Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Martedi' 30 Ottobre si decide per la vendita dei 5 mux di Persidera. societa' con TIM e GEDI ..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•13/11 - Silvano Piari ed il mondo delle discoteche, ma anche quello de La Galleria del Disco a Firenze ..
•10/11 - Tytus: heavy rock friulano, corposo e nobile
•07/11 - Intervista a Marcello Mautone, il cantante dei Blugrana … per superare il piattume della discografia italiana.
(altre »)
 
 Recensioni
•17/11 - Mumble Rumble – Insidious Inside (Latlantide/Edel) Bologna non è mai banale
•17/11 - Nosexfor - Omonimo il nuovo rock che guarda al passato
•16/11 - Nowhere - Nowhere (Betulla records) l'elettronica dal sapore internazionale
(altre »)
 
 Comunicati
•17/11 - Un giorno storico è il nuovo singolo di Giulio Casale
•17/11 - Il concerto di Natale? Tradizionale e solidale: a Milano si inizia il 18 Novembre ..
•16/11 - Mirko Signorile presenta Trio Trip alla Casa del Jazz
(altre »)
 
 Rumours
•17/11 - Steve Wynn e Chris Cacavas a Le Mura di Roma con Graziano Romani e Rodrigo D'Erasmo
•16/11 - Chris Cornell, in un box l'eredità artistica del rocker
•16/11 - Assomusica, Vincenzo Spera componente del Consiglio superiore dello spettacolo
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 11/06/2018 alle 15:37:42
Enjoy the void - Enjoy the void (cd 2018) da Reggio Calabria un debut album di alternative rock leggermente sublime, un pochino strano ..
di Giancarlo Passarella
Diventa difficile costruire uno stile personale, se non si hanno le idee chiare. Questo non per i Enjoy the void e per Sergio Bertolino: lui il ponte famoso dalla sua citta’ l’ha costruito non verso Messina, ma Manchester!

Diventa difficile costruire uno stile personale, se non si hanno le idee chiare. Questo non per i Enjoy the void e per Sergio Bertolino: lui il ponte famoso dalla sua citta’ l’ha costruito non verso Messina, ma Manchester!

Ad anticipare l’uscita del disco è stato il videoclip del singolo Our Garden, forse non il più rappresentativo di tutto il cd. Il languore della iniziale The most sublime riporta a delle ballad dell’immensa discografia degli Aerosmith e qualcuno sussurra anche di INXS e Lenny Kravitz.

Uscito lo scorso 26 Marzo, l’omonimo album degli Enjoy the void è stato registrato da Giovanni Caruso presso il Bam Factory Studio di Sapri (Salerno) e masterizzato da Salvatore Addeo agli Aemme Recording Studios di Lecco: suoni aperti, dove le chitarre volano e spaziano su un rock che banalmente potremmo definire alternative, giusto perché questo è un termine di moda nel terzo millennio. Quello che suona strano è la mancanza di un imprinting tipico dell’operosa Manchester, perché il disco è di buon rock internazionale, forse più stars’n’bars che british ...

La storia dice che Sergio Bertolino scrive i pezzi durante un suo soggiorno a Torino e prosegue nella stesura dopo essersi trasferito a Manchester, ma è soltanto quando incontra di nuovo il bassista Tony Guerrieri (con cui aveva già collaborato in passato) che il canovaccio di questo progetto si concretizza attimo dopo attimo: da un iniziale idea di un album solista, comincia così ad emergere un progetto più da band e quindi i due chiamano altri musicisti come Francesco Magaldi alla batteria, Lucio Filizola, Giuseppe Bruno e Giovanni Caruso alle chitarre.

Un brano come The usual blues è black rock, ma anche Rolling Stones oriented: il suo non decollare, rende il brano come un pamphlet delle intenzioni filosofiche che stanno alla base di questo ensemble ovviamente nato in Italia per sbaglio e con 20/25 anni di ritardo sulla data giusta in cui dovevano emergere. Sergio Bertolino ne è cosciente ed infatti comunica (in una sorta di training autogeno) che ...la più grande ambizione degli Enjoy the Void è elaborare uno stile personale, originale, che può richiamare tante cose, senza però assomigliare a nulla..

Se la copertina mi sembra funzionale al labirinto in cui la band si trova a vivere, il resto del package soffre troppo di un tratto ingenuo e naive: avrei usato toni, grafica, colori più accesi … proprio per rafforzare la voglia di costituirsi una base monolitica e solida, atta a vincere lo squallore della produzione discografica italiana, dove il rock sembra soffrire di pericolose derive decadentiste e poco sanguigne. A riprova di questo, ascoltate il settimo brano in scaletta ovvero A prayer, dove il cantato diventa scanzonato, trasgressivo, buffo, sublime, strano: una sorta di continua presa in giro che ci fa amare di più l’intero disco…

Track list di Enjoy the void - Enjoy the void:
1. The Most Sublime
2. Nanaqui
3. Our Garden
4. Doubt
5. The Usual Blues
6. Something Strange
7. A Prayer
8. Night
9. Don't Tell Me No
10. Stay Away
11. Song for the Forgotten One

Questi i dati relativi al bel videoclip del brano Our garden:
- Written and directed by Pasquale Dipino.
- Filmed and edited by Gianfranco Mandola.
- Cast: Gemma Conforti, Giovanni Caruso.
- Produced by Bam Factory

Enjoy the Void è un cd privo di etichetta discografica e di editore: ma questo dato scandalistico, purtroppo non è una novità nella nostra penisola ..







 Articolo letto 933 volte


Pagina stampabile