Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Mediaset pronta a portare sul canale 66 del digitale terrestre una sua radio
 

www.fanzine.net
 Interviste
•12/01 - Isabella Benaglia ci racconta i Thegiornalisti
•24/12 - Akroterion, ai confini delle tenebre.. partendo dallo storico black metal scandinavo
•18/12 - Guardiamoci dentro per trovare la felicita': intervista con Alessandro Lo Presti tra Bill Evans e Parigi, tra l'heavy metal ed Oliver ..
(altre »)
 
 Recensioni
•16/01 - Chaostar The Undivided Light (Season of Mist) – Caos fra le stelle
•15/01 - Una passeggiata nello spazio con gli Space Traffic: il rimedio all'intorpidimento.
•15/01 - Stona: Storia di un equilibrista
(altre »)
 
 Comunicati
•18/01 - Gionnyscandal sabato 19 gennaio a Gulp Music (Rai Gulp)
•18/01 - Da oggi Fruit Joint + Gusto, nuovo progetto discografico di Dani Faiv prodotto da Machete
•17/01 - PFM canta De Andrè, terza data a Roma
(altre »)
 
 Rumours
•17/01 - Radio Citta' Aperta Music Fest al Defrag di Roma dal 19 gennaio
•17/01 - L'Emozione Non Ha Voce - Gianni Bella, Dalla Canzone all'Opera: un nuovo interessante libro ...
•16/01 - Mindie - Festival Nazionale del Musical Indipendente a Firenze: primi spettacoli Sabato 19 e Domenica 20 Gennaio ...
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 25/04/2018 alle 10:10:09
Fuga sul pianeta rosso - Quadrosonar (Phonarchia dischi)
di Silvio Mancinelli
“Fuga sul pianeta rosso” potrebbe essere il titolo di un nuovo film del compianto Kubrick o di Spielberg, invece è il disco di esordio dei Quadrosonar, band nata su ispirazione di Francesco Thomas Ferretti e Salva La Bella.

“Fuga sul pianeta rosso” potrebbe essere il titolo di un nuovo film del compianto Kubrick o di Spielberg, invece è il disco di esordio dei Quadrosonar, band nata su ispirazione di Francesco Thomas Ferretti e Salva La Bella, precedentemente nei The Blacklies.

È vero, “Fuga sul pianeta rosso”, è un disco ma comunque ha una ispirazione cinematrografica, perchè è un concept album, nel quale Marte è la fine di un viaggio, pieno di ansia, incomprensione, ricordi e false promesse.

Un viaggio musical-allegorico degno degli anni 70, simili alle fiabe raccontante dai Jethro Tull di Ian Anderson. Se da un punto di vista dell'atteggiamento, la decade di ispirazione è proprio quella del progressive anni 70, musicalmente gli anni di riferimento sono altri.

Perchè i Quadrosonar suonano, in alcuni casi come i Decibel, in altri casi sembrano la versione aggiornata dei Killing Joke: si mischia la wave anni 80 con le varie sonorità attuali, soprattutto con l'elettronica (“Zero”). Se vogliamo “Fuga sul pianeta rosso”, potrebbe essere uno spin – off di “Viaggio senza tempo” dei Timoria, anche perchè la voce del cantante in alcuni acuti, assomiglia a quella di Renga.

Auguro alla band lo stesso successo e rendere questo disco immortale, anche se ha una pecca: essere trasporato da un singolo che spacchi.

La tracklist

1. Ammartaggio
2. Can che abbaia
3. Cosa che resta di me
4. Zero (scegli me)
5. L'apatia sociale
6. Un istante su marte
7. 05:59 a.m.
8. Lacune
9. Nella mia città
10. Lunasia





 Articolo letto 1935 volte


Pagina stampabile