Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Forse i vinili costeranno di meno ed avranno maggiore resa sonora
 

www.fanzine.net
 Interviste
•12/07 - Quincy Jones, il jazz è libertà
•30/06 - In-Side: dentro la musica, fuori le emozioni!! Rock AOR & prog ..
•21/06 - Jouer et Danser con il Dos Duo Onirico Sonoro: la nostra intervista ..
(altre »)
 
 Recensioni
•14/07 - Capitano Merletti - Shortwaver from the u.f.o. channel (Cd Baby/Physical), il folk che viene da lontano
•13/07 - Fabio Curto: Rive, Volume 1 (Fonoprint)
•13/07 - Ringo Starr & His All Starr Band – Roma (Auditorium Parco della Musica) 11/07/2018
(altre »)
 
 Comunicati
•14/07 - Claudia Gerini canta Califano con il Solis String Quartet alla Casa del Jazz
•13/07 - Villa Ada - Roma incontra il mondo, è la settimana di Little Steven
•13/07 - Thomas ed Emma Muscat il 14 luglio a Gulp Music (Rai Gulp)
(altre »)
 
 Rumours
•15/07 - I Calibro 35 in concerto a Villa Ada con il loro nuovo disco Decade
•13/07 - Come nasce una canzone? Ce lo dice Marta Cagnola su Radio 24
•13/07 - Liam Gallagher, posticipate le date italiane di novembre
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 01/07/2018 alle 10:47:31
De Grinpipol - Elephants e il loro giro del mondo musicale in 9 canzoni
di Silvio Mancinelli
Dopo cinque anni tornano i De Grinpipol con Elephants, disco composto da nove canzoni con le quali si possono fare il giro del mondo dei decenni musicali.

Dopo cinque anni tornano i De Grinpipol con Elephants, disco composto da nove canzoni con le quali si possono fare il giro del mondo dei decenni musicali.

Le canzoni sono in inglese tranne una, la loro prima in italiano: Quello che importa, ma non più di tanto. Evidentemente con questo lavoro i De Grinpipol si sono voluti divertire, suonando canzoni che facessero pensare, in maniera evidente, a generi e suoni determinati e molto diversi tra loro.


Se “A wonder is about to start” è proprio nelle corde del Duca Bianco, “Pal – O – Matic” sembra una canzone di apertura di un disco degli Afterhours (vi ricordate “Simbiosi”?). Ma poi si continua con il pop alla Pulp, per passare allo stoner e alla new wave. E quindi, perché no, divertirsi pure con l'italiano, una volta tanto.

Possiamo dire che, in questo disco, si sono mossi come fanno Elio e le Storie Tese, sottraendo però l'elemento della demenzialità che si trova nei loro lavori. Questa varietà, che per me rimane un esercizio di stile, comunque dimostra la loro bravura e la padronanza di stili e dimostra che possono competere sia con i nuovi (Thegiornalisti), sia con i vecchi (appunto gli Afterhuors) leader della musica italiana, basta capire da grande cosa vogliono fare. Buon lavoro.

La tracklist:
1. Pal-o-matic
2. Divine
3. M/F
4. A wonder is about to start
5. Place to forget
6. Quello che importa ma non più di tanto
7. Something low, something high
8. Hooray
9. Sunrise






 Articolo letto 284 volte


Pagina stampabile