Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
5 G: l'asta in corso a favore della telefonia, lontane le tv ...
 

www.fanzine.net
 Interviste
•18/10 - Toquinho: L'Italia è la mia seconda patria
•08/10 - L'incontro con il folk singer Luigi Grechi, tra Ferlinghetti e la fake news su Joan Baez ..
•04/10 - Il tempo giusto di Simona
(altre »)
 
 Recensioni
•17/10 - Valente - Il blu di ieri - la new wave alla massima potenza
•17/10 - Claudio Baglioni – Firenze 16 Ottobre 2018, primo concerto del tour di Al Centro, un mercatino democratico di sogni e di canzoni
•16/10 - Mr Everett - Umanimal (Grifo Dischi) elettronica internazionale ed ItPop ..
(altre »)
 
 Comunicati
•18/10 - Federica Carta e Maggie & Bianca il 20 e 21 ottobre a Roma per il Rai Ragazzi Village
•18/10 - Al Bano per l'Associazione Paolo Zorzi Onlus
•18/10 - Al via dal 19 ottobre il tour di Carlot-ta che presenta Murmure nelle chiese e auditorium
(altre »)
 
 Rumours
•18/10 - Nasce MIA, il network concreto della Musica Indipendente per creare valore insieme
•18/10 - Backliner su Riccardo Sinigallia apre la 13esima Festa del Cinema di Roma
•17/10 - Shel Shapiro e Maurizio Vandelli in tour dal 10 dicembre
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 30/07/2018 alle 11:11:48
Dave Muldoon - Smoke Steel and hope (Prismopaco) la via classica dei rock rivive in questo disco
di Silvio Mancinelli
È di New York con origini irlandesi ma è in Italia da tanti anni, nonostante questo ha mantenuto il suo stile musicale, sto parlando di Dave Muldon e del suo “Smoke steel and hope”.

È di New York con origini irlandesi ma è in Italia da tanti anni, nonostante questo ha mantenuto il suo stile musicale, sto parlando di Dave Muldon e del suo “Smoke steel and hope”.

E' il suo secondo album e in questo lavoro ci sono ottime collaborazioni: Lino Gatti alla batteria (The Winstons), Milo Scaglioni al basso, Roberto Dellera (The Winstons, Afterhours), Chiara Castello (I'm Not a Blonde) e Micol Martinez ai cori. È un disco lineare e senza sorprese.

In queste dieci canzoni c'è quel sapore cantautorale che si ascolta mettendo su un disco di Dylan o di Young. È chiaramente un disco di classic rock, con un misto di folk, soul e gospel, un po' alla Tom Petty. Per certi versi si può dire che questo disco è una carta conosciuta, soprattutto per chi ha ascoltato chilate e chilate di dischi nella sua vita.

Qui si sentono le atmosfere di ambienti passati. D'altronde anche gli ex ribelli dei Peal Jam ormai suonano così venendo da percorsi diversi (ascoltate “Horizon”e immaginate di farla cantare a Vedder). Buon disco che piacerà ai nostalgici.

La tracklist

1) Die for you
2) New York city life
3) Nothing at all
4) Destiny's child
5) Mountain
6) Horizon
7) Dancing
8) Long time
9) On the radio
10) Get what you need






 Articolo letto 1028 volte


Pagina stampabile