Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Martedi' 30 Ottobre si decide per la vendita dei 5 mux di Persidera. societa' con TIM e GEDI ..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•15/12 - Musica e parole, vedrai che ci salveranno: incontriamo Gioacchino Cottone dei Jack & The Starlighters ..
•10/12 - Anema, il cuore mediterraneo del Rock Progressivo.
•03/12 - Opera Oscura: romanticismo (metal) progressivo.
(altre »)
 
 Recensioni
•15/12 - Gianni Maroccolo - Alone vol.1 (Contempo records) la ricerca di nuovi linguaggi musicali
•14/12 - Isabella Benaglia - Thegiornalisti – Roma, Riccione, Pamplona e altri lidi (Arcana)
•14/12 - DOS Duo Onirico Sonoro – Jouer Et Danser (Filabusta)
(altre »)
 
 Comunicati
•15/12 - Io vado a Genova, artisti uniti per la città di Genova
•15/12 - Martina Attili, pronto l'EP di debutto della rivelazione di X Factor 2018
•14/12 - Afragola, con i Goblin, Il Balletto di Bronzo e Vincezo Zitello si concludera' Afraka' Rock Festival
(altre »)
 
 Rumours
•15/12 - BowLand, ecco l'EP di debutta dei finalisti di X Factor 2018
•14/12 - Gabriele Ciampi il 20 dicembre ospite di Radio Rai
•13/12 - Frank Zappa Roma, una mostra fotografica a Roma
(altre »)
Comunicati
Pubblicato il 10/08/2018 alle 12:08:32
Kaiju: Smile Upon The Sea è il primo video estratto dall'omonimo album della band.
di Beatrice Bonato
Un video al mare decisamente paradossale per la rock band che prende il nome dai mostri nipponici creati dalle radiazioni.

Kaiju è l’omonimo album della rock band laziale uscito ad inizio 2018 per Neos Kronos: dal disco è stato estratto il primo singolo e videoclip “Smile Upon The Sea” diretto da Antonio Zannone. Il video è ispirato a un noto centro di cura per la salute mentale del Sud Italia, caratterizzato dall'accesso a una spiaggia sul mare dove i pazienti vengono assistiti in un crescendo di situazioni paradossali.

Kaiju prendono il nome dal termine nipponico che descrive i mostri misteriosi generatesi da altri animali investiti dalle radiazioni atomiche, cambiando così forma e dimensioni. Principio che avviene anche nella formazione nata dalle ceneri dei De Void, rinata nel 2017 come Kaiju con rinnovata ed ampliata energia creativa.

La band formata da Ivan “Gojira” Franzini (voce/chitarra), Gianluca “Mosquito” Merenda(chitarra), Antonio “Void” Colaruotolo (basso), Augusto “Snakeseater” Bortoloni (batteria) propone un inedito mix tra hard rock, progressive, funky-fusion e i ritmi, le melodie e i linguaggi mediterranei. I brani, nati dalla mente di Gojira (Voce e compositore della band), poi sviluppati dal resto della band, sono un amalgama degli ascolti di cui ogni componente ha goduto parallelamente l’uno dall’altro: dal Jazz al blues, dal rock classico al metal, dalla musica etnica estera a quella italiana. Ogni brano racconta di una storia diversa che metaforicamente rappresenta la vita reale, i suoi difetti e le sue difficoltà. I vari personaggi (per la maggior parte di pura fantasia) che si susseguono nei vari brani non sono altro che la rappresentazione metaforica di varie categorie di individui realmente rappresentativi della società moderna occidentale e non. Dieci brani tra cui spicca la title track o le più esplicite “Italy’s a Bitch” e “Clam Academy” e la trascinante “Smile Upon the Sea” scelta come primo singolo.

Cenni biografici / Dopo aver riscosso consensi in vari festival italiani e dopo la pubblicazione dell’album “Wahed” (Oinè Records, 2006), i De Void interrompono la loro attività fino a qualche anno dopo, quando il leader Ivan Gojira Franzini e il bassista Antonio Void Colaruotolo decidono di riformare un combo per ripartire da dove i De Void si erano fermati e ampliare ancor di più la loro idea di crossover musicale. La band assume una nuova identità: i Kaiju, che pubblicano ad inizio 2018 il primo album omonimo della band, disponibile sui principali digital store del web.







 Articolo letto 1472 volte


Pagina stampabile