Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Ai canali 45 e 55 del digitale terrestre della Sony interessate Mediaset, Viacom, Fox ed anche De Agostini
 

www.fanzine.net
 Interviste
•16/02 - Lora & The Stalkers: tra punk, rock'n roll e new wave
•31/01 - Irama a Sanremo per raccontare la violenza sulle donne
•28/01 - Tra numeri primi e robot rock indie: ecco Le Frequenze di Tesla ..
(altre »)
 
 Recensioni
•20/02 - Gwyn Ashton Solo Elektro (autoproduzione) – Quando hai una chitarra in mano…
•18/02 - Progetto Panico: Universo n.6
•18/02 - Earth to Ashes Earth to Ashes (autoproduzione) – Una bella rinconferma…
(altre »)
 
 Comunicati
•19/02 - Caba#Lo.Co & Cinici Sapori, rassegna di cabaret musicale al Circolo Arci di Osnago dal 23 Febbraio al 13 Aprile 2019
•18/02 - Jova Beach Party, attivato il tavolo tecnico tra Guardia Costiera e WWF
•18/02 - AIR - Artisti in Residenza il 18 febbraio all'Auditorium di Roma
(altre »)
 
 Rumours
•19/02 - Tufello World Festival: il 22 Febbraio concerto di Ousmane Coulibaly
•18/02 - Mahmood vince anche il Festival della stampa e del media
•18/02 - La tribute band sui Nirvana piu' famosa negli States a Marzo in tour in Italia
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 31/07/2018 alle 08:37:44
Zizzania - Eclissi (Vrec, 2018) Rock classico che diventa moderno
di Gianni Della Cioppa
Quintetto di Sciacca che suona moderno guardando al passato. Nascono così dieci canzoni che mescolano Litfiba, Timoria, ma non dimenticano la lezione di certo rock d’autore più classico, con echi di Enrico Ruggeri e del Battiato anni ’90.

Quintetto di Sciacca che suona moderno guardando al passato. Nascono così dieci canzoni che mescolano Litfiba, Timoria, ma non dimenticano la lezione di certo rock d’autore più classico, con echi di Enrico Ruggeri e del Battiato anni ’90.


Scrivo di “Eclissi” poche ore dopo che tutta Italia era a testa all’insù a guardare la centenaria eclissi di Luna. Forse è un caso, ma resta il fatto che proprio durante l’affascinante fenomeno, scorrevano nel mio stereo queste canzoni. Che sia stato un caso o no poco cambia, perché l’essenza del rock dei Zizzania sta tutta in una canzone come “Sei gocce di veleno”, un riff che introduce un crescendo epico, su cui la voce di Umberto Coco si staglia sicura, per poi esplodere in un ritornello fresco, che ci porta dritto agli anni ’90 del rock tricolore.

Ecco, il tenore dell’album è questo, un gioco ad incastro, tra rievocazioni di un periodo indimenticabile del nostro rock e l’attenzione a liriche mai banali, come dimostrano la ritmata “Eclissi”, il singolo “Perdere le tracce” e l’incedere solenne di “Oblio”.

Discorso a parte per “Forma e sostanza” e “Mentre dormi” che giocano con un groove quasi ballabile, che porta alla mente i dispersi Subsonica. “Causa effetto” è cucita su una melodia che funzionerebbe nelle radio, se solo decidessero di non essere unidirezionali, offrendo spazio ad artisti di cui tra pochi mesi non ricorderemo nemmeno il nome.

L’album si chiude con l’acustica “Fortuna”, che dimostra come anche
con la spina staccata i Zizzania ci sappiano fare.

Al secondo album i Zizzania, che dal vivo sanno essere convincenti, dimostrano di essere cresciuti, esibiscono una maturità di scrittura, che li distingue dai tanti gruppi rock italiani senza personalità.

C’è la fuori un gruppo interessato ad ascoltarli? Lo meriterebbero.









 Articolo letto 2471 volte


Pagina stampabile