Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Ai canali 45 e 55 del digitale terrestre della Sony interessate Mediaset, Viacom, Fox ed anche De Agostini
 

www.fanzine.net
 Interviste
•16/02 - Lora & The Stalkers: tra punk, rock'n roll e new wave
•31/01 - Irama a Sanremo per raccontare la violenza sulle donne
•28/01 - Tra numeri primi e robot rock indie: ecco Le Frequenze di Tesla ..
(altre »)
 
 Recensioni
•16/02 - Randevu - Omonimo (Bassa Fedeltà rec.), la rivoluzione dolce del rock continua
•16/02 - Dogmate Dual (Music Up Records Studio/Murdher Records/Riccardo Rosini Management) – A noi interessa menare…
•15/02 - No regrets - Frances P tra soul e R&B con un pensiero a Janis Joplin
(altre »)
 
 Comunicati
•16/02 - I Sudoku Killer di Caterina Palazzi presentano Asperger al Klang di Roma
•14/02 - Gli Uncledog tornano con Passion Obsession
•14/02 - Pierdavide Carone e Dear Jack sabato 16 febbraio a Gulp Music
(altre »)
 
 Rumours
•14/02 - Einar, il 15 febbraio esce Parole Nuove
•14/02 - I milanesi Thema in gara al Festival Internacional de la Canción de San Francisco in Cile
•14/02 - Superstar, il nuovo brano di Clara Marvulli ossia Clara Marv, produzione griffata Honiro Ent ..
(altre »)
Comunicati
Pubblicato il 01/08/2018 alle 18:10:02
Montelago Celtic Festival, musica celtica in Umbria
di Manuela Ippolito Giardi
Il popolo di Montelago si riunisce da ogni parte d’Italia e d’Europa per celebrare con la musica celtica la Natura nella festa druidica più d’avanguardia nel panorama musicale: il Montelago Celtic Festival.

Il popolo di Montelago si riunisce da ogni parte d’Italia e d’Europa per celebrare con la musica celtica la Natura nella festa druidica più d’avanguardia nel panorama musicale: il Montelago Celtic Festival.

A Montelago, nell’altopiano di Colfiorito nel cuore nel cuore dell’Appennino Umbro – Marchigiano giovedì 2, venerdì 3 e sabato 4 agosto, si riuniranno 20 mila persone di tutte le età e di tutte le nazionalità con i migliori gruppi contemporanei di musica celtica in una festa dallo spirito gallico; in una immersione totale negli incontaminati luoghi anticamente abitati dalla tribù gallica dei Senoni che si stabilì nel territorio nel periodo preromano.

Un grande villaggio di tende, una vera e propria città sta nascendo nell’altopiano della montagna marchigiana, una comunità che si animerà dal nulla, nella distesa di prato dell’altopiano e per tre giorni diventerà un perfetto ed organizzato insediamento umano di famiglie e di persone che con le loro tende vengono da tutto il mondo per condividere il piacere di ritrovarsi a contatto con la natura con la grande musica celtica.

Il palco live di Montelago ha ricercato con perseveranza il contatto diretto con un genere musicale in continua evoluzione, che vede in prima linea giovani musicisti europei e di tutto il mondo cimentarsi con una nuova idea di sperimentazione. Un luogo di incontro, scambio e contaminazione, un laboratorio europeo dove nascono le grandi produzioni musicali destinate a lasciare il segno. Dalla penisola Iberica, dalla Francia, dall’Irlanda e dal Canada, cornamuse, arpe e flauti cercano nuovi incastri e soluzioni stilistiche mescolandosi con generi e stilemi musicali molto diversi.

Un’esplosione di fantasia che utilizza la sapienza strumentale al totale servizio della creatività, che conserva la musica tradizionale come pietra filosofale e la mescola per dar vita ad una visione, ad una vera e propria magia. Decine di concerti per una maratona di musica live tra performance ufficiali e jam session estemporanee anche in notturna, stage e master class a cura dei Maestri dell’Accademia Montelago, con la voce sotto traccia della regia di Arte Nomade che tira la volata a giovanissimi gruppi e disegna sentieri musicali inediti che portano lontano, come quelli che condurranno i vincitori dell’European Celtic Contest, concorso in programma domani giovedì 2 agosto per nuove proposte creative del panorama folk europeo. Montelago, tappa fondamentale per ogni viaggiatore sonoro, non è soltanto una meta nomade per natura, il Festival accoglie e poi spinge a ripartire, per una musica condivisa che va oltre ogni barriera.

Il Montelago Celtic Festival ospiterà nella sua tre giorni gruppo di musica celtica da tutto il mondo, tra le band straniere che si alternano sul palco i FullSet dall’Irlanda i Rarefolk dalla Spagna, The Mahones dal Canada, i Digresk dalla Francia e tra le band italiane Riserva Moac & Bukurosh Balkan Orkestra, i Rumpled Folk Band, i Shadygrove, i The Gamblers, la band tutta al femminile delle Uttern, i Wooden Legs, i Brutti di Fosco, i Fragment, i Hurry Up! & Rois, i Lou Tapage, i Lumacorni e Mortimer Mc Grave che si esibiranno con vero spettacolo musico-circense alternandosi con la BeinnLoch Pipe Band, la BeinnLoch brass band e gli artisti del Circo BeinnLoch Takimiri, per un funambolico show tra cornamuse e ottoni, danze, pitoni, lanciatori di coltelli, contorsionisti e angeli in volo.

Faranno da sfondo alla manifestazione: la celebrazione reale di ben venti matrimoni secondo la tradizione celtica, seminari di musica antica, incontri con i grandi personaggi del mondo della letteratura Tolkeniana e del cinema che hanno lavorato alla realizzazione dei draghi di Game of Thrones come il loro animatore Jonathan Symmonds che illustrerà il suo stupefacente lavoro risultato di ore di studi e preparazione.

Il 3 agosto l’appuntamento è con il più grande evento di gioco di ruolo dal vivo, fra un assedio e un torneo d’arme, si svolgerà “Battle for Vilegis”, dedicato a chi ha da sempre avuto il desiderio di vestire i panni di un barbaro, di un mercenario, di un cavaliere, in un contesto medievale-fantasy prenderà vita un mondo pieno di sorprese e di personaggi da conoscere, duelli da combattere, luoghi da esplorare.

24 concerti non stop, cultura, artigianato, stage e laboratori, rievocazioni, attività all’aria aperta e gastronomia tutto nella tre giorni all’insegna della riscoperta di una relazione profonda, di rispetto, dialogo e d’interazione tra gli uomini e la natura.




 Articolo letto 2049 volte


Pagina stampabile