Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La tutela del prodotto autoctono: la polemica su Mogol e le quote di musica italiana..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•07/03 - Sage, Croazia e storia.
•05/03 - Wyatt Earp: pistole, alcool e rock'n'roll!!
•03/03 - Dalla Russia una gelida folata di Heavy Metal…
(altre »)
 
 Recensioni
•25/03 - Will Ludford Addicted (autoproduzione – promo) – Il suono gentile
•24/03 - HOFAME - Un istante (Goodfellas) il nuovo linguaggio del pop
•23/03 - Anna Ox - Back air falcon dive (Audioglobe)
(altre »)
 
 Comunicati
•25/03 - Tornano i Metrò con il primo album
•25/03 - Ernia, il 27 marzo esce il nuovo singolo Certi giorni
•24/03 - Nek, il 10 maggio nuovo album e poi tour internazionale
(altre »)
 
 Rumours
•25/03 - Ex-Otago, in radio il singolo con Jack Savoretti
•24/03 - Francesco Renga, in radio L'odore del caffè in attesa del nuovo album
•24/03 - Achille Lauro, il 12 aprile esce 1969
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 20/03/2018 alle 10:24:36
Carmelo Amenta - L'arte dell'autodistruzione (Altipiani)
di Silvio Mancinelli
Saro' di parte, ma almeno saro' sincero: Carmelo Amenta e' sempre stato uno dei miei preferiti. Lo seguo dai tempi di L'erba cattiva ed ora ci ritroviamo alla quarto prova per il cantante siciliano con L'arte dell'autodistruzione.

Saro' di parte, ma almeno saro' sincero: Carmelo Amenta e' sempre stato uno dei miei preferiti. Lo seguo dai tempi di L'erba cattiva ed ora ci ritroviamo alla quarto prova per il cantante siciliano con L'arte dell'autodistruzione.

Questa nuova prova dice molto di Amenta. Un disco abbastanza intimo che si avvale della produzione artistica di Carlo Barbagallo. Potrei comparare questo disco con quelli di Beck tra “Sea change” e “Morning phase”, con una differenza ..

Mi riferisco a quale differenza? Amenta parla della fine di una relazione, Beck non ne parla ma ce la fa sentire.

“L'arte dell'autodistruzione” ha una onda dark wave, alle volte sembra ispirarsi ai suoni bucolici anche dei Marlene (“Nessuna traccia”) e prevede anche una cover cioè “Tu menti” in versione garage. Un disco della sconfitta per il quale alle volte è meglio rimanere per terra che rialzarsi. Un album, che dicevamo, è molto intimista, accompagnato da un tappeto elettronico, e questo pone l'artista in una via di mezzo tra il classico cantautore e qualcosa di più.

La ritmata canzone che dà il nome al disco “muove” il senso di tutto l'album. Amenta ha questa dote straordinaria: essere un cantautore maturo senza essere banale, e in questa inflazione di singer con la chitarra acustica è un compito difficile. Una bella conferma.

La tracklist
1. Il tempo di andare
2. Come quando fuori piove
3. Cigolano tutte le porte
4. Ho messo da parte del tempo da perdere
5. L'uomo delle caramelle
6. I tuoi capelli lisci sono diventati ricci
7. L'ultima volta che ti ho guardata dormire
8. L'arte dell'autodistruzione
9. Nessuna traccia
10. le stesse immagini
11. Tu menti







 Articolo letto 2059 volte


Pagina stampabile