Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Forse i vinili costeranno di meno ed avranno maggiore resa sonora
 

www.fanzine.net
 Interviste
•21/06 - Jouer et Danser con il Dos Duo Onirico Sonoro: la nostra intervista ..
•21/06 - Riuscire a far volare tutti senza barriere? Il coronamento di un sogno: ne parliamo con Piergiorgio Camiciottoli, pilota di parapendio, laureato in Scienze Forestali e batterista rock ..
•18/06 - BlindCat: heavy rock ed orgoglio sudista!!
(altre »)
 
 Recensioni
•21/06 - Tommaso Talarico: Viandanti (Radici Music Records 2018) ... cd d'esordio del cantautore calabrese ...
•20/06 - Augustine – Grief and desire (cd 2018) eterea e minimalista ricerca tra il sogno isterico e la bruma ..
•19/06 - LeVacanze: high elettro pop per il duo beneventano Fuccio-Preziosa ..
(altre »)
 
 Comunicati
•23/06 - Ebraica Festival dal 23 al 27 giugno a Roma con il Trio Dmitrij
•22/06 - I Why Don’t We e Valerio Scanu il 23 giugno a Gulp Music (Rai Gulp)
•21/06 - Jazz Factory con Javier Girotto e la Saint Louis Big Band al Roma Summer Fest
(altre »)
 
 Rumours
•23/06 - Enzo Savastano presenta Io sono con voi a Na cosetta estiva
•21/06 - Concerto per la liberta' di stampa alla Casa del Jazz con The Scoop Jazz Band e Nicola Alesini
•21/06 - Wrongonyou, il 25 giugno su Real Time il nuovo video Family Of The Year
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 11/03/2018 alle 12:53:26
Devil Within - Not yet (autoprodotto)
di Silvio Mancinelli
È difficile parlare di un disco che affronta temi basandosi su un genere ormai in fase di estinzione. Sto parlando dei Devil Within e del loro “Not yet”.

È difficile parlare di un disco che affronta temi basandosi su un genere ormai in fase di estinzione.

Sto parlando dei Devil Within, band bergamasca, che ha pubblicato il suo primo Ep intitolato “Not yet”, cinque canzoni, sonoramente ispirate agli eroi del metal degli anni 80, soprattutto.

Diciamo subito che la prima cosa che danneggia la band è l'autoproduzione del disco, perchè la resa è abbastanza scarsa e questo incide sul giudizio dell'album e qyesti fa a cazzotti con la confezione del disco,abbastanza curata.

I contenuti dei brani trattano varie problematiche a cominciare dalle passioni, dalla dipendenza dei telefoni cellulari, i bambini soldato e l’amore non corrisposto. Ma quello che ci interessa qui è soprattutto l'aspetto sonoro che purtroppo lascia a desiderare. Sia per la resa, appunto, ma anche perchè, a meno che non si voglia essere una band revival, i pezzi sono scontati per un genere, quello del metal, che ha già dato tutto.

Da ragazzi al primo disco, uno si aspetta, materiale contemporaneo, magari riciclando suoni degli anni 80 ma attualizzandoli. Purtroppo non è così, ed anche il growl, non sconcerta più di tanto. Ci si aspetta di più.

La tracklist

1. So close
2. Unknown
3. Price of ideologies
4. Flat fleet
5. Hellcome






 Articolo letto 615 volte


Pagina stampabile