Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Il crollo di Twitter e Facebook: speculazione commerciale o ritorno ai rapporti umani reali?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•18/08 - Dai Queen a Raffaella Carra’, partendo da Colle Val D’Elsa: il duo Daniela Lotti ed Ilaria Di Pasquale, assieme a Flavio Insinna ad Amatrice ..
•16/08 - Grazy ci racconta il tormentone dell'estate Kinder Pinguì
•15/08 - I Secondamarea presentano Slow in Agritour 2018
(altre »)
 
 Recensioni
•18/08 - Closer – Event Horizon (Broken Road Records, 2018) Il metal moderno che ci piace!!
•02/08 - Matteo Perifano - Uomo Europeo l'omaggio a Battiato, Branduardi e alla musica da camera
•02/08 - “Misantropi felici” è il nuovo video dei Pennelli di Vermeer
(altre »)
 
 Comunicati
•18/08 - Gli Armonite tornano con l’album “And the Stars above”
•18/08 - Maluma, il 13 ottobre a Busto Arsizio il nuovo idolo della musica latina
•17/08 - David Garrett in Italia a ottobre
(altre »)
 
 Rumours
•18/08 - Juke – Box Cento lire tre delitti per Greta e Marlon, il nuovo libro di Arosio e Maimone
•16/08 - Madonna Day su TimMusic con 60 brani per i 60 anni della star
•10/08 - Edoardo Bennato in concerto a Vulci, unica data nel Lazio
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 20/06/2018 alle 09:51:57
Augustine – Grief and desire (cd 2018) eterea e minimalista ricerca tra il sogno isterico e la bruma ..
di Giancarlo Passarella
Augustine è il pseudonimo artistico di Sara Baggini, cantautrice umbra di origine valtellinese (precisamente da Morbegno). Pubblica un cd totalmente autoprodotto, suggerito a chi ama Bjork, Kate Bush, PJ Harvey, Sinead O’Connor.

Augustine è il pseudonimo artistico di Sara Baggini, cantautrice umbra di origine valtellinese (precisamente da Morbegno). Pubblica un cd totalmente autoprodotto, suggerito a chi ama Bjork, Kate Bush, PJ Harvey, Sinead O’Connor.

Ennesima dimostrazione di come sia ridotta la discografia italiana, passando dalle major alle fin troppo osannate indipendenti: non aver preso in considerazione un disco così, si può giustificare solo se Sara Baggini si è presentata urlando e distruggendo ogni cosa si trovava di fronte.

Ma credo proprio che il suo garbo è caratteriale, oltre che musicale...! Ma ritorniamo alla sintesi della nostra analisi: nessuno a livello discografico ha creduto in questo progetto: Grief and desire infatti manca di loghi e nomi altisonanti…

Per questo Grief and desire va considerato un lavoro interamente auto-prodotto, realizzato in totale autonomia ed infine mixato dal produttore, musicista e compositore perugino Daniele “Boda” Rotella. Contiene ben 15 brani, piccole pagine di un romanzo autobiografico ovviamente su carta riciclata e virata seppia. A Febbraio nella mia lezione agli studenti della fiorentina Accademia delle Belle Arti ho fatto vedere il videoclip di Sara (dedicato al brano Augustine) ed ho catturato l’attenzione di tutti, incuriositi di chi mai fosse quella sconosciuta artista che giocava con i colori tenui, le immagini sfocate e la voce delicata, quasi sussurrata. Quel video rappresenta il pamphlet dell’intero progetto dell’artista umbro/valtellinese..

Ma per comprenderlo ancora di più, vi consiglio l’acquisto di L’invenzione dell’isteria, saggio di Georges Didi-Huberman:il nome Augustine proviene dal nome dell’isterica attorno alla quale il filosofo dell’arte costruisce il suo saggio. Per chiudere il cerchio, vi basti pensare che esattamente dieci anni fa,q uesto filosofo ha pubblicato un altro libro interessante, intitolato La pittura incarnata...

Grief and desire mi ricorda molto uno dei primi dischi che sono usciti con la mia piccola U.d.U. Ululati dall’Underground Records: penso infatti che quello che la romana Chiarastella ha fatto, potrebbe essere un seminato (artistico) sul quale Sara Baggini potrebbe ritrovarsi. Chiarastella poi fu ammaliata da sirene nordiche e quel tipo di atmosfere (comprese la pianure gelate e la bruma imperante) potrebbero rappresentare un terreno fertile su quale far correre il proprio estro artistico.

Adoro la sofferenza con cui Sara inizia il cantato di Guilt, ma per gustarselo bisogna attendere la tredicesima traccia: suggerisco infatti di riconfezionare Grief and desire , arrangiarlo in alcuni momenti, renderlo più fruibile anche nella sua durata, aggiungerci però il videoclip .. perché è un biglietto da visita che vale di più di mille comunicati stampa.

Track list di Augustine – Grief and desire:
1. Grief And Desire
2. Augustine
3. Two Loves
4. Tell Her Lies
5. Hibiscus
6. In The Mountains
7. Caesious Was The Colour
8. A Dream
9. Reverie
10. Bruno
11. Bice
12. Speak Motherese
13. Guilt
14. Freckles
15. Azure

Credits:
- Prodotto da Augustine (Sara Baggini)
- Tutti i brani composti da Sara Baggini.
- Tutti gli strumenti e le voci: Sara Baggini. Registrato in home-recording a La Bruna (Perugia), Italy.
- Missato da Sara Baggini e Daniele Rotella.
- Immagine di copertina tratta dal video della canzone "Augustine" diretto da Francesco Biccheri.
Artwork: Sara Baggini e Antonio Rossi.







 Articolo letto 549 volte


Pagina stampabile