Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Ai canali 45 e 55 del digitale terrestre della Sony interessate Mediaset, Viacom, Fox ed anche De Agostini
 

www.fanzine.net
 Interviste
•16/02 - Lora & The Stalkers: tra punk, rock'n roll e new wave
•31/01 - Irama a Sanremo per raccontare la violenza sulle donne
•28/01 - Tra numeri primi e robot rock indie: ecco Le Frequenze di Tesla ..
(altre »)
 
 Recensioni
•16/02 - Randevu - Omonimo (Bassa Fedeltà rec.), la rivoluzione dolce del rock continua
•16/02 - Dogmate Dual (Music Up Records Studio/Murdher Records/Riccardo Rosini Management) – A noi interessa menare…
•15/02 - No regrets - Frances P tra soul e R&B con un pensiero a Janis Joplin
(altre »)
 
 Comunicati
•16/02 - I Sudoku Killer di Caterina Palazzi presentano Asperger al Klang di Roma
•14/02 - Gli Uncledog tornano con Passion Obsession
•14/02 - Pierdavide Carone e Dear Jack sabato 16 febbraio a Gulp Music
(altre »)
 
 Rumours
•14/02 - Einar, il 15 febbraio esce Parole Nuove
•14/02 - I milanesi Thema in gara al Festival Internacional de la Canción de San Francisco in Cile
•14/02 - Superstar, il nuovo brano di Clara Marvulli ossia Clara Marv, produzione griffata Honiro Ent ..
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 07/10/2018 alle 11:08:26
Sinfonico Honolulu - Thousand souls of revolution - come proteggere la cultura musicale dall'oblio
di Silvio Mancinelli
Non poteva che avere una copertina del genere “Thousand souls of revolution”, il nuovo disco dei Sinfonico Honolulu che ripropongono molto brani alternativi internazionali.

Non poteva che avere una copertina del genere “Thousand souls of revolution”, il nuovo disco dei Sinfonico Honolulu.

Il gruppo, per chi non sapesse, è composto da Steve Sperguenzie (voce, ukulele, percussioni), Franzo Francesco Damiani(voce, ukulele),Gianluca Milanese(voce, ukulele), Filippo Cevernini(basso, cori, arrangiamenti), Antonio Ghezzani (ukulele), Leonardo Frangioni(ukulele, cori),Luigi Iasilli (ukulele, cri),Filippo Papucci (basso).

Praticamente è una orchestra nella quale al centro di tutto c'è l'ukulele. Già la cover del disco fa capire dove si va a parare: un misto di London Calling e Cash. E difatti il disco è un album di cover, ma rispetto a chi non aggiunge nulla a quello che già c'è e a quello che l'autore originale vuole ispirare, qui le canzoni sono praticamente originali.

La cosa bella del disco è che la band si è impossessata di queste dodici canzoni e le hanno fatto proprie. Non proprio canzoni popolarissime, perché per esempio non tutti conoscono Echo & The Bunnymen o i PIL. L'operazione riesce quasi alla perfezione, e nulla è lasciato al caso, forse in alcuni tratti si perde un po' di epica.

Un disco nel quale i Joy Division, i Depeche Mode, i Ramones, i Cure, gli Ultravox e tanti altri riprendono vita. E come se loro fossero Gesù e avessero detto: “Lazzaro, alzati e cammina” a queste gemme. Da ascoltare e li metterò nella mia personale playlist di Spotify.

La tracklist

1) This is not a love song
2) Cartepillar
3) Strange little girl
4) Try try try
5) The killing moon
6) Oh oh J love her so
7) Personal Jesus
8) Lonely boy
9) Johnny come home
10) Mistify
11) The voice
12) Love will tears us apart





 Articolo letto 1545 volte


Pagina stampabile