Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Forse i vinili costeranno di meno ed avranno maggiore resa sonora
 

www.fanzine.net
 Interviste
•12/07 - Quincy Jones, il jazz è libertà
•30/06 - In-Side: dentro la musica, fuori le emozioni!! Rock AOR & prog ..
•21/06 - Jouer et Danser con il Dos Duo Onirico Sonoro: la nostra intervista ..
(altre »)
 
 Recensioni
•14/07 - Capitano Merletti - Shortwaver from the u.f.o. channel (Cd Baby/Physical), il folk che viene da lontano
•13/07 - Fabio Curto: Rive, Volume 1 (Fonoprint)
•13/07 - Ringo Starr & His All Starr Band – Roma (Auditorium Parco della Musica) 11/07/2018
(altre »)
 
 Comunicati
•14/07 - Claudia Gerini canta Califano con il Solis String Quartet alla Casa del Jazz
•13/07 - Villa Ada - Roma incontra il mondo, è la settimana di Little Steven
•13/07 - Thomas ed Emma Muscat il 14 luglio a Gulp Music (Rai Gulp)
(altre »)
 
 Rumours
•15/07 - I Calibro 35 in concerto a Villa Ada con il loro nuovo disco Decade
•13/07 - Come nasce una canzone? Ce lo dice Marta Cagnola su Radio 24
•13/07 - Liam Gallagher, posticipate le date italiane di novembre
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 07/07/2018 alle 10:44:41
Praino - il disco di Praino ( Rec dischi indipendenti): la generazione Z si racconta
di Silvio Mancinelli
Francesco Praino e' un cantautore calabrese, alle prese con il suo primo lavoro, che non poteva non chiamarsi, Il disco di Praino. Come definire questo disco? Sicuramente di ottima fattura ed ironico.

Francesco Praino e' un cantautore calabrese, alle prese con il suo primo lavoro, che non poteva non chiamarsi, Il disco di Praino. Come definire questo disco? Sicuramente di ottima fattura ed ironico.

.. perchè è uno che prende per il culo, ma lo fa in maniera intelligente. Cd fruibile, anche perchè si ascolta in un lasso temporale di 30 minuti ed è di facile presa. Se proprio vogliamo incastrare questo album all'interno di qualche genere o scena in particolare, possiamo citare i nuovi autori come Galeffi e del panorama “indie” italiano.

Se chi scrive ha fatto parte della generazione X, Praino che è del 1989, fa parte di una generazione che definirei Z. Se la prima aveva problemi più che altro politici, con la estinzione di alcuni valori e la globalizzazione, i ragazzi di oggi hanno altri quesiti: la precarietà del lavoro, la destra che avanza, non avere intorno strutture che li possano aiutare.

E tutto ciò si ritrova in queste brevi canzoni ed il messaggio finale si sintetizza in una perenne insoddisfazione dei giovani che vorrebbero contribuire alla crescita del proprio Paese, ma sono rassegnati. Ottima tematica da approfondire e che lo differenzia da altri cantautori che parlano solo di amori sfigati.
Ciò che fa scendere di qualche punto il giudizio sul disco di Praino è che, dal punto di vista musicale, questa differenza con gli altri nuovi autori non si sente. Ma è un dettaglio.

La tracklist:
1) Agnello
2) Spleen
3) Disagio monolocale
4) Radical Chic
5) Faccio fatica
6) Martedì alle tre
7) Do disdetta






 Articolo letto 297 volte


Pagina stampabile