Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Forse i vinili costeranno di meno ed avranno maggiore resa sonora
 

www.fanzine.net
 Interviste
•18/06 - BlindCat: heavy rock ed orgoglio sudista!!
•14/06 - The future is unwritten: intervista a Michele Anelli per il suo nuovo disco Divertente Importante ..
•29/05 - Le vibrazioni del legno sul palco ed i fiori con il codice a barre: l'intervista a Paola Rossato ...
(altre »)
 
 Recensioni
•20/06 - Augustine – Grief and desire (cd 2018) eterea e minimalista ricerca tra il sogno isterico e la bruma ..
•19/06 - LeVacanze: high elettro pop per il duo beneventano Fuccio-Preziosa ..
•17/06 - Alberto Bettin & Gli Implacabili – L’impossibile l’imprevedibile (Guttember Music / Caligola Records) garbato pop jazz cantautorale per sbirciare sotto le pezze e … vedere il sedere!
(altre »)
 
 Comunicati
•20/06 - Amadeus, il film di Milos Forman live a Santa Cecilia il 20 e 21 giugno
•20/06 - Sergio Noya, in uscita Stelle & Popcorn
•20/06 - Irama, dalla vittoria ad Amici al tour
(altre »)
 
 Rumours
•20/06 - Bombino e Sandro Joyeux al Monk per la Giornata Mondiale del Rifugiato
•20/06 - Ariana Grande, il 17 agosto esce Sweetener
•20/06 - Estate Romana a Villa Ada, la posizione di NOSB / Viteculture
(altre »)
Comunicati
Pubblicato il 13/06/2018 alle 18:58:07
Partirà il prossimo 4 Luglio la 23esima edizione dell'Astimusica 2018 tante le novità
di Silvio Mancinelli
Già l'anno scorso avevano parlato dell'Astimusica da queste pagine: un festival musicale, e non solo, che presenta sempre delle novità, dei ricordi del passato, senza tanto star lì a pensare al genere musicale.

Già l'anno scorso avevano parlato dell'Astimusica da queste pagine: un festival musicale, e non solo, che presenta sempre delle novità, dei ricordi del passato, senza tanto star lì a pensare al genere musicale. Anche quest'anno c'è tanta roba. Al già ricco programma di Astimusica 2018 si aggiugono, Il Volo e Le Vibrazioni, formazioni che non hanno bisogno di tante presentazioni. Ci sono poi alcuni dei nomi nuovi e più interessanti del panorama musicale e culturale italiano (dai “creators” Favij, Cesca e Klaus, fino ai rapper Shade, Achille Lauro e Quentin40, passando per la cantautrice Annalisa) e pilastri della musica come il bluesman statunitense Joe Louis Walker. Ma non solo musica, infatti ci sarà la prima assoluta dello spettacolo “Qualche estate fa – vita, poesia e musica di Franco Califano” con Claudia Gerini e i Solis String Quartet. Spazio anche ad un altro momento dedicato al teatro, con la tappa astigiana di “Tutto fa Broadway”, il dissacrante show del duo comico Pio e Amedeo. E ancora, la freschezza del giovane Mirkoeilcane, vincitore del premio della critica Mia Martini all’ultima edizione del festival di Sanremo e l’ormai consueto talent astigiano “Asti God’s Talent”, oltre a momenti dedicati alla world music, con i Tarantolati di Tricarico, la Krikka Reggae e il jazz della I.S.O. Big Band.

Abbiamo contattato il direttore artistico della manifestazione: Massimo Cotto, autore di libri ma anche voce di Virgin Radio-
Ciao Massimo, sappiamo già tutto del festival che si terrà ad Asti ma quello che mi interessa approndire è prima di tutto l'attenzione per la musica attuale. Nonostate tu abbia scritto tante cose sulla storia del rock, sia l'anno scorso che quest'anno proponi delle novità. Quentin40 e Achille Lauro, possono essere considerati i nuovi rocker per le nuove generazioni?
Teoria affascinante. oggi è tutto più frammentato, non conta l'etichetta: rock, hip hop, trap. quello che conta è tenere a mente che la musica è comunicazione e non masturbazione cerebrale. Se provi a far diventare universale quello che canti e hai talento, è probabile che arrivi; viceversa, sarai un semplice comprimario. Quello che vorrei, ed è per questo che porto Quentin40 e Achille Lauro ad Asti, è che i "diversamente giovani" la smettano di rompere le palle su quanto erano migliori i loro tempi. Chi ragiona così è vecchio dentro, indipendentemente dalla carta d'identità. Venite ad ascoltare il nuovo. Poi, liberi di dissentire, ma prima provate a capire perché i giovani si identificano in certi artisti e in nuovi linguaggi.
A livello di messagi, cosa li distingue rispetto a band come quelle degli anni 70-80?
Vedo più analogie con i 70. Sono punk dentro. Nel senso che se ne fottono di piacere, raccontano chi sono e come pensano. Chi li ama li segue, il resto può andare a farsi fottere.

Abbiamo poi un omaggio a Califano, che io personalmente ho scoperto grazie alla mia fidanzata romana; credi che in Italia sia dato il giusto peso al califfo?Molti conoscono solo “Tutto il resto è noia”, ma Califano ha cantato anche storie crudissime, come quella di Pasquale l'infermiere. Che ne pensi?
il Califfo era una leggenda, che mi ha onorato della sua amicizia. era vero, crudo, leale. e ha scritto capolavori, per sé e per gli altri, basti pensare a La nevicata del 56 e Minuetto per Mia Martini, La musica è finita con Umberto Bindi e Una ragione di più per Ornella Vanoni. l'elenco è lungo. mi fermo qui. ho trascorso giorni bellissimi con Franco, che era spaccone fuori e fragilissimo dentro. ricordarlo è un dovere.

Non poteva mancare un omaggio al blues. Ma le nuove generazioni riescono a capire che la musica è cominciata tutta da lì?
Solo i più attenti. Senza curiosità e senza amore non si va lontano, nella musica, anche se ti limiti ad ascoltare. Il blues è la pietra angolare. La culla del mondo. Le radici. Senza blues, noi saremmo solo pop.

Siamo alla 23esima edizione di questo festival. Falliscono i negozi che producono chitarre, chiudono le fabbriche di cd, i ragazzi preferiscono più che fare i musicisti, produrre con il pc. I festival si trasformeranno prima o poi?
La musica dal vivo non morirà mai. certo, se continuiamo ad aumentare i prezzi dei biglietti e lasciamo crescere il secondary ticketing rischiamo di mandare in crisi anche la musica dal vivo. E non andiamo dietro solo ai grandi nomi. Dio benedica Claudio Trotta che fa venire in Italia John Hiatt e Steve Earle, non solo Springsteen.

p.s. Io il primo settembre mi sposo, se tu e il Doc volete venire in Abruzzo, il mio matrimonio è una buona occasione! :)
noooo. ho una serata a genova. io adoro l'Abruzzo. Auguri!!

IL PROGRAMMA

MERCOLEDI 4 LUGLIO (ingresso libero)
“ASPettando Astimusica: Cortile di Palazzo Ottolenghi”
SINFONICO HONOLULU

GIOVEDI 5 LUGLIO (ingresso libero)
TARANTOLATI di TRICARICO

VENERDI 6 LUGLIO (ingressi numerati primi posti € 35; ingressi non numerati secondi posti € 20)
PIO & AMEDEO – “Tutto fa Broadway”

SABATO 7 LUGLIO (ingressi € 10 a partire dalle ore 16)
FAVIJ, CESCA, KLAUS e SHADE

DOMENICA 8 LUGLIO (ingresso libero)
ASTI GOD'S TALENT
Organizzato dalla Pastorale Giovanile della Diocesi di Asti

LUNEDI 9 LUGLIO (ingresso € 15)
Prima nazionale: “Qualche estate fa – vita, poesia e musica di Franco Califano” con CLAUDIA GERINI e SOLIS STRING QUARTET

MARTEDI 10 LUGLIO (ingresso € 13)
ACHILLE LAURO, QUENTIN 40 e DJ NCL
In collaborazione con Palco 19

MERCOLEDI 11 LUGLIO (ingresso libero)
JOE LOUIS WALKER

GIOVEDI 12 LUGLIO (ingresso libero)
I.S.O. BIG BAND

VENERDI 13 LUGLIO (ingresso € 15)
LE VIBRAZIONI
Con il supporto di “Centro Commerciale Nuovo Borgo” e “958 Santero Asti Secco”

SABATO 14 LUGLIO (ingresso € 15)
ANNALISA

DOMENICA 15 LUGLIO (ingressi numerati primi posti € 100; ingressi numerati secondi posti € 80; ingressi non numerati terzi posti € 40)
IL VOLO

LUNEDI 16 LUGLIO (ingresso libero)
MIRKOEILCANE

MARTEDI 17 LUGLIO (ingresso libero)
KRIKKA REGGAE – serata dedicata ad “Oscarino”






 Articolo letto 226 volte


Pagina stampabile