Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La tutela del prodotto autoctono: la polemica su Mogol e le quote di musica italiana..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•18/04 - Closer: guardando al futuro!
•13/04 - I Desounder sono sicuri: cambiare il mondo con il rock? Si può fare.
•10/04 - Alex De Vito presenta Io sono fuori
(altre »)
 
 Recensioni
•18/04 - Il negozio di musica di Rachel Joyce, un'appassionante favola moderna
•17/04 - Megàle: Imperfezioni (Area51 Records)
•16/04 - KrashKarma Morph (Splitnail Records) – Industrial evoluto
(altre »)
 
 Comunicati
•19/04 - Giorgia apre a Genova il Festival internazionale di Nervi
•19/04 - Festival Popolare Italiano, dal 25 aprile al Teatro Villa Pamphilj a Roma
•19/04 - Achille Lauro sabato 20 aprile a Gulp Music (Rai Gulp)
(altre »)
 
 Rumours
•23/04 - Emma Muscat e Biondo insieme in Avec Moi
•19/04 - Boomdabash ft. Cupido & Portusclan El Tigre on air con Que Te Enamores
•17/04 - Campusband 4 Musica e Matematica con Mogol, Mussida e Lavezzi
(altre »)
Editoriale
Pubblicato il 15/04/2018 alle 10:55:09
Spotify quotato in borsa: a noi, cosa ci cambia?
di Giancarlo Passarella
Partiamo dal loro motto ..Su Spotify trovi milioni di brani. Scegli i tuoi preferiti, scoprine di nuovi e crea la tua raccolta perfetta.. e poi arriviamo ai numeri: 157 milioni di utenti in 60 Paesi e 71 milioni di abbonati paganti ..

Partiamo dal loro motto ..Su Spotify trovi milioni di brani. Scegli i tuoi preferiti, scoprine di nuovi e crea la tua raccolta perfetta.. e poi arriviamo ai numeri: 157 milioni di utenti in 60 Paesi e 71 milioni di abbonati paganti ..

Spotify prevede due tipologie di utenze: Free e Premium.

La prima è di base e gratuita, già disponibile al momento della sottoscrizione del servizio accedendo con un account Facebook o Spotify, con la quale l'utente può ascoltare una quantità illimitata di musica, ma sovrapposta a pubblicità visiva ... di tipo radiofonico. Poi esiste la versione avanzata con abbonamento a pagamento, che consente di ascoltare musica senza interruzioni pubblicitarie ed accedere ad ulteriori funzioni come lo streaming con maggiore bitrate (fino a 320 kb/s), l'accesso offline alla musica e le applicazioni mobili.

In passato, per utilizzare Spotify era necessario disporre obbligatoriamente di un account Facebook, ma dal 30 Agosto 2012 è stata reintrodotta la possibilità di creare un account su Spotify. Un suo rivale come Apple Music arriva a 38 milioni di abbonati, quindi la metà di quelli che credono in Spotify!

Fin qui la storia del passato, ma ora c'è la riflessione sulla sua quotazione nel business mondiale. Le considerazioni le ha fatte anche Billboard Italia, concludendo il suo pensiero con la frase ..L’ingresso di Spotify al New York Stock Exchange (Nyse) conferma che il mercato della musica (soprattutto online) è in crescita. Non a caso sul catalogo del servizio di streaming online sono presenti circa 35 milioni di brani. E il numero sembra destinato ad aumentare sempre di più..

Io aggiungo solo un paio di spunti...
1) Il mercato online è sicuramente in crescita, ma con differenti variazioni nei singoli paesi del mondo: ad esempio in Italia non siamo ancora arrivati alla quota del 50% .. Quindi dare un giudizio globale, significa non considerare le varie realtà autoctone!
2) Rimango sempre del parere che servizi come Spotify a me non mi cambiano il modo in cui usufruisco dei benefici sincronici che la musica ha in dote: come collezionista, il solo ascolto di un file musicale non mi fa certo comprendere totalmente l'intero progetto che sta dietro ad un disco. Se è una cosa interessante, lo si deve apprezzare anche con gli altri sensi di cui (fortunamente) molti esseri umani sono ancora dotati.

Anche per questo, da sempre se recensisco un disco voglio averlo davanti ai miei occhi (naso, pelle ..) in modo fisico, circadiano, completo.






 Articolo letto 5379 volte


Pagina stampabile