Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Spotify quotato in borsa: a noi, cosa ci cambia?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•03/04 - Monnalisa: il sorriso del prog italiano
•31/03 - Marco Acquarelli, tra sperimentazione ritmica e ricerca sonora
•22/03 - Marygold: 25 anni di musica prog, passione, divertimento ed amicizia!
(altre »)
 
 Recensioni
•21/04 - I Traditori - Delicato (Libellula)
•18/04 - Phantomatica - Look closer (Autoprodotto)
•17/04 - Zeffjack - Friendless (Rocketman records)
(altre »)
 
 Comunicati
•21/04 - XX Music Day Roma il 21 e 22 aprile con Jerry Cutillo, Krissy Matthews e l'evento Alessandroni
•21/04 - Dario Deidda porta My Favourite Strings il 21 aprile al Live Alcazar di Roma
•21/04 - Motta, tour al via a maggio
(altre »)
 
 Rumours
•21/04 - Le Vibrazioni il 27 aprile a Radio2 Live
•20/04 - Record Store Day, il 21 aprile apre a Roma Vinyl Room
•19/04 - Incanto Quartet, il 20 aprile esce The Sound Of Silence
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 06/04/2018 alle 15:40:21
Devocka - Meccanismi e desideri semplici (Dimora records)
di Silvio Mancinelli
In questo mondo nel quale, con la trap e gli strumenti digitali, si cerca di andare oltre la tradizionale forma canzone, c'è chi ancora ha una visione retrò. Un esempio è l'ultimo disco dei Devocka, “Meccanismi e desideri semplici”.

In questo mondo nel quale, con la trap e gli strumenti digitali, si cerca di andare oltre la tradizionale forma canzone, c'è chi ancora ha una visione retrò.

Un esempio è l'ultimo disco dei Devocka, “Meccanismi e desideri semplici”.

Parlo di visione retrò perchè questo album, pubblicato a sei anni dal precedente, ripropone schemi sonori già ascoltati e a me cari.


Se vogliamo rimanere in Italia, i riferimenti sono quelli dei Marlene (“L'imbecille” la traccia che chiude il disco fa pensare a Godano e soci), e altre band come i Massimo Volume e i Teatro degli Orrori che mixano il genere postpunk ad un cantato che sa più di recitato. In Europa “Meccanismi e desideri semplici”, potrebbe essere stato ispirato dai Killing Joke di Jaz Coleman e Geordie Walker.

Il disco dei Devocka, quindi, non si sposta più di tanto da questi schemi, anche se poi, all'interno, ci si può rimane in maniera banale o in maniera più elegante. La band di Igor Tosi, nonostante non sia originale, ha una bella potenza di suono che farà sicuramente piacere agli amanti del genere e quindi non risulta mai banale.

Non direi che il disco sia un album ordinario, perchè della roba buona c'è, il problema potrebbe essere l'incastonamento del prodotto all'interno di un periodo musicale totalmente differente rispetto a quello degli anni 80 e 90, ed infatti l'uso di sintetizzatori e drum machine, serve ad dare una rinfrescatina. “Meccanismi e desideri semplici” rimane una battaglia di retroguardia, una bella battaglia, comunque.

La tracklist

1) Storia senza nome
2) Bestemmia
3) Maledetto
4) Lezione a memoria
5) Questa distinzione
6) Un bacio cieco e interminabile
7) Siamo già finiti
8) Nel vortice
9) Ultimatum di un errore
10) L'apice del masochismo
11) L'imbecille






 Articolo letto 188 volte


Pagina stampabile