Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Martedi' 30 Ottobre si decide per la vendita dei 5 mux di Persidera. societa' con TIM e GEDI ..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•13/11 - Silvano Piari ed il mondo delle discoteche, ma anche quello de La Galleria del Disco a Firenze ..
•10/11 - Tytus: heavy rock friulano, corposo e nobile
•07/11 - Intervista a Marcello Mautone, il cantante dei Blugrana … per superare il piattume della discografia italiana.
(altre »)
 
 Recensioni
•17/11 - Mumble Rumble – Insidious Inside (Latlantide/Edel) Bologna non è mai banale
•17/11 - Nosexfor - Omonimo il nuovo rock che guarda al passato
•16/11 - Nowhere - Nowhere (Betulla records) l'elettronica dal sapore internazionale
(altre »)
 
 Comunicati
•17/11 - Un giorno storico è il nuovo singolo di Giulio Casale
•17/11 - Il concerto di Natale? Tradizionale e solidale: a Milano si inizia il 18 Novembre ..
•16/11 - Mirko Signorile presenta Trio Trip alla Casa del Jazz
(altre »)
 
 Rumours
•17/11 - Steve Wynn e Chris Cacavas a Le Mura di Roma con Graziano Romani e Rodrigo D'Erasmo
•16/11 - Chris Cornell, in un box l'eredità artistica del rocker
•16/11 - Assomusica, Vincenzo Spera componente del Consiglio superiore dello spettacolo
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 28/08/2018 alle 09:01:27
Opera Oscura – Disincanto (Andromeda Relix/Lizard, 2018) Il prog metal rock che incanta!
di Beatrice Bonato
“Disincanto” è un incanto. Uno dei dischi di prog rock più belli dell’anno. È quel suo abbracciare l’heavy metal e poi fuggire, in un gioco a rincorrersi che ammalia, senza dare riferimenti sicuri, la vera meraviglia.

“Disincanto” è un incanto. Uno dei dischi di prog rock più belli dell’anno. È quel suo abbracciare l’heavy metal e poi fuggire, in un gioco a rincorrersi che ammalia, senza dare riferimenti sicuri, la vera meraviglia.

Gli Opera Oscura sono il progetto del tastierista Alessandro Evangelisti che ha scritto tutte le musiche e buona parte dei testi. Ha lavorato sodo per trovare i musicisti giusti a cui affidare le sue partiture. E non c’è dubbio che abbia scelto bene, il chitarrista Alfredo Gargaro è parte attiva dell’album, il suo strumento è fondamentale nel ricamare trame, sia ritmiche che soliste.

A dare ulteriori meraviglia sono le voci di Francesca Palamidessi e Serena Stanzani: la prima libera il suo talento in tre brani, rendendo meravigliose “A Picco sul mare”, “Gaza” e “Dopo la guerra”, che alternano parti per soli strumenti cariche di pathos ed emozione. Serena invece si prende la scena in “Il canto di Sìrin”, docile madrigale per pianoforte e canto.

Con “La metamorfosi dei sogni” e “Pioggia nel deserto” emerge la carica del gruppo, che propone partiture strumentali che deviano stilisticamente senza riferimenti, tra prog, metal e riferimenti classici.

In chiusura “Resti” è un tappeto di pianoforte che evidenzia la preparazione e la fantasia di Alessandro Evangelisti, la mente dietro questo splendido progetto.

L’unico rammarico è che un album della bellezza di “Disincanto” - la copertina, da un'immagine di George Grie, è una meraviglia - - non verrà proposto dal vivo. Non vi resta quindi che procurarvi il cd.

Se amate il rock progressivo e tutto ciò che gli naviga intorno, fareste un grave errore a trascurare questo meraviglioso “Disincanto”.








 Articolo letto 1374 volte


Pagina stampabile