Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Mediaset pronta a portare sul canale 66 del digitale terrestre una sua radio
 

www.fanzine.net
 Interviste
•20/01 - Mario Iob: cantare e scrivere la salvezza e il dolore
•12/01 - Isabella Benaglia ci racconta i Thegiornalisti
•24/12 - Akroterion, ai confini delle tenebre.. partendo dallo storico black metal scandinavo
(altre »)
 
 Recensioni
•23/01 - Silent Kingdom Where Secrets Meet (Darknagar Records) – Suggestioni Prog balcaniche…
•22/01 - Keet & more - Overalls (Aloha dischi), una bomba di country folk da ballare
•22/01 - Taleia, il jazz elegante di Franco Finucci
(altre »)
 
 Comunicati
•23/01 - Teho Teardo in tour a gennaio con Music for Wilder Mann
•22/01 - Paolo Cavallone presenta a Rennes Metamorfosi d'amore
•19/01 - Il 24 Gennaio la pianista Cettina Donato in concerto all'Alexander Platz Jazz Club di Roma
(altre »)
 
 Rumours
•22/01 - Giulio Casale presenta Inexorable in concerto al Teatro Arciliuto
•19/01 - Pubblicato il primo singolo di Roberto Zampaglione dal titolo Che Mi Separa da Te feat Lastanzadigreta.
•18/01 - I Negrita in uscita con la raccolta I Ragazzi Stanno Bene
(altre »)
Rumours
Pubblicato il 20/06/2018 alle 18:01:48
Bombino e Sandro Joyeux al Monk per la Giornata Mondiale del Rifugiato
di Alessandro Sgritta
Per la Giornata Mondiale del Rifugiato il 20 giugno al giardino del Monk a Roma il doppio concerto del bluesman nigerino tuareg Bombino e dell'italo francese Sandro Joyeux, inizialmente previsto a Villa Ada.

Per la Giornata Mondiale del Rifugiato il 20 giugno al giardino del Monk a Roma il doppio concerto del bluesman nigerino tuareg Bombino e dell'italo francese Sandro Joyeux (a destra nella foto), inizialmente previsto a Villa Ada.

Una giornata all’insegna della solidarietà, del confronto e della festa che dal pomeriggio (ore 17,30) prosegue fino a tarda sera. Villa Ada – Roma incontra il mondo celebra oggi mercoledì 20 giugno la Giornata Mondiale del Rifugiato al Monk con #Withrefugees Live. In campo scendono l’Arci e l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), con la collaborazione del Servizio Centrale dello Sprar per sensibilizzare il pubblico sul dramma globale di oltre 65 milioni di persone costrette a fuggire dalle proprie case a causa di guerre, persecuzioni e violazioni dei diritti umani. A salire sul palco, alle ore 21, il cantautore italo-francese Sandro Joyeux che apre il concerto della stella del desert blues Bombino. Un set di world music di livello internazionale organizzato da ARCI e UNHCR con la collaborazione del Servizio Centrale dello Sprar. Tutto ad ingresso gratuito.

La giornata – originariamente prevista a Villa Ada - è stata spostata al circolo Arci Monk in Via Giuseppe Mirri 35. Il set di Awa Ly, per motivi tecnici e organizzativi dovuti al repentino cambio di location, totalmente indipendenti dalla volontà dell’artista che è impegnata da tempo e quotidianamente nella lotta per i diritti umani dei migranti e dei rifugiati, è stato annullato.

Bombino, con collaborazioni d’eccezione che spaziano da Keith Richards a Stevie Wonder, passando per Robert Plant e Jovanotti, è “uno dei migliori chitarristi blues viventi” (parola del New York Times). Inizia proprio dal Monk - con Villa Ada Roma Incontra il Mondo - il tour internazionale con cui presenta il nuovo album “Deran” (Partisan Records). Nigerino di etnia tuareg, il popolo nomade del nord Africa, Bombino è un musicista capace di dare suono compiuto al deserto e di portarlo con successo in tutto il mondo diventando la prima vera star tuareg. Per lui, ex rifugiato e costretto all'esilio a causa delle numerose ribellioni nella sua regione nativa, questo di Roma è un appuntamento importante e particolarmente significativo. Scritto e cantato interamente nella sua lingua madre (il Tamasheq), e registrato a Casablanca, mai come in questo disco Bombino vuole dimostrarsi vicino alla sua terra. Un ritorno a casa che vuole promuovere un messaggio di speranza e augurio, proprio come dice il titolo dell’album che in italiano significa “Migliori auguri”, a un mondo che sta vivendo un periodo di grande dolore e tumulto.

La giornata #Withrefugees Live inizia al Monk dal pomeriggio con un programma tutto declinato al femminile: si parte con laboratori e attività dedicate alle donne - alle rifugiate coinvolte nei progetti Sprar Aida e a tutte le donne che hanno voglia di partecipare; si prosegue con il vernissage della mostra "Aida Landtrait - Ogni corpo è paesaggio. Installazione etnografica sull’accoglienza (a cura di Alfonso Prota) e l’esposizione della mappa “JUMA - Refugees Map Service" realizzata dall'Arci nazionale in collaborazione con l'UNHCR.

A seguire, momento conviviale con cibi dal mondo ascoltando il live “Walking Sounds”, con i brani del cd realizzato dall’associazione “Un ponte per…”, frutto di una residenza musicale che ha coinvolto giovani siriani, curdi e iracheni.

Mercoledi 20 Giugno
Giornata mondiale del rifugiato e della rifugiata

Ore 19:00
Apericena e concerto “WALKING SOUNDS” con New Landscape (S. Rinaldi - violino, L. Chiavinato - oud, F. Ganassin - clarinetto basso, I. Macera - percussioni) a cura di Un Ponte Per...

Ore 21:00
#WithRefugees LIVE concerto con
- Bombino
- Sandro Joyeux

c/o MONK Roma- Circolo Arci
Via Giuseppe Mirri, 35 ROMA
Ingresso libero




 Articolo letto 1219 volte


Pagina stampabile