parlando dei Devil Within, band bergamasca, che ha pubblicato il suo primo Ep intitolato “Not yet”, cinque canzoni, sonoramente ispirate agli eroi del metal degli anni 80, soprattutto.

Diciamo subito che la prima cosa che danneggia la band è l'autoproduzione del disco, perchè la resa è abbastanza scarsa e questo incide sul giudizio dell'album e qyesti fa a cazzotti con la confezione del disco,abbastanza curata.

I contenuti dei brani trattano varie problematiche a cominciare dalle passioni, dalla dipendenza dei telefoni cellulari, i bambini soldato e l’amore non corrisposto. Ma quello che ci interessa qui è soprattutto l'aspetto sonoro che purtroppo lascia a desiderare. Sia per la resa, appunto, ma anche perchè, a meno che non si voglia essere una band revival, i pezzi sono scontati per un genere, quello del metal, che ha già dato tutto.

Da ragazzi al primo disco, uno si aspetta, materiale contemporaneo, magari riciclando suoni degli anni 80 ma attualizzandoli. Purtroppo non è così, ed anche il growl, non sconcerta più di tanto. Ci si aspetta di più.

La tracklist

1. So close
2. Unknown
3. Price of ideologies
4. Flat fleet
5. Hellcome






 Articolo letto 1354 volte


Pagina stampabile