Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Il crollo di Twitter e Facebook: speculazione commerciale o ritorno ai rapporti umani reali?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•18/08 - Dai Queen a Raffaella Carra’, partendo da Colle Val D’Elsa: il duo Daniela Lotti ed Ilaria Di Pasquale, assieme a Flavio Insinna ad Amatrice ..
•16/08 - Grazy ci racconta il tormentone dell'estate Kinder Pinguì
•15/08 - I Secondamarea presentano Slow in Agritour 2018
(altre »)
 
 Recensioni
•18/08 - Closer – Event Horizon (Broken Road Records, 2018) Il metal moderno che ci piace!!
•02/08 - Matteo Perifano - Uomo Europeo l'omaggio a Battiato, Branduardi e alla musica da camera
•02/08 - “Misantropi felici” è il nuovo video dei Pennelli di Vermeer
(altre »)
 
 Comunicati
•18/08 - Gli Armonite tornano con l’album “And the Stars above”
•18/08 - Maluma, il 13 ottobre a Busto Arsizio il nuovo idolo della musica latina
•17/08 - David Garrett in Italia a ottobre
(altre »)
 
 Rumours
•18/08 - Juke – Box Cento lire tre delitti per Greta e Marlon, il nuovo libro di Arosio e Maimone
•16/08 - Madonna Day su TimMusic con 60 brani per i 60 anni della star
•10/08 - Edoardo Bennato in concerto a Vulci, unica data nel Lazio
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 13/06/2018 alle 08:49:51
The Cabin Fevers – Roll On Down (Vrec) Hard rock blues sotto la torre.
di Gianni Della Cioppa
Quintetto di Pisa, composto da musicisti con esperienze importanti: in soli 5 anni si è costruito un bagaglio notevole. Ecco perché questo esordio suona maturo e stilisticamente sicuro. Il genere? Un hard rock blues con l’America nel cuore.

Quintetto di Pisa, composto da musicisti con esperienze importanti: in soli 5 anni si è costruito un bagaglio notevole. Ecco perché questo esordio suona maturo e stilisticamente sicuro. Il genere? Un hard rock blues con l’America nel cuore.

La Toscana è sempre stata terra di rock, infatti sin dagli anni ’80 nascono e prosperano numerosi gruppi di ogni genere e sottogenere e la qualità media è sorprendente.


Questa volta ci occupiamo dei pisani The Cabin Fevers, un quintetto che omaggia Rolling Stones e Black Crowes con tanto di slide chitarra (suonata divinamente) e quella meravigliosa pigrizia tipica del southern rock. Sin da ritornello di “Carry On” che apre il disco, ascoltiamo un rock contagioso, meglio ancora “Over Again” e “Little Lady” due pezzi che omaggiano il rock anni ’70 con lo stesso ardore di chi quegli anni li ha vissuti realmente.

Dopo sei brani rock a tutto tondo, arriva la ballata dal titolo esplicito: “Love Song”, unico tradimento alle radici, infatti ha un taglio più attuale che ricorda i campioni di oggi Black Stone Cherry. Poco male, perché è deliziosa. Con “Mag At School” si torna alle radici, con tanti Aerosmith nel groove e dopo altre emozioni l’album si chiude con la splendida “River Of Tears”, un classic rock con un coro che non si dimentica.

La voce grattata e soul di Renato Terzani è perfetta per trovare spazio tra le sinuose chitarre ed una sezione ritmica precisa che accentua ogni passaggio. La produzione del bravo Pietro Foresti contribuisce a valorizzare lo spessore dei The Cabin Fevers, che pur se all’album di esordio, si dimostrano maturi e padroni della materia. D’altronde i musicisti vantano esperienze importanti (Death SS, Rhumorenero, J27 ed altre), che qui mettono al servizio di una musica che amano e che ci fanno amare.






 Articolo letto 631 volte


Pagina stampabile