Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Spotify quotato in borsa: a noi, cosa ci cambia?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•03/04 - Monnalisa: il sorriso del prog italiano
•31/03 - Marco Acquarelli, tra sperimentazione ritmica e ricerca sonora
•22/03 - Marygold: 25 anni di musica prog, passione, divertimento ed amicizia!
(altre »)
 
 Recensioni
•21/04 - I Traditori - Delicato (Libellula)
•18/04 - Phantomatica - Look closer (Autoprodotto)
•17/04 - Zeffjack - Friendless (Rocketman records)
(altre »)
 
 Comunicati
•21/04 - XX Music Day Roma il 21 e 22 aprile con Jerry Cutillo, Krissy Matthews e l'evento Alessandroni
•21/04 - Dario Deidda porta My Favourite Strings il 21 aprile al Live Alcazar di Roma
•21/04 - Motta, tour al via a maggio
(altre »)
 
 Rumours
•21/04 - Le Vibrazioni il 27 aprile a Radio2 Live
•20/04 - Record Store Day, il 21 aprile apre a Roma Vinyl Room
•19/04 - Incanto Quartet, il 20 aprile esce The Sound Of Silence
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 08/04/2018 alle 11:37:38
Eleonora Bordonaro - Cuttuni e lame' – Trame streuse di una canta storie (Finisterre)
di Silvio Mancinelli
La tradizione popolare e' sempre importante portarla avanti perchè racconta la storia di un popolo. Cuttuni e lame' – Trame streuse di una canta storie (il primo disco firmato da Eleonora Bordonaro) ha questa funzione.

La tradizione popolare e' sempre importante portarla avanti perchè racconta la storia di un popolo. Cuttuni e lame' – Trame streuse di una canta storie (il primo disco firmato da Eleonora Bordonaro) ha questa funzione.

L'album, è realizzato a quattro mani con Puccio Castrogiovanni e la partecipazione di molti musicisti e autori. Nonostante sia il primo disco per Eleonora, è difficile parlare di vero e proprio esordio, considerando che lei è la vocalist dell’Orchestra Popolare Italiana, diretta da Ambrogio Sparagna, e ha fatto parte del Parco della Musica Jazz Orchestra.

La Bordonaro non fa l'errore di vestire la tradizione, in questo caso della profonda Sicilia, di pop, ma ha cercato di tenere fede alle sonorità folk e popolari del Sud Italia, contaminato dalla cultura greca in tempi antichissimi. Il tutto accompagnato da marranzani, mandolini e suoni tipici siciliani (come in “Disidiru mangiari jancu pani”) riempiendo il suono di sfumature blues, manouche e latine.

Il filo conduttore delle tredici canzoni è l'universo femminile e gli affetti ad esso legati con vicende che dal generale diventano intime, personali. Oltre alle vere e proprie sonorità, importanti sono anche le lingue utilizzate: il siciliano e il Gallo-Italico di San Fratello. E' da notare che il disco contiene anche la traduzioni dei testi, in alcuni casi ostici, per chi non è della zona.

La tracklist:
1) Sentimi Rosa
2) La tassa di li schetti
3) Tri tri tri
4) Lu cielu unni si tu
5) Li fommi
6) Disidiru mangiari jancu pani
7) Lamento di Maria
8) Maria passa ppi na strata nova
9) 'A partita
10) Vuci
11) Cuttuni e lamè
12) E poi ci su i paroli
13) Ucch'i l'arma






 Articolo letto 307 volte


Pagina stampabile