Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Ai canali 45 e 55 del digitale terrestre della Sony interessate Mediaset, Viacom, Fox ed anche De Agostini
 

www.fanzine.net
 Interviste
•16/02 - Lora & The Stalkers: tra punk, rock'n roll e new wave
•31/01 - Irama a Sanremo per raccontare la violenza sulle donne
•28/01 - Tra numeri primi e robot rock indie: ecco Le Frequenze di Tesla ..
(altre »)
 
 Recensioni
•20/02 - Gwyn Ashton Solo Elektro (autoproduzione) – Quando hai una chitarra in mano…
•18/02 - Progetto Panico: Universo n.6
•18/02 - Earth to Ashes Earth to Ashes (autoproduzione) – Una bella rinconferma…
(altre »)
 
 Comunicati
•19/02 - Caba#Lo.Co & Cinici Sapori, rassegna di cabaret musicale al Circolo Arci di Osnago dal 23 Febbraio al 13 Aprile 2019
•18/02 - Jova Beach Party, attivato il tavolo tecnico tra Guardia Costiera e WWF
•18/02 - AIR - Artisti in Residenza il 18 febbraio all'Auditorium di Roma
(altre »)
 
 Rumours
•19/02 - Tufello World Festival: il 22 Febbraio concerto di Ousmane Coulibaly
•18/02 - Mahmood vince anche il Festival della stampa e del media
•18/02 - La tribute band sui Nirvana piu' famosa negli States a Marzo in tour in Italia
(altre »)
Comunicati
Pubblicato il 02/10/2018 alle 15:22:28
A teatro Volevamo essere gli U2 ma forse era meglio Vasco di Umberto Marino
di Manuela Ippolito Giardi
Il teatro Argot Studio di Roma è lieto di presentare, dal 3 al 21 ottobre, il ritorno di uno spettacolo del 1990 a cui è molto affezionato: "Volevamo essere gli U2" di Umberto Marino.

Il teatro Argot Studio di Roma è lieto di presentare, dal 3 al 21 ottobre, il ritorno di uno spettacolo del 1990 a cui è molto affezionato: ventotto anni fa, infatti, un gruppo di giovani attori ancora poco noti ha dato vita allo spettacolo di Umberto Marino "Volevamo essere gli U2".

Oggi quel gruppo si è riunito nel sequel "Volevamo essere gli U2 ma forse era meglio Vasco", una pièce in cui i protagonisti fanno i conti con le proprie vite, con i desideri e quindi con i sogni infranti di una generazione.

La vecchia cantina in casa dell'amico ricco, la cantina in cui suonavano da ragazzi. Uno dopo l'altro arrivano cinque cinquantenni che si portano dietro il loro strumento.

Filippo, il sesto elemento della loro band di quando erano giovani, è morto. Aveva un desiderio, che al suo funerale il suo vecchio gruppo suonasse dei pezzi del suo repertorio.

Anche se non tutti hanno voglia di rivedersi e di confrontare i successi e le sconfitte, come si fa a dire no alla vedova, a non realizzare il desiderio dell'amico scomparso?

C'è un solo giorno di tempo per tentare di mettere in piedi il piccolo concerto e bisogna anche trovare il sostituto di Filippo.

Quella giornata diventa l'occasione per fare un bilancio di una generazione che sembrava dovesse essere la più privilegiata della storia e invece si è ritrovata ad essere la prima a sperimentare la grande ritirata, la prima enorme involuzione economica e sociale dal dopoguerra a oggi.

Quel pomeriggio è una prova dura per tutti, perché, se i conti bisogna farli per primi con se stessi, poi arriva il momento di farli anche con gli altri, con i coetanei e con i figli.

Ma come tanti anni prima la musica fa il suo miracolo facendo capire che, pur nelle sconfitte e con i capelli che diventano bianchi, l'importante, come dice la canzone di Vasco che suoneranno per ultima, è Vivere.

Dal 3 al 21 Ottobre 2018
al Teatro Argot Studio

scritto e diretto da Umberto Marino

con (in o.a.) Marco Galli, Enrico Lo Verso, Alberto Molinari, Carolina Salomè, Francesca Sau, Federico Scribani

scene Alessandro Chiti
costumi Paola Bonucci
light designer Giuseppe Filipponio
regista assistente Maria Stella Taccone
assistente volontario Claudio Cesaroni





 Articolo letto 1413 volte


Pagina stampabile