Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Forse i vinili costeranno di meno ed avranno maggiore resa sonora
 

www.fanzine.net
 Interviste
•12/07 - Quincy Jones, il jazz è libertà
•30/06 - In-Side: dentro la musica, fuori le emozioni!! Rock AOR & prog ..
•21/06 - Jouer et Danser con il Dos Duo Onirico Sonoro: la nostra intervista ..
(altre »)
 
 Recensioni
•14/07 - Capitano Merletti - Shortwaver from the u.f.o. channel (Cd Baby/Physical), il folk che viene da lontano
•13/07 - Fabio Curto: Rive, Volume 1 (Fonoprint)
•13/07 - Ringo Starr & His All Starr Band – Roma (Auditorium Parco della Musica) 11/07/2018
(altre »)
 
 Comunicati
•14/07 - Claudia Gerini canta Califano con il Solis String Quartet alla Casa del Jazz
•13/07 - Villa Ada - Roma incontra il mondo, è la settimana di Little Steven
•13/07 - Thomas ed Emma Muscat il 14 luglio a Gulp Music (Rai Gulp)
(altre »)
 
 Rumours
•15/07 - I Calibro 35 in concerto a Villa Ada con il loro nuovo disco Decade
•13/07 - Come nasce una canzone? Ce lo dice Marta Cagnola su Radio 24
•12/07 - Biagio Antonacci, in radio il singolo Mio fratello
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 06/04/2018 alle 15:40:21
Devocka - Meccanismi e desideri semplici (Dimora records)
di Silvio Mancinelli
In questo mondo nel quale, con la trap e gli strumenti digitali, si cerca di andare oltre la tradizionale forma canzone, c'è chi ancora ha una visione retrò. Un esempio è l'ultimo disco dei Devocka, “Meccanismi e desideri semplici”.

In questo mondo nel quale, con la trap e gli strumenti digitali, si cerca di andare oltre la tradizionale forma canzone, c'è chi ancora ha una visione retrò.

Un esempio è l'ultimo disco dei Devocka, “Meccanismi e desideri semplici”.

Parlo di visione retrò perchè questo album, pubblicato a sei anni dal precedente, ripropone schemi sonori già ascoltati e a me cari.


Se vogliamo rimanere in Italia, i riferimenti sono quelli dei Marlene (“L'imbecille” la traccia che chiude il disco fa pensare a Godano e soci), e altre band come i Massimo Volume e i Teatro degli Orrori che mixano il genere postpunk ad un cantato che sa più di recitato. In Europa “Meccanismi e desideri semplici”, potrebbe essere stato ispirato dai Killing Joke di Jaz Coleman e Geordie Walker.

Il disco dei Devocka, quindi, non si sposta più di tanto da questi schemi, anche se poi, all'interno, ci si può rimane in maniera banale o in maniera più elegante. La band di Igor Tosi, nonostante non sia originale, ha una bella potenza di suono che farà sicuramente piacere agli amanti del genere e quindi non risulta mai banale.

Non direi che il disco sia un album ordinario, perchè della roba buona c'è, il problema potrebbe essere l'incastonamento del prodotto all'interno di un periodo musicale totalmente differente rispetto a quello degli anni 80 e 90, ed infatti l'uso di sintetizzatori e drum machine, serve ad dare una rinfrescatina. “Meccanismi e desideri semplici” rimane una battaglia di retroguardia, una bella battaglia, comunque.

La tracklist

1) Storia senza nome
2) Bestemmia
3) Maledetto
4) Lezione a memoria
5) Questa distinzione
6) Un bacio cieco e interminabile
7) Siamo già finiti
8) Nel vortice
9) Ultimatum di un errore
10) L'apice del masochismo
11) L'imbecille






 Articolo letto 648 volte


Pagina stampabile